Alert - Nibiru is coming

Il Pensiero di Angeli in Astronave

Angeli in Astronave è distaccato da tutti coloro che professano amore…e in realtà guadagnano con la sapienza che non gli appartiene… ribadisco …nomi altisonanti … artefatti di strani effetti speciali …visivi o non… strumentalizzare… gruppi di appartenenza…donazioni … plagio… bugie da effetto… mancanza di umiltà… falsi nel pubblico…violenti nelle mura domestiche… guru e maestri …diffidate da ogni cosa artefatta… l’Amore unisce in semplicità…non ha bisogno di una carta scritta…la Verità non si vende ne si compra…fatene tesoro… Dolbyjack!

"Con riferimento al Decreto legislativo 9 aprile 2003, n.70 che si occupa di Attuazione della direttiva 2000/31/CE. Facendo anche riferimento al libro verde sulla tutela dei minori e della dignità umana nei servizi audiovisivi e di informazione COM (96) 483, il presente sito web: (Angeli in Astronave) è fruibile a soli Maggiorenni e pertanto proibito a tutti coloro che siano sofferenti psichici o vulnerabili ad informazioni di questo tipo e quindi influenzabili dal punto di vista psicologico.”

Buona Navigazione Cari Angeli, Namasté..

Video Discosure-Nibiru e Mauro Biglino

Riflessioni

La dottrina e pratica più blasfema della Chiesa Cattolica è quella della transustanziazione e del sacrificio della messa. La transustanziazione (fatta dogma dal concilio Lateranense IV nel 1215, elaborata in seguito da Tommaso d'Aquino e sancita definitivamente dal Concilio di Trento) insegna che: il pane e il vino, al momento della consacrazione vengono dal sacerdote cambiati nel corpo e nel sangue di Gesù Cristo (ogni giorno quindi vengono all'esistenza migliaia e migliaia di nuovi Gesù). La Scrittura insegna che nella cena c'è solo la presenza spirituale di Gesù (Luca 22:19-20; Giovanni 6:63; 1 Corinzi 11:26). Inoltre, nell'adorazione dell'ostia, la Chiesa di Roma adora un dio fatto dalle mani di uomini. Questo è il colmo dell'idolatria, ed è completamente contrario allo spirito del Vangelo che richiede di adorare Dio in spirito e verità (Giovanni 4:23-24). Carlo Fumagalli ex prete ed antropologo

Rasoio di Ockam suggerisce che: "tra varie spiegazioni possibili di una data osservazione, quella più semplice ha maggiori possibilità di essere vera".

DA QUANDO E' DIVENTATO REATO AVER CARA LA VITA?

"Nessuna causa è persa finché ci sarà un solo folle a combattere per essa".

Disclose.tv - ANONYMOUS MESSAGE TO NASA ABOUT ETS
http://www.disclose.tv/action/viewvideo/104638/ANONYMOUS_MESSAGE_TO_NASA_ABOUT_ETS/ Agenzia spaziale più importante del mondo, ti abbiamo osservato e ascoltato per molto tempo, siamo contrariati dalle tue costanti smentite e insabbiamenti, sappiamo tutti i tuoi piccoli e sporchi segreti e i trucchetti che usi. Sappiamo come hai falsato tutte le immagini della superfce dei pianeti e dei satelliti che li circondano, sappiamo come hai falsato e nascosto la verità al mondo. Ora abbiamo abbastanza filmati immagini e informazioni che tu non hai. Saremo capaci di mostrare la verità e lo faremo presto, pensi che stiamo bleffando? allora ascolta, la complessità della loro abilità è incomprensibile[...]l'ormeggio dei loro veicoli sembra molto NASA(non diciamo di più) è per i tuoi trucchi?Sappiamo anche come hai rilasciato strani fotogrammi che mostrano dischi che visitano e poi lasciano la terra e hai consigliato agli astronauti di menzionare volta per volta gli ufo, questo è per far credere che sai molto poco di quello che stà accadendo (mentre altri pensano di aver trovato la verità) ma in realtà la verità è così incomprensibilmente vasta e così semplice che sfugge anche ai migliori dispositivi e menti. Ora, sai che facciamo sul serio. Ora ci rivolgiamo a tutti i cittadini del mondo, le entità extradimensionali non sono malvagie come vogliono farvi credere, al contrario, hanno creato il nostro universo quindi sono presenti da prima di noi, non c'è nienti di cui temere, questo è l'inizio della rivoluzione spirituale ed evoluzione della specie umana Traduzione per Angeli in Astronave Raffaele V.

video prova

La morte non esiste è una invenzione della Chiesa Cattolica - Guarda il video e capirai| Nuove tecnologie ci renderanno liberi

sabato 15 novembre 2014

Planet X: le anomalie sui pianeti del Sistema Solare sono dovuti alla presenza di Nemesis

px

Il ricercatore, Cristian Negureanu, ha inviato un resoconto di ciò che sta succedendo nel nostro sistema solare. Un enorme forza gravitazionale dovuta alla presenza di un altro sistema planetario, governato dalla stella Nemesis e circondata da alcuni pianeti tra cui NIbiru (Planet X),  sta influenzando alcuni pianeti come Urano, Saturno, Giove,  la Terra e la nostra stella, il Sole.

Non a caso i reali cambiamenti del clima, dell’attività vulcanica, dell’intensificazione dell’attività sismica e dei bombardamenti meteoritici, per non dimenticare gli intensi avvistamenti di Comete provenienti dalla Nube di Oort, sono dovuti all’effetto gravitazionale dei pianeti esterni di Nemesis (Dark Star), che si sta avvicinando al nostro sistema solare.

oort_planetx

Osservato per la prima volta il 21 ottobre 2003 utilizzando il telescopio  Oschin, sul Monte Palomar (California), scoperto da Michael E. Brown, Chad Trujillo, David L. Rabinovitz, il 5 Gennaio 2005, sulla base delle foto scattate nella data sopra indicata, è stato chiamato 2003 – UB – 313,  conosciuto nell’antichità con nomi diversi come appunto, Nibiru, Marduk, Nemesis, Hercolubus, il Pianeta degli Dei, il Pianeta dell’Impero, il Pianeta della Croce o il Pianeta Rosso.

Misteriose tempeste nell’atmosfera di Urano

Una tempesta nell’atmosfera di Urano sta sorprendendo gli astronomi. Le recenti osservazioni del team guidato da Kunio M. Sayanagi dell’Università di Hampton, effettuate con il telescopio spaziale Hubble e le riprese fatte con la fotocamera NIRC2 del telescopio Keck II da 10 metri hanno messo in evidenza una strana anomalia.

anomalie urano

Il cielo di Urano è diventato sempre più tempestoso. Vasti e brillanti sistemi nuvolosi stanno attraversando l’atmosfera verde bluastra del gigante gassoso. Il 5 e il 6 agosto 2014 il team capitanato da Heidi Hammel (Association of Universities for Research in Astronomy) e Pat Fry (Università del Wisconsin) ha effettuato delle riprese con la fotocamera NIRC2 del telescopio Keck II da 10 metri. Le osservazioni effettuate alla lunghezza d’onda di 2.2 micron hanno permesso di rilevare le nuvole al di sotto della tropopausa, una regione dell’atmosfera in cui la pressione varia da circa 300 a 500 mbar (circa la metà di quella registrata sulla superficie terrestre). Le osservazioni hanno evidenziato otto grandi tempeste nell’emisfero nord, che rappresentano il 30 per cento di tutta la luce riflessa dall’intero pianeta a quelle lunghezze d’onda. Gli astronomi amatoriali, colpiti da questa attività insolita, hanno puntato i loro telescopi verso il pianeta cercando di osservare le tempeste. Il francese Marc Delcroix è riuscito ad individuarle elaborando le immagini riprese da Régis de-Benedictis e dagli altri compagni astrofili nei mesi di settembre e ottobre. Successivamente ha condotto ulteriori osservazioni col telescopio da un metro di Pic du Midi posto sui Pirenei francesi, ottenendo importanti informazioni scientifiche.

Torna la super macchia solare

È recente la notizia (ANSA) riguardante il ritorno della più grande macchia solare degli ultimi 25 anni. Chiamata AR12192, la macchia è di nuovo visibile sul Sole,  anche se la sua attività appare più moderata rispetto alla sua prima comparsa, a metà ottobre, quando aveva generato intense eruzioni.

Sole-eruzione

Il punto ”non è tanto prevedere se ci sarà o meno un’eruzione solare, quanto riuscire a comprendere quali siano le caratteristiche che permettono di stabilire subito se l’eruzione avrà un impatto sulla Terra”, spiega Vincenzo Carbone, presidente del primo gruppo di lavoro italiano dedicato alla meteorologia spaziale, lo Swico (Space Weather Italian Community) e docente di Fisica dei sistemi complessi nell’università della Calabria.

Allerta rapida
Dobbiamo essere pronti – spiega il Dr. Carbone –  e riuscire a dare in tempo utile l’allerta nel caso in cui le particelle liberate dall’attività solare possano colpire la Terra, causando tempeste geomagnetiche capaci di danneggiare i satelliti per le telecomunicazioni o di provocare blackout elettrici. Oltre a tenere d’occhio il Sole, obiettivo del servizio sarà controllare le possibili minacce che potrebbero arrivare da detriti spaziali e asteroidi che sono in aumento e rischiano di incrociare l’orbita della Terra.” “Siamo una società molto dipendente dalla tecnologia spaziale” sottolinea Carbone. Basti pensare, aggiunge, che l’intensa tempesta geomagnetica accaduta nel 1859 causò solo spettacolari aurore e problemi ai telegrafi ma oggi, solo negli Stati Uniti, provocherebbe danni per 2.000 miliardi di dollari, fra guasti alla rete elettrica e ai satelliti per le telecomunicazioni. ”Sapendo in anticipo che sta per arrivare una tempesta geomagnetica, per non subire danni – rivela l’esperto – basta spegnere i dispositivi interessati”.

tempeste solari

Ovviamente non si può spegnere una centrale elettrica ogni volta che c’è il rischio di una tempesta geomagnetica ma, aggiunge, ”possiamo concentrarci solo sugli eventi potenzialmente più dannosi e monitorali”. Inoltre, aggiunge, la rete di esperti italiani che fa parte di Swico, intende intensificare gli studi sui fenomeni solari, come eruzioni e l’emissione di bolle di gas dalla corona, attualmente imprevedibili, per comprendere se ci siano ‘spie’ che possano annunciarli.

Cambiamenti nel Sistema Solare

Le piogge meteoriche che arrivano ed entrano nell’atmosfera terrestre e il passaggio costante di comete all’interno del nostro sistema, evidenziano un chiaro mutamento gravitazionale appartenente a forze che spingono questi detriti rocciosi e ghiacciati nelle zone a ridosso della Terra. Come dichiarato dal ricercatore Dan Keiyng,  dobbiamo rivedere ciò che fu rappresentato nel crop circle di Santena, apparso il 17 Giugno 2012. FU di sicuro una profezia quel Crop Circle dove era descritto l’arrivo di una cometa o di una meteora di grandi proporzioni. Di certo il più incredibile fu il successivo e mancato disastro del grosso meteorite Chelyabinsk, caduto in Russia il 15 Febbraio 2013.

oort_nibiru

“Uno dei casi più incredibili, ma estremamente reale – spega Dan Keiyng –  fu quello degli articoli riguardanti l’asteroide “Nibiru” (denominazione provvisoria che è tipico venire utilizzata dagli scienziati NASA, detta da loro, prima di assegnare una “sigla ufficiale” ad un corpo spaziale minaccioso appena scoperto). Questi articoli furono fatti scomparire quasi subito dopo la loro pubblicazione da tutti i giornali web (ricordiamo che uscirono su CNN, NBC, AlJazeera, ITN, BBC, NOS e altri, nel periodo di Novembre 2012) che ne divulgarono la notizia. Oltre agli articoli scomparve “ovviamente” l’intero asteroide minaccioso…ma vogliamo ribadirlo: la notizia non era assolutamente falsa; semplicemente (probabilmente) quell’asteroide fu fatto “sparire” proprio dai Guardiani Extraterrestri.

meteorite-di-Chelyabinsk-fu-la-collisione-di-due-asteroidi

L’asteroide “Nibiru” era a tutti gli effetti un corpo roccioso spaziale reale, che avrebbe di certo devastato una buona parte del pianeta Terra. La tensione che si percepiva leggendo le interviste rilasciate a quei giornali era reale, i nomi dei giornalisti e quelli degli scienziati intervistati erano reali, i contenuti scientifici e le “paure” della NASA erano reali. Una notizia che, visto la gravità, era sfuggita di mano alle agenzie governative, ma poi “ridimensionata” immediatamente e quindi fatta ritirare con decisione assoluta dagli “alti” stadi governativi Top Secret dopo (forse) aver ricevuto una “garanzia di difesa” offerta segretamente da esseri provenienti da altri mondi…?

Qualcosa ci “perturba” sempre più, ma ancora non possiamo vedere esattamente di cosa si tratti. Il Sole sta attendendo un’Ombra Oscura, ovvero una stella oscura (Dark Star) che inevitabilmente farà presto ritorno. I Guardiani delle stelle aumentano la loro presenza nei nostri cieli, Essi conoscono gli eventi, da tempo ci avvertono, da sempre vegliano su di noi. I nostri occhi si accorgeranno presto di un nuovo brillìo nascere dal buio oscuro

Blue-Planet-And-Comet

Come sottolienato dal ricercatore Cristian Negureanu, “Planet X  provoca numerosi cambiamenti climatici nel sistema solare, come visto ultimamente su Urano e su Saturno.  Uno di questi cambiamenti è il surriscaldamento del pianeta con la conseguenza naturale dello scioglimento dei ghiacciai. L’effetto dello scioglimento dei ghiacciai, a causa della loro acqua dolce, comporterà la fine del sistema termosalino naturale, il “motore” che permette la circolazione della corrente del Golfo verso il Nord ed il congelamento di diverse aree del Nord – Ovest dell’Europa e del Nord – Est degli Stati Uniti d’America. Il Dr. John T. Holliger dell’Università del Maine (USA) ritiene che in passato, pezzi di grandi dimensioni, periodicamente, si sono staccati dal ghiaccio Antartico creando una grande marea con innalzamento degli oceani.

In breve, questo è il processo che ha avuto luogo nel corso degli ultimi due periodi in cui il Pianeta degli Dei è passato tra Marte e Giove, il punto più vicino alla Terra. 3600 anni fa, durante l’Esodo degli Ebrei dall’Egitto a metà del secondo millennio aC, la Terra ha subito grandi cataclismi. “Un corpo celeste che è entrato di recente nel nostro sistema solare – una nuova cometa – si è avvicinato molto alla Terra causando  la scomparsa dello strato di ghiaccio“.

Massimo F.

Redazione Segnidalcielo

http://www.segnidalcielo.it/planet-x-le-anomalie-sui-pianeti-del-sistema-solare-sono-dovuti-alla-presenza-di-nemesis/

Nessun commento:

Posta un commento