Alert - Nibiru is coming

Il Pensiero di Angeli in Astronave

Angeli in Astronave è distaccato da tutti coloro che professano amore…e in realtà guadagnano con la sapienza che non gli appartiene… ribadisco …nomi altisonanti … artefatti di strani effetti speciali …visivi o non… strumentalizzare… gruppi di appartenenza…donazioni … plagio… bugie da effetto… mancanza di umiltà… falsi nel pubblico…violenti nelle mura domestiche… guru e maestri …diffidate da ogni cosa artefatta… l’Amore unisce in semplicità…non ha bisogno di una carta scritta…la Verità non si vende ne si compra…fatene tesoro… Dolbyjack!

"Con riferimento al Decreto legislativo 9 aprile 2003, n.70 che si occupa di Attuazione della direttiva 2000/31/CE. Facendo anche riferimento al libro verde sulla tutela dei minori e della dignità umana nei servizi audiovisivi e di informazione COM (96) 483, il presente sito web: (Angeli in Astronave) è fruibile a soli Maggiorenni e pertanto proibito a tutti coloro che siano sofferenti psichici o vulnerabili ad informazioni di questo tipo e quindi influenzabili dal punto di vista psicologico.”

Buona Navigazione Cari Angeli, Namasté..

Video Discosure-Nibiru e Mauro Biglino

Riflessioni

La dottrina e pratica più blasfema della Chiesa Cattolica è quella della transustanziazione e del sacrificio della messa. La transustanziazione (fatta dogma dal concilio Lateranense IV nel 1215, elaborata in seguito da Tommaso d'Aquino e sancita definitivamente dal Concilio di Trento) insegna che: il pane e il vino, al momento della consacrazione vengono dal sacerdote cambiati nel corpo e nel sangue di Gesù Cristo (ogni giorno quindi vengono all'esistenza migliaia e migliaia di nuovi Gesù). La Scrittura insegna che nella cena c'è solo la presenza spirituale di Gesù (Luca 22:19-20; Giovanni 6:63; 1 Corinzi 11:26). Inoltre, nell'adorazione dell'ostia, la Chiesa di Roma adora un dio fatto dalle mani di uomini. Questo è il colmo dell'idolatria, ed è completamente contrario allo spirito del Vangelo che richiede di adorare Dio in spirito e verità (Giovanni 4:23-24). Carlo Fumagalli ex prete ed antropologo

Rasoio di Ockam suggerisce che: "tra varie spiegazioni possibili di una data osservazione, quella più semplice ha maggiori possibilità di essere vera".

DA QUANDO E' DIVENTATO REATO AVER CARA LA VITA?

"Nessuna causa è persa finché ci sarà un solo folle a combattere per essa".

Disclose.tv - ANONYMOUS MESSAGE TO NASA ABOUT ETS
http://www.disclose.tv/action/viewvideo/104638/ANONYMOUS_MESSAGE_TO_NASA_ABOUT_ETS/ Agenzia spaziale più importante del mondo, ti abbiamo osservato e ascoltato per molto tempo, siamo contrariati dalle tue costanti smentite e insabbiamenti, sappiamo tutti i tuoi piccoli e sporchi segreti e i trucchetti che usi. Sappiamo come hai falsato tutte le immagini della superfce dei pianeti e dei satelliti che li circondano, sappiamo come hai falsato e nascosto la verità al mondo. Ora abbiamo abbastanza filmati immagini e informazioni che tu non hai. Saremo capaci di mostrare la verità e lo faremo presto, pensi che stiamo bleffando? allora ascolta, la complessità della loro abilità è incomprensibile[...]l'ormeggio dei loro veicoli sembra molto NASA(non diciamo di più) è per i tuoi trucchi?Sappiamo anche come hai rilasciato strani fotogrammi che mostrano dischi che visitano e poi lasciano la terra e hai consigliato agli astronauti di menzionare volta per volta gli ufo, questo è per far credere che sai molto poco di quello che stà accadendo (mentre altri pensano di aver trovato la verità) ma in realtà la verità è così incomprensibilmente vasta e così semplice che sfugge anche ai migliori dispositivi e menti. Ora, sai che facciamo sul serio. Ora ci rivolgiamo a tutti i cittadini del mondo, le entità extradimensionali non sono malvagie come vogliono farvi credere, al contrario, hanno creato il nostro universo quindi sono presenti da prima di noi, non c'è nienti di cui temere, questo è l'inizio della rivoluzione spirituale ed evoluzione della specie umana Traduzione per Angeli in Astronave Raffaele V.

video prova

La morte non esiste è una invenzione della Chiesa Cattolica - Guarda il video e capirai| Nuove tecnologie ci renderanno liberi

sabato 29 ottobre 2011

Meditazione buddista: quanto fa bene al cervello?

Meditazione buddista: quanto fa bene al cervello?

Il Giornale OnlineMigliora l'attenzione, l'autocontrollo e l'empatia. E forse rallenta l'invecchiamento. Lo spiega a Wired.it (con molta cautela) il neuroscienziato Clifford Saron, a Genova per il Festival della Scienza
di Gabriele De Palma

Si possono misurare gli effetti della meditazione sull'essere umano? È questa la domanda che si sono posti i ricercatori che hanno ideato e condotto il Shamatha Project , uno studio che ha l'ambizione di descrivere quel che succede a chi si sottopone a una pratica costante di meditazione. In questo caso la tecnica è quella particolare del Samatha buddista (solo una delle varie tecniche esistenti ), che consiste prevalentemente nel migliorare l'attenzione. “Il primo equivoco che devo sbrogliare quando parlo del progetto è che la meditazione equivalga a non pensare a nulla, a svuotare la mente, mentre i precetti di chi pratica Samatha sono esattamente l'opposto”, spiega Clifford Saron, professore all' università della California Davis. Il Shamatha Project, avviato nel 2007, ha origini lontane nel tempo, e precisamente quando Saron nel 1990 si trova in India a Dharmsala, nella capitale dei tibetani fuggiti da Lhasa, insieme ad altri neuroscienziati come Francisco Varela e Richard J. Davidson e a un esperto di buddismo (divenuto anche monaco) Alan Wallace. I quattro partecipano agli incontri del Mind and Life Institute sotto il patrocinio dal Dalai Lama, e Wallace e Saron iniziano a fantasticare sulla possibilità di registrare tramite elettrocardiogramma, esami del sangue, test cognitivi ed emozionali gli effetti della meditazione, durante e dopo la stessa. I primi tentativi di test si scontrano con la distanza culturale tra i primi volontari - tutti monaci - e l'invadenza delle tecnologie.
“I monaci che abbiamo studiato nel primo esperimento vivevano in baracche senza luce, acqua e gas. Venivano molto infastiditi dalle luci e dai macchinari, molti si rifiutavano di digitare sulla tastiera del laptop, considerandola pericolosa”. Ma i problemi maggiori vennero dal relativismo culturale: “ quando sottoponevamo loro immagini che per noi erano allegre e rasserenanti o tristi, o addirittura terribili, spesso loro reagivano in modo inaspettato: credevano che il bimbo del Biafra fosse un pupazzo di cartapesta e di fronte a una bella giornata di sole al mare la prima reazione era ‘che caldo!”. Il progetto successivo - quello che ha presentato al pubblico del Festival della Scienza di Genova - ha cercato di evitare gli inconvenienti logistici e culturali del primo.
L'ambientazione è sempre un luogo remoto e quieto, ma anziché le pendici dell'Himalaya, i ricercatori hanno preferito Shambhala Mountain Center in Colorado, con volontari americani. Questi si sono sottoposti a tre mesi di meditazione intensiva (7 ore al giorno per 90 giorni) sotto la supervisione tecnica di Wallace e il monitoraggio condotto da Saron e dai suoi assistenti. Il progetto non è terminato, ha finanziamenti ancora per qualche anno, ma la maggior parte dei dati è stata raccolta e il tempo rallentato della loro diffusione è dovuto solo all'estrema cautela tipicamente accademica che guida il team di ricerca: “I risultati li stiamo studiando, il materiale è tanto e si corre il rischio di trarre conclusioni frettolose e sbagliate”.

Intanto però quel che si sa è che miglioramenti sia in termini di aumentata capacità di distinguere tra stimoli visivi sia nella durata dell'attenzione, lo hanno dimostrato i test prima e dopo la pratica intensiva. Ma trattandosi di un tipo di meditazione basata sulla concentrazione non ci sarebbe molto da stupirsi. Più interessanti sembrano invece alcuni dati fisiologici rilevati dai ricercatori. La telomerasi - enzima deputato a mantenere integri i cromosomi nelle duplicazioni cellulari - aumenta sensibilmente la propria attività. E, sebbene Saron sia molto prudente nel lasciarsi andare a profezie, c'è chi vede qualche correlazione tra meditazione e invecchiamento cellulare. Ma non è questo il punto che vorrebbe mettere Saron sul suo progetto. Perché, se dal punto di vista del metodo scientifico il neuroscienziato è rigorosamente cauto, da quello pratico è risoluto. A lui interessa di più la correlazione tra la meditazione e le aumentate capacità di autocontrollo, compassione ed empatia dei partecipanti. Più che i numeri e la curiosità scientifica in se e per se, il Shamatha Project sembra avere una portata che va al di là degli enzimi, dell'attività cerebrale, intende piuttosto usare i dati del laboratorio biologico e di quello psicologico per trarre conclusioni che interessano lo stile e le scelte di vita.
“Il modo di vivere occidentale è fallimentare - commenta Saron - anzi è già fallito nei suoi rapporti con se stessi, gli altri e l'ambiente. Il problema è che il mondo invia di sviluppo, assai più popoloso del nostro, sta per replicare lo stesso comportamento fallimentare e le conseguenze saranno peggiori”. Rimane un'ultima curiosità nel sentire questo neuroscienziato che parla con estrema calma e senza mai lesinare la propria disponibilità e a cui i principi del buddismo sembrano essere penetrati sottopelle. La meditazione Samatha è l'unica - o la migliore - per ottenere benefici psicofisiologici?“ Non credo, non posso rispondere con sicurezza perché non ci sono studi sufficienti in materia, ma non mi stupirei di ottenere risultati simili studiando i sufi islamici o i mistici cristiani”.
Fonte:

http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.7313

Siete-pronti-al-big-bang-economico-come-lo-esorcizzate?

News Stefano!

Sempre più spesso se ne parla, tra amici e soprattutto tra amiche, come se si trattasse di una forma di catarsi. La presunta futura catarsi consisterebbe in un incombente Big Bang dopo il quale saremmo/saremo veramente,definitivamente poveri. Un po’ lo prevediamo per esorcizzare . Un po’ lo progettiamo per non farci trovare impreparate. Si parte dalle più banali pratiche sociali, genere

“non andremo più al ristorante, cucineremo grandi paste e fagioli/ceci/lenticchie a casa dell’uno o dell’altra”.

Si arriva alle sindromi autarchiche, quasi sempre sintetizzabili in

“stavolta faccio l’orto; raggiungerò l’autosufficienza alimentare coltivando il mio balcone”.

Sul forum che modero sul Corriere.it, Avanti Pop, si discute della prossima economia di similguerra e di possibili allevamenti domestici di galline (attenzione, è assai complicato, per chi non ha pratica).

Si diventa, comunque, meno esigenti e più solidali. E, pare, più felici; se si ha ancora un posto di lavoro. Lo affermano varie ricerche raccontate dalla rivista americana Psychology Today, e anche alcune/i che hanno abbandonato le loro personali corse del topo (senza essere né precarie/i o disoccupate/i) e sono più contente/i aiutando gli altri. Ci ho scritto su un pezzo tentativamente consolatorio sulle pagine del sabato del Corriere di carta.

Personalmente, degli anni prosperi non rimpiango tanto il consumo vistoso quanto il poter immaginare con un po’ di tranquillità il futuro. O meglio di poter immaginare un futuro per i nostri figli, e un presente per noi.

Per sopravvivere al presente in corso, vale la pena di essere più generose/i e cooperative/i, forse.

http://27esimaora.corriere.it/articolo/siete-pronti-al-big-bang-economico-come-lo-esorcizzate/

SOHO Pick of The Week

TRADOTTO CON GOOGLE...

RECENTI BLAST IMPATTI DELLA TERRA (28 OTTOBRE 2011)




Un sostanziale espulsione di massa coronale (CME) scoppiato dal Sole primi il 22 ottobre, hanno viaggiato attraverso lo spazio di buon passo, e l'impatto della Terra il 24 ottobre 2011, provocando aurore brillante in gran parte del mondo. Negli Stati Uniti, aurora arrivava fino a sud fino in Alabama.




Il video clip da sonda STEREO Ahead (in orbita attorno al Sole, più di 90 gradi davanti a Terra) mostra la grande, la Terra-diretto nuvola CME eruttare presto il 22 ottobre. La Terra è fuori dal telaio, ma grosso modo alla sinistra nelle immagini visualizzate. Diversi CME altri seguiti per il giorno dopo e mezzo. In queste immagini coronografo il Sole è rappresentato dal cerchio bianco e il disco nero sta bloccando la zona coronale vicino al Sole, in modo che le strutture più deboli al di là che può essere visto.
 
FONTE:SOHO Pick of The Week

The Mayan Calendar Comes North 1-18 subITA altrogiornale.org

The Mayan Calendar Comes North 2-18 subITA altrogiornale.org

Terremoti Scossa di magnitudo 4.2 fra Trento e Verona

Terremoti

Scossa di magnitudo 4.2 fra Trento e Verona


a cura della Redazione Interni


Una scossa di terremoto di magnitudo 4.2 è stata avvertita stamattina dalla popolazione tra le province di Trento e Verona. Lo ha riferito in una nota la Protezione Civile.

Dalle prime verifiche effettuate, a quanto si apprende «non risultano danni a persone o cose». Secondo i rilievi dell'INGV l'evento sismico è stato registrato alle 6 e 13 di con una magnitudo di 4.2 gradi.

Parecchie le segnalazioni giunte ai vigili del fuoco per la paura della popolazione che ha avvertito in maniera decisa e precisa la scossa, avvenuta nelle prime ore del mattino

http://www.italiaglobale.it/Terremotiscossadimagnitudo42traTrentoeVe/tabid/6260/Default.aspx

PERU': 83 FERITI PER UN TERREMOTO NELLA COSTA SUD

(AGI) Lima - E' di 83 feriti, di cui due gravi, il bilancio del terremoto di magnitudo 6,7 che ha colpito la costa meridonale del Peru'. I danni sono concentrati nella regione di Ica e in particolare nella citta' omonima, a Palpa, Ocucaje e Chincha.
  Gli edifici hanno tremato anche nella capitale Lima, 300 chilometri piu' a nord. L'epicentro e' stato localizzato sotto il mare 51 chilometri a sud-ovest di Ica, vicino alla zona in cui nel 2007 un altro sisma causo' piu' di 500 morti .

http://www.agi.it/iphone/notizie/201110290806-est-rom0006-peru_83_feriti_per_un_terremoto_nella_costa_sud

Terremoto Magnitude Mw 7.0 Region NEAR COAST OF CENTRAL PERU

Magnitude
Mw 7.0

Region
NEAR COAST OF CENTRAL PERU

Date time
2011-10-28 18:54:34.0 UTC

Location
14.52 S ; 76.12 W

Depth
27 km

Distances
65 km SW Ica (pop 246,844 ; local time 13:54:34.5 2011-10-28)
55 km SW Santiago (pop 10,449 ; local time 13:54:34.5 2011-10-28)

Global view

http://www.new-dimension-software.com/seismology/index.php

Terremoto Magnitude ML 4.4 Region NORTHERN ITALY, Verona ,Pieve, Avio

Magnitude
ML 4.4

Region
NORTHERN ITALY

Date time
2011-10-29 04:13:34.0 UTC

Location
45.69 N ; 10.92 E

Depth
10 km

Distances
28 km NW Verona (pop 260,615 ; local time 06:13:34.7 2011-10-29)
17 km SE Pieve emanuele (pop 15,556 ; local time 06:13:34.7 2011-10-29)
5 km S Avio (pop 4,078 ; local time 06:13:34.7 2011-10-29)

Global view

http://www.new-dimension-software.com/seismology/index.php

venerdì 28 ottobre 2011

Hudson pronto a eruzione, allerta rossa a Aysen - Photostory Primopiano - ANSA.it

Hudson pronto a eruzione, allerta rossa a Aysen


28 ottobre, 20:28

Hudson pronto a eruzione, allerta rossa in Cile
 
 
 
CILE:VULCANO HUDSON PRONTO A ERUZIONE, ALLERTA ROSSA A AYSEN


SANTIAGO DEL CILE - E' allerta rossa nella regione australe di Aysen, in Cile, per l'imminente eruzione del vulcano Hudson, che presenta attività sismica intensa fin da martedì. Il ministro dell'Interno Rodrigo Hinzpeter ha annunciato l'evacuazione degli abitanti in un raggio di circa 40 chilometri. L'ultima eruzione risale al 1991. Durante un sorvolo sul vulcano effettuato da personale del Servizio nazionale di geologia e miniere (Sernageomin), si è notata una colonna gassosa di color bianco, con della cenere, di circa 1,5 chilometri di altezza. "Non si è osservata fuoriuscita di lava, ma nel 1973 ci fu un'eruzione subglaciale (senza fuoriuscita di materiale magmatico)", spiegano gli esperti del Sernageomin.




Quello che si osserva è un'apertura del sistema a livelli di superficie e l'inizio di un processo eruttivo che al momento è di bassa entità, ma che potrebbe evolvere in un fenomeno più forte in ore, o giorni. Il vulcano Hudson si caratterizza per eruzioni esplosive con colonne di vari chilometri di altezza. A differenza della maggior parte dei vulcani che si trovano in altre regioni del Cile, a Aysen i centri abitati si trovano nelle vicinanze e per questa è stata decisa l'evacuazione degli abitanti in un raggio di 40 chilometri. L'attività sismica era iniziata martedì scorso con un terremoto di 4,4 gradi di magnitudo sulla scala Richter, con epicentro a 58 chilometri a sud-ovest di Porto Aysen, secondo quanto riferito dal servizio di sismologia dell'Università del Cile. Successivamente si erano registrati altri 15 fenomeni con una magnitudo più bassa, tra i 3 ed i 3,5 gradi, tutti con epicentro nelle vicinanze di Porto Aysen e tutti caratterizzati dalla rottura rocciosa.



FONTE:Hudson pronto a eruzione, allerta rossa a Aysen - Photostory Primopiano - ANSA.it

Sunday Night Football UFO 10/23/11


News Stefano!

Sunday Night Football UFO 10/23/11 Proof flown BEHIND build

News Stefano!

Sunday Night Football UFO(s) Full Video

News Stefano!

UFOs flying over Stevenage, Hertfordshire, UK 7 October 2011

News Stefano!


La quadratura Urano-Plutone e la posizione di Nettuno nel 2011-2012: i transiti planetari in accordo con l’Evoluzione di Coscienza descritta dal Calendario Maya

News Stefano!

La quadratura Urano-Plutone e la posizione di Nettuno nel 2011-2012: i transiti planetari in accordo con l’Evoluzione di Coscienza descritta dal Calendario Maya

Secondo Barbara Hand Clow (The Mayan Code. Time Acceleration and Awakening the World Mind, pp. 226, 227, 230, 231) gli aspetti planetari maggiori sono in perfetta sincronia con il Calendario Maya profetico. Nello specifico, tra gli altri, risulta molto interessante la quadratura tra Urano e Plutone. Entrambi sono pianeti generazionali, nel senso che influenzano non il singolo individuo, ma una generazione, a causa della loro rivoluzione lenta intorno al Sole: Urano governa il cambiamento e la trasformazione; Plutone governa larielaborazione delle emozioni più profonde e buie. Non a caso Urano fu scoperto nel 1781 (scoperta dell’elettricità, rivoluzione americana e francese), mentre Plutone fu scoperto nel 1930 (regimi fascista, nazista e comunista).

Ciò che ci interessa notare in questa sede è che tra il 1964 e il 1968 avvenne la prima congiunzione tra Urano e Plutone, da quando entrambi i pianeti sono stati scoperti (ovvero sono entrati nella coscienza umana). Proprio quel periodo vide una radicale trasformazione culturale e sociale con la beat generation, i “figli dei fiori”, ecc. Questa generazione manifestò tutti gli aspetti dell’Illuminazione: amore per la natura, arte, meditazione, fusione cosmica. Lo fece all’interno della coscienza materialistica del Planetary Underworld (1755-2011), e perciò si avvalse anche di droghe: in ogni caso rimase nell’immaturità. Non si può dire però che un processo non sia stato avviato.

Dal punto di vista astrologico in effetti è proprio così, e dicendo questo veniamo a noi: ciò che inizia in una congiunzione, si manifesta nella quadratura (angolo di 90 gradi): detto in altri termini, tutto ciò che è cominciato nella congiunzione tra Urano e Plutone si manifesterà globalmente nella loro quadratura, ovvero nel 2011-2012 (nel 2012 le esatte quadrature saranno il 24 giugno e il 19 settembre), questa volta all’interno della Coscienza d’Unità portata dall’Universal Underworld (9 marzo-28 ottobre 2011).

Anche la posizione di Nettuno è assai interessante: Nettuno è il pianeta che governa laspiritualità, dissolvendo le barriere egoiche al fine di arrendersi alle forze spirituali; dal 1998 al 2011 (Galactic Underworld) Nettuno si è trovato nel segno dell’Acquario (che governa la comunicazione e la condivisione), preparando l’età dell’Illuminazione a partire dal 2012 quando Nettuno arriverà definitivamente nel suo segno di domicilio, ovvero i Pesci. Nettuno fu scoperto nel 1846, quando era in Acquario – un periodo in cui si formarono i movimenti spiritualisti, soprattutto in America. Nel 2011 Nettuno completa l’intera sua prima orbita: quando sperimentiamo l’orbita completa di un pianeta, tutti gli archetipi di quel pianeta sono integrati dalla psiche umana. Allora nel 2012 lo stesso movimento spirituale che si diffuse nel Planetary Underworld sarà ancora presente, maturo e completo e con l’energia dell’Universal Underworld (piena manifestazione dell’Unità, Illuminazione).

Cosa significa tutto ciò? Tutto ciò significa che le energie di Illuminazione iniziate con la generazione degli anni ’60 saranno forze globali, a cui sarà impossibile resistere, nel 2011 (e lo stiamo vedendo ora con la crisi del sistema speculativo mondiale che sfrutta l’uomo e la natura), e nel 2012 ogni essere sulla Terra sarà affetto da questa energia e si fonderà nell’Illuminazione, in un’onda di gioia e creatività.

L’astrologia, in totale sincronia con il Calendario Maya, ci mostra come nel 2011 si generi il nuovo uomo spirituale e come nel 2012 questo uomo spirituale inizi a vivere come tale: non più l’occasionale guru o santo, come siamo stati abituati a vedere nella storia, ma ilpotenziale di Illuminazione per tutti i popoli.

Marco Fardin
9 Eb e 18esimo giorno del
4 Giorno della Nona Onda
(12 luglio 2011)

http://www.coscienzacreativa.com/Quadratura%20Urano.html

URANO QUADRATO PLUTONE-COSA ASPETTARSI

News Stefano!
URANO QUADRATO PLUTONE-COSA ASPETTARSI


Nei grandi cambiamenti epocali, l'astrologo osserva prima di tutto il movimento nei cieli dei pianeti lentissimi ed invisibili, che sono Urano Nettuno e Plutone. Giove e e Saturno ben noti agli antichi perchè visibili ad occhio nudo, hanno frequenze più elevate, 12, 29 anni per concludere il loro cerchio astrale. Urano impiega ben 84 anni, rimanendo circa 7 anni in un segno astrologico, e Plutone, il più lontano, impiega 248 anni, circa 12 anni per segno viaggiando più veloce nel segno del Toro e stazionando più a lungo nell'opposto segno dello Scorpione dove effettivamente ha anche il suo domicilio. Nessuno di noi ha voglia o bisogno di sentir parlare di previsioni catastrofiche ”armageddon”-apocalittiche che abbondano su Internet legandole all'attuale transito di quadratura tra Urano e Plutone. In primis cos'è una quadratura. E' un termine astrologico atto a descrivere una situazione di tensione, Secondo che significato ha l'ingresso sia di Urano che Plutone di qualche anno fa, in segni cardinali, nella fattispecie, Urano in Ariete, e Plutone in Capricorno. Voglia di cambiamento, ostacolato da strutture sociali e politiche ormai in disarmo totale. Per capire come agisce un pianeta bisogna risalire all'origine. Urano è l'ottava superiore del Pianeta Mercurio, e Plutone ha le stesse frequenze di Marte, il pianeta della Guerra, uno dei demoni invincibili di questa terra. Mercurio in Ariete è a volte geniale. Marte in Capricorno si esalta perchè ha ben chiari gli obbiettivi.Beh effettivamente stiamo già vedendo gli effetti della quadratura,e da qualche tempo. La guerra totale, economica, politica, religiosa, e di pensiero, pervade il cervello (Mercurio) gli uomini e donne di oggi pù che mai. Finchè si tratta di discussione o polemica, si può anche sopportare, ma si arriva comunque ad estremismi (Marte) , che sono davanti agli occhi di tutti. Questo è il primo aspetto della quadratura, l'estremismo. Nella pratica astrologica quotidiana l'aspetto di questi due pianeti viene trattato a livello individuale e personale nel caso di un Ascendente in Segni Cardinali e/o Sole in Bilancia, Ariete, Capricorno e Cancro che sono direttamente interessati. Ragionando per categorie, imprenditori, , militari, casalinghe e mamme, e artisti. Praticamente tutti però sono interessati al''aspetto derivato da questa situazione, ovverossia “l'aumento dello stress”. E' una questione di benessere e psicologia, di cui probabilmente parlerò in dettaglio più avanti. Tornando ai due pianeti e le loro energie Stephen Arroyo (Astrologia Karma e Trasformazione, 1978) descrive bene le problematiche della quadratura astrologica comparandola alla teoria della tensione elettrica. Comunemente viene usata la corrente trifasica ( in astrologia è il nostro aspetto angolare di sestile o 60° considerato armonico) perchè conduce l'energia con il minore sforzo. Una corrente condotta con fase 90° (l'aspetto di quadratura) scalda il filo, è più rischiosa, e può creare picchi incotrollabili di voltaggio, o nessun voltaggio.
Tornando all'aspetto di quadratura, le energie vitali dei due pianeti coinvolti ci rimandano all'ultima congiunzione avvenuta nel 1965, nel segno della Vergine. Bisogna imparare degli errori del passato e chi vuol tornare indietro nel tempo, sbaglia. Le rivoluzioni, come insegna il moto dei cieli, se si fanno, si fanno solo in avanti e mai all'indietro.

http://astrologia.myblog.it/archive/2011/05/16/urano-quadrato-plutone-cosa-aspettarsi.html

Oakland, indignados scontri con polizia Lacrimogeni e tafferugli nello sgombero della piazza occupata da due settimane. Un giovane ferito

News Stefano!
ALMENO 85 LE PERSONE ARRESTATE, SITUAZIONE SIMILE AD ATLANTA

Oakland, indignados scontri con polizia

Lacrimogeni e tafferugli nello sgombero della piazza occupata da due settimane. Un giovane ferito

MILANO- Giornata di scontri a Oakland, vicino a San Francisco in California. La polizia ha sgomberato la piazza vicino al municipio, nella Frank Ogawa Plaza, presidiata dal movimento Occupy Wall Street da almeno due settimane. E la situazione è degenerata. Gli agenti, dopo una serie di arresti, ha deciso di disperdere gli indignados con gas lacrimogeni. Un giovane è stato colpito alla testa e trasportato in ospedale. In un primo momento i manifestanti sembravano essere tornati a casa, salvo poi radunarsi ancora una volta.

Oakland, la polizia spara gas contro indignadosOakland, la polizia spara gas contro indignados Oakland, la polizia spara gas contro indignados Oakland, la polizia spara gas contro indignados Oakland, la polizia spara gas contro indignados Oakland, la polizia spara gas contro indignados Oakland, la polizia spara gas contro indignados Oakland, la polizia spara gas contro indignados

LA SITUAZIONE- «Non ci fermerete mai, siamo sempre più forti» è il grido che risuona nella piazza. Ma quella di martedì è stata una giornata pesante: almeno 85 persone sono state arrestate. E gli scontri si sono protratti per tutta la giornata: con la polizia che ha cercato di dissuadere i dimostranti con i gas. «Questa è una vergogna», ripete una giovane alle emittenti statunitensi. Ma l'avvertimento dello sgombero era già partito giovedì scorso, quando le forze dell'ordine ricordavano ai ragazzi il divieto di pernottare e cucinare negli spazi pubblici.

ATLANTA- Ma gli scontri non si fermano a Oakland. Anche ad Atlanta la polizia ha deciso di sgomberare i ragazzi. E la scena si è ripetuta con scontri e arresti

 

http://www.corriere.it/esteri/11_ottobre_26/oakland-usa-indignados-lacrimogeni-arresti_5689cfb2-ff9d-11e0-9c44-5417ae399559.shtml

La polizia di Oakland attacca i manifestanti

News Stefano!

Tear gas used on Occupy protesters in Oakland


News Stefano!

Oakland-Policeman-Throws-Flash-Grenade-Into-Crowd-Trying-To-Help-Injured...

News Stefano!

giovedì 27 ottobre 2011

Foto Le rare aurore rosse: spettacolo negli Usa - 1 di 6 - National Geographic

Le rare aurore rosse:


spettacolo negli UsaDal Nord al Sud degli Stati Uniti, le straordinarie immagini di un fenomeno tanto raro quanto spettacolare. Vai allo speciale aurore


Le rare aurore rosse:  spettacolo negli Usaù


Le rare aurore rosse:  spettacolo negli Usa

La rara aurora rossa


Fotografia di Jay Malone, My Shot



Le aurore boreali creano bagliori rosso-rubino nel cielo sopra l'Arkansas.



Una massa di particelle cariche provenienti dal Sole sono entrate in contatto con l'atmosfera terrestre generando un'intensa tempesta geomagnetica che ha innescato una serie di spettacolari aurore boreali. Il fenomeno è stato visibile in oltre la metà dei 50 stati americani.



Vedi anche : Aurore, lo Show è in technicolor



Le aurore si manifestano quando le particelle cariche, provenienti dal Sole si scontrano con le molecole presenti nell'atmosfera energizzandole. Le molecole rilasciano a questo punto energia, sotto forma di luminosità.



Le aurore di tonalità verde (la tipologia più comune) compaiono nella parte più bassa dell'atmosfera, ad appena 100 km sopra la superficie terrestre. La luce è formata in realtà da una grande varietà di colori, ma l'occhio umano è più abituato a percepire la parte verde dello spettro luminoso.



A volte però, l'afflusso di particelle che si muovono ad una velocità minore e spesso meno cariche energicamente, possono far sì che le aurore compaiano nella parte più alta dell'atmosfera terrestre, ad altitudini che variano dai 300 ai 500 km. A queste altezze, i bagliori generati sono di colore rosso.
 
 
FONTE:Foto Le rare aurore rosse: spettacolo negli Usa - 1 di 6 - National Geographic

Esclusiva !!! MESSICO: ECCO LE PROVE DEL CONTATTO EXTRATERRESTRE AVVENUTO CON GLI ANTICHI MAYA

Circa un mese fa era stata pubblicata la clamorosa notizia riguardante il progetto di un documentario sull'antico popolo Maya, ovvero Revelations of the Mayans 2012 and Beyond, prodotto con la collaborazione del governo messicano e gli archeologi, che mostrerà al mondo le prove del contatto extraterrestre avvenuto con gli antichi Maya attraverso reperti, codici e antichi manufatti, molti dei quali custoditi nel segreto dal governo messicano per lungo tempo.

Le prove del contatto extraterrestre avvenuto con gli antichi Maya

Ora arriva un piccolo ma significativo aggiornamento.
I registi di Revelations of the Mayans 2012 and Beyond, hanno rilasciato, anche questa volta tramite il sito The Wrap, una fotografia che a loro giudizio raffigura un pre-Maya, appartenente ad una civiltà aliena. Il produttore capo del documentario, Raul Julia-Levy, ha rilasciato in esclusiva la foto scattata nel 1930, tramite il sito The Wrap, che mostra la scultura di una grande testa, situata nella giunga del sud del Guatemala.
La fotografia è stata accompagnata da una lettera dell'archeologo Hector E. Mejia. Mejia, sostiene che la scultura nella foto "risale tra il 3500 e il 5000 a.C. ed è la prova di una diversa civiltà superiore sconosciuta da tutti, che ha vissuto sulla Terra". Egli sottolinea che "il cranio allungato" e le "caratteristiche raffinate della scultura non sono coerenti con le razze pre-ispaniche d'America, e perciò, questa misteriosa razza deve essere stata creata da una civiltà straordinaria e superiore, in possesso di una conoscenza impressionante, di cui non vi è alcuna traccia della sua esistenza lasciata su questo pianeta."
Julia-Levy sostiene che questa foto è solo uno dei diversi pezzi delle "prove" che saranno presentate nel film.

La foto scattata nel 1930, che mostra la scultura di una grande testa, situata nella giunga del sud del Guatemala.

E inoltre, ha detto che Stephen Hawking ha dato la sua disponibilità a partecipare nel film-documentario, che fa sapere (personalmente non condivido per niente la sua patetica visione terrificante sugli extraterrestri): "Avverto l'umanità che gli alieni sono là fuori. Solo perché gli alieni erano amici con i Maya non significa che sono nostri amici. Gli esseri umani devono evitare il contatto con gli alieni ad ogni costo".
Queste parole ricordano molto le truci dichiarazioni che Hawking ha fatto a partire dal 2010, secondo il quale, l'umanità dovrebbe aver paura dei contatti con gli alieni ed evitarli a tutti i costi.
Revelations of the Mayans 2012 and Beyond” inizia le riprese il 15 novembre 2011 ed è prevista l’uscita in sala alla fine del 2012, prima della fine del calendario Maya (21 dicembre 2012).
Mentre scenari apocalittici si focalizzano sul calendario che termina il 21 dicembre 2012, molti studiosi sottolineano che semplicemente in quella data si azzera unciclo di 5126 anni.

Traduzione a cura di Annalisa

fonte

fonte

http://www.segnidalcielo.it/index.php/segnidalcielo-news/586-messico-ecco-le-prove-del-contatto-extraterrestre-avvenuto-con-gli-antichi-maya

Terremoto Magnitude ML 3.3 Region NORTHERN ITALY

Magnitude
ML 3.3

Region
NORTHERN ITALY

Date time
2011-10-27 12:24:25.0 UTC

Location
44.42 N ; 9.40 E

Depth
10 km

Distances
37 km E Genoa (pop 601,951 ; local time 14:24:25.3 2011-10-27)
12 km NE Chiavari (pop 27,865 ; local time 14:24:25.3 2011-10-27)
2 km E Borzonasca (pop 2,046 ; local time 14:24:25.3 2011-10-27)

Global view

http://www.new-dimension-software.com/seismology/index.php

Terremoto Magnitude mb 5.1 Region TURKEY-IRAQ BORDER REGION

Magnitude
mb 5.1

Region
TURKEY-IRAQ BORDER REGION

Date time
2011-10-27 08:04:22.0 UTC

Location
37.21 N ; 43.93 E

Depth
10 km

Distances
90 km NE Dahuk (pop 128,776 ; local time 11:04:22.3 2011-10-27)
43 km S Hakkari (pop 77,699 ; local time 11:04:22.3 2011-10-27)
29 km E Çukurca (pop 8,843 ; local time 11:04:22.3 2011-10-27)

Global view

http://www.new-dimension-software.com/seismology/index.php

La campagna diventerà l'unico luogo in cui poter vivere

News Stefano! Grazie!

La campagna diventerà l'unico luogo in cui poter vivere

campagna

Roscoe Bartlett, un rappresentante del Congresso Americano che ha vissuto la Grande Depressione, mette in allerta le famiglie su possibili avvenimenti catastrofici nei prossimi mesi.
Roscoe Bartlett spiega come prepararsi ad affrontare le numerose sfide che potrebbero presentarsi in un futuro vicino. Evoca le minacce che sono state individuate dagli scienziati sulle probabili massicce interruzioni di corrente elettrica che potrebbero essere provocate dalla forte attività solare attesa per il 2012. Parla anche delle rivoluzioni civili e degli arresti di massa che diventeranno sempre più numerose e pericolose per le famiglie che vivono nelle grandi città.

Pronuncia questo discorso pur sapendo che sarà percepito negativamente dalla maggioranza delle persone e che verrà accomunato agli allarmisti e ai survivalisti.
Bartlett non è l’unico ad emettere allerte del genere, anche l’economista Marc Faber e Gerald Celente ci consigliano di prepararci adesso per affrontare ciò che avverrà inevitabilmente, cercando di convincere le famiglie a lasciare i grandi centri abitati per rifugiarsi in campagna, unico luogo propizio alla sopravvivenza.
Il Pentagono e i militari sanno già tutto e si stanno preparando ai diversi possibili scenari evocati nel documentario.
Sono già stati spesi miliardi di dollari per predisporre piani di emergenza e operazioni strategiche per affrontare eventuali eventi catastrofici e tutti questi soldi non sono certo stati spesi inutilmente.

Urban Danger - Congressman Says Get Out of Major Citie

http://astronews.myblog.it/archive/2011/06/01/2012-l-attivita-solare-rendera-difficile-la-vita-in-citta.html

Enigmi alieni "La missione" 1-9

Enigmi Alieni Strutture Inspiegabili

NOI SIAMO LA TERRA!

NOI SIAMO LA TERRA!

Il vento è il mio respiro, l'universo è il mio corpo, il sole è il mio occhio, mari e monti sono parte di me.

Giorno e notte sono il respiro del cielo, bassa e alta marea sono il respiro della terra.

Il respiro dell'uomo è il fluire dell'aria, dentro e fuori... e tutto questo sono io.

Yuko Seki, maestro zen.

http://eliotroporosa.blogspot.com/

Hanno ragione i premiati col Nobel della fisica del 2011?

Hanno ragione i premiati col Nobel della fisica del 2011?

Il Giornale Onlinedi Ben Boux
Con questo scritto non voglio mettere in discussione né la buona volontà e la buona fede dei ricercatori, né tanto meno, l'operato degli incaricati alla assegnazione del premio Nobel della Royal Swedish Academy of Science.
Da Wikipedia:
Il premio Nobel (pronunciato con l'accento sull'ultima vocale: Nobèl) è un'onorificenza di valore mondiale, attribuita annualmente a persone che si sono distinte nei diversi campi dello scibile, «apportando considerevoli benefici all'umanità», per le loro ricerche, scoperte ed invenzioni, per l'opera letteraria, per l'impegno in favore della pace mondiale. Viene all'unanimità considerato come l'encomio massimo dell'epoca contemporanea. Il premio fu istituito in seguito alle ultime volontà di Alfred Nobel, (1833-1896) industriale svedese e inventore della dinamite, firmate al Club Svedese-Norvegese di Parigi il 27 novembre 1895. La prima assegnazione dei premi risale al 1901, quando furono consegnati il premio per la pace, per la letteratura, per la chimica, per la medicina e per la fisica. I premi Nobel nelle specifiche discipline (fisica, chimica, medicina, letteratura, economia) sono comunemente ritenuti i più prestigiosi assegnabili in tali campi. Anche il premio Nobel per la pace conferisce grande prestigio; tuttavia, per l'opinabilità delle valutazioni politiche, la sua assegnazione è stata qualche volta accompagnata da accese polemiche.
Le persone incaricate di assegnare i premi fanno una scelta a partire dalle domande di assegnazione che arrivano loro da tutto il mondo. Nel campo scientifico, come possono capire la validità delle scoperte che vengono loro sottoposte? Ovviamente non essendo scienziati, altrimenti sarebbero loro gli autori delle scoperte, si devono basare sulle opinioni dei colleghi degli scienziati candidati. Pertanto una ricerca diventa attendibile e meritoria del premio in funzione della sua popolarità, perché nessuno è evidentemente in grado di verificarla. Solo altri ulteriori studi, in seguito, potranno chiarire se si trattava di un errore. Purtroppo una quantità consistente di premi non ha dato luogo poi a un qualche effettivo risultato. E senza fare una polemica sui controversi premi politici, come il premio per la pace assegnato a Barak Obama, chiaramente non in grado all'epoca di aver dimostrato un contributo fattivo alla pace, cosa che non ha fatto peraltro nemmeno in seguito. Il premio assegnato per la fisica nel 2011 ai tre studiosi Saul Perlmutter e Adam Riess e Brian Schmidt riguarda la scoperta che non solo le galassie si allontanano, ma, anche, il loro moto è accelerato.
Sono arrivati a questa conclusione eseguendo varie misurazioni su lontane galassie con moderni CCD ottici.
Ma la conclusione si basa su questi assunti:
A) Che la velocità della luce sia costante.
B) Che il tempo sia invariabile.
C) Che la nostra galassia sia al centro dell'universo.
Ed ora qualche riflessione.
Per prima cosa mi sembra doveroso escludere che la nostra galassia sia al centro dell'universo. Come gli antichi ritenevano che la terra fosse al centro dell'universo, oggi molti nostri scienziati hanno ancora questa opinione, naturalmente non più per la terra, ma, essendo più progrediti, per la nostra galassia.
Esiste una ragione per questa convinzione, a parte la ovvia tendenza dell'uomo a considerarsi al centro dell'universo? No, è soltanto una deduzione ricavata per giustificare in qualche modo le contraddizioni che metto qui sotto in evidenza e che loro di certo conoscono. La teoria oggi più accreditata sulla origine dell'universo è quella della esplosione di tutta la materia da un singolo punto. Pertanto l'universo sarebbe in espansione, da quel punto si sarebbero originate le galassie, i pianeti, ecc. Questa teoria convince probabilmente perché si è notato che alcune galassie molto piccole a vedersi, quindi lontane, manifestano uno spostamento verso il rosso del colore della luce. Per questo fatto, assumendo la velocità della luce come una costante, se un oggetto luminoso si allontana l'osservatore vedrà che la frequenza di oscillazione si abbassa, al contrario se l'oggetto si avvicina, si alza. Un'onda si comporta in questo modo. Lo possiamo accertare con il suono, si può verificare facilmente con la storia del fischio del treno.
Questa considerazione porta subito a constatare che quindi la luce è un'onda, una radiazione elettromagnetica. E questo apre la necessità di chiarire su che mezzo si propaghi questa onda. Ma passiamo oltre. Vengono in mente delle considerazioni.
A) Secondo questo modello la nostra galassia si muove verso qualche direzione, non si può conoscere la velocità assoluta perché non esiste un riferimento. Tuttavia ogni cosa, in questa galassia, avrebbe un vettore di direzione. Ora, se si genera un raggio luminoso ci sarà una direzione in cui va lungo questo vettore o in un senso o nell'altro.
Per il comportamento proprio delle onde, osservando questi raggi li vedremmo, per forza, cambiare colore.
Cioè il colore varierà a seconda dell'angolo di emissione. Vero però che se l'osservatore ha la stessa velocità non potrà accorgersi del fenomeno. Vediamo però il caso del treno. Se si è alla fine, nell'ultimo vagone, si sentirà il fischio più acuto di quanto si sente vicino al fischietto, perché ci si sta avvicinando alla fonte. Per cui anche viaggiando alla stessa velocità della sorgente dell'onda, la frequenza di questa dipenderà dalla distanza a cui la riceviamo. Perciò anche la luce generata sulla terra dovrebbe avere un ritocco nel colore se ricevuta ad una certa distanza, in dipendenza dell'angolo cui è stata generata rispetto al vettore del presunto movimento della galassia. Tanto più la velocità della galassia è alta, tanto più lo scostamento diventerebbe pronunciato. In concreto osservando i colori delle stelle che compongono la nostra galassia dovremmo vedere un colore diverso per ogni angolo. Cioè le righe che rappresentano gli elementi dovrebbero spostarsi sia in discesa che in salita. Non sembra che si sia mai sentito di tali anomalie, forse i gradienti sono troppo piccoli, forse nessuno ha mai fatto queste verifiche. Queste discrepanze varrebbero anche per lo onde radio, e non mi pare che nessuno si sia mai accorto di un comportamento del genere.
Sarebbe interessante fare degli approfondimenti.
B) Sempre secondo il modello del "big bang", le galassie si dovrebbero disporre lungo la superficie esterna di una sfera, in espansione, nascendo tutte da un punto. Non si vede per quale ragione in alcune zone dello spazio ci si debba muovere più veloci che in altre.
Ma non risulta che sia così, cioè le galassie non sono disposte in questo modo. Basta osservare la via lattea. Se l'espansione fosse di ogni galassia verso tutte le altre, come le molecole di un gas in espansione, allora perché noi si possa fare una valutazione corretta dovremmo essere al centro esatto dell'universo. ( Ed ecco che si ripresenta l'antica convinzione terracentrica). Solo così ogni punto si allontanerebbe da noi e da tutti gli altri. Diversamente ci sarebbero delle galassie che hanno la nostra stessa velocità, delle altre, poche, che si avvicinano. Non si sono trovate galassie che si avvicinano a noi. Perché questo non accada bisognerebbe che la velocità aumenti man mano che le galassie si allontanano dalla origine, come pare che abbiano scoperto ora. Ma cosa darebbe loro questa accelerazione? Quale immensa fonte di energia dovrebbe fornire questa accelerazione? Non pare che questa energia sia stata riscontrata. Ci sono esempi di collisioni tra galassie, quindi sono state in avvicinamento, ma tra loro, non con noi.
C) Si scoprono sempre nuove galassie più "lontane". Migliorando i telescopi, ne appaiono di nuove. E sempre più "lontane", quindi, secondo questo modello, più "vecchie". Ma l'origine dell'universo si stima ad una certa "data" e con le ultime scoperte si è quasi raggiunta.
Cosa accadrà quando si scopriranno altre galassie più lontane, quindi più "vecchie"? Si dovrà cambiare la "data" del "Big bang"?
Credo che si possa pensare al solo modo di giustificare queste considerazioni, cioè che la luce rallenti nel percorrere lo spazio. Se la velocità si abbassa si ottiene lo stesso effetto dell'abbassamento della frequenza dovuto alla somma dei vettori di spostamento dell'onda dall'origine alla destinazione. Perché il tempo tra i ventri dell'onda che viene trasportata dal vettore si distanziano. Ecco, appunto. Se la velocità della luce cambia , allora tutto viene spiegato più facilmente. E' stato dimostrato e misurato che il tempo si contrae quando un corpo ha un moto. In modo significativo quando questo moto è grande. Moto da o verso cosa? Questo la scienza ufficiale non lo dice. Non è in grado di stabilire un riferimento assoluto. Che tuttavia esiste ed è lo spazio, apparentemente vuoto, ma invece fatto di una manifestazione energetica in quiete, cioè fermo, che non si muove e non perché la nostra galassia sia al centro dell'universo, ma perché è tutto l'universo ad essere fermo.
Se abbiamo la prova che nemmeno il tempo è un assoluto, allora cosa ci impedisce di motivare la presunta accelerazione del moto delle galassie esterne semplicemente con una contrazione del tempo nella nostra galassia? O solo nel nostro sistema solare, o anche solo per la Terra? Ecco cosa trascurano di valutare questi scienziati, fino a ieri un concetto di questo genere era quasi una eresia, ma oggi? Non vale la pena forse di considerare quelle informazioni esoteriche che ci dicono proprio che il tempo sulla terra sta accelerando? Quale migliore prova c'è di questi studi a sostegno di questa tesi?
Ben Boux

http://www.altrogiornale.org/news.php

Terremoto Magnitude mb 4.9 Region OWEN FRACTURE ZONE REGION

Magnitude
mb 4.9

Region
OWEN FRACTURE ZONE REGION

Date time
2011-10-26 20:31:45.0 UTC

Location
14.31 N ; 53.97 E

Depth
10 km

Distances
302 km S Salalah (pop 163,140 ; local time 00:31:45.3 2011-10-27)
307 km S Taqah (pop 17,827 ; local time 00:31:45.3 2011-10-27)
288 km SE Al-gayd'ah (pop 2,676 ; local time 23:31:45.3 2011-10-26)

Global view

http://www.new-dimension-software.com/seismology/index.php

Terremoto Magnitude M 4.8 Region NORTHERN CALIFORNIA

Magnitude
M 4.8

Region
NORTHERN CALIFORNIA

Date time
2011-10-27 06:37:09.2 UTC

Location
39.60 N ; 120.47 W

Depth
14 km

Distances
56 km W Reno (pop 202,142 ; local time 23:37:09.2 2011-10-26)
38 km NW Truckee (pop 15,771 ; local time 23:37:09.2 2011-10-26)
15 km SE Whitehawk (pop 103 ; local time 23:37:09.2 2011-10-26)

Global view

http://www.new-dimension-software.com/seismology/index.php

Terremoti in Italia 27/10/2011

mercoledì 26 ottobre 2011

...''NIBURU''...

Astronomia: rintracciato ciò che resta della cometa Elenin

E Svaniva nel nulla…

La cometa Elenin

La cometa Elenin, che tanto ha fatto parlare di sè in passato, è stata rintracciata e fotografata da un gruppo di astrofili italiani, che ne hanno dimostrato l’esistenza della coda luminosa. E’stato l’astrofilo Rolando Ligustri, del Circolo Astrofili Talmassons (Udine) ad avvistare quello che ne resta dopo la sua disgregazione. L’appassionato, che segue la cometa dal lontano 1995 e che vanta all’attivo oltre 140 foto di comete, ha detto in un’intervista all’ANSA: “non l’avevo notata prima perchè la scala d’immagine era troppo piccola”.  ”Si nota da un giorno all’altro – ha osservato – una normale diminuzione di segnale ed entrambe sono state fatte utilizzando un sistema di telescopi robotizzati situati nel New Mexico”. La cometa Elenin come ormai sappiamo, è stata preda di teorie cospirative riguardanti la fine del mondo, l’avvento degli alieni, di terremoti e tsunami in seguito a particolari allineamenti planetari. In realtà si è avuta conferma che la piccola cometa dopo il suo passaggio ravvicinato con il Sole, ha subito una disgregazione, frammentando il suo nucleo. Questo a causa di un’intensa espulsione di massa coronale prima, e del passaggio ravvicinato alla nostra stella poi; nonostante questo, ciò che resta del corpo continua a vagare nello spazio percorrendo normalmente la sua orbita. Se la cometa non si fosse disgregata, l’avremmo vista nei nostri cieli quasi ad occhio nudo da siti particolarmente bui, ma negli ultimi tempi la sua osservazione si è resa particolarmente difficoltosa, tanto da creare dubbi sulla reale magnitudine. Elenin è una cometa non periodica scoperta il 10 Dicembre 2010 da Leonid Elenin, che utilizzò un telescopio robotico nel New Mexico. La sua sigla è C2010 X1 (Elenin), ed è passata ad una distanza molto ravvicinata dalla Terra.

http://www.meteoweb.eu/2011/10/astronomia-rintracciato-cio-che-resta-della-cometa-elenin/94097/

26/10/2011: Forte terremoto in arrivo?

Forse non tutti sanno che esiste la tecnologia per creare terremoti artificiali.
Secondo fondi attendibili, compresa una risoluzione del Parlamento Europeo del 1999, questa tecnologia si troverebbe in Alaska e sarebbe un impianto "civile-militare" denominato HAARP.

Sul sito ufficiale di HAARP si possono consultare i grafici delle attività delle 180 antenne (alte oltre 30 metri) che compongono l'installazione.

Sembrerebbe strano che se HAARP generasse veramente dei sismi artificiali quei grafici sarebbero in bella vista a disposizione di tutti... Però sono strane anche le seguenti coincidenze:

In questa nota di facebook del 23 marzo 2011 eravamo già riusciti a prevedere un forte terremoto.

Questa volta speriamo di sbagliarci ma vi mostriamo comunque il taglio (alle ore 9:40 circa) nel grafico di questa mattina 26/10/2011:

Clicca sull'immagine per ingrandire


Questi sono i fatti, senza commenti di sorta. Giudicate come meglio credete.


http://lalternativaitalia.blogspot.com/2011/10/26102011-forte-terremoto-in-arrivo.html

2012 E NUOVA ERA: IL GRANDE AVVENTO DEL SESTO SOLE

Grandi cambiamenti sono in corso. Eventi planetari si profilano all'orizzonte. È necessario essere in sintonia con l'accelerazione dei tempi per una radicale trasformazione spirituale. In realtà l'uomo non è un essere che appartiene alla Terra. Egli abita temporaneamente sulla sua superficie per poter portare avanti la sua evoluzione.

In realtà l'uomo non è un essere che appartiene alla Terra...

In realtà l'uomo non è un essere che appartiene alla Terra. Egli abita temporaneamente sulla sua superficie per poter portare avanti la sua evoluzione. La sua anima entra per la prima volta nell'aura magnetica terrestre al momento del concepimento. Appena fecondato, il seme si addentra nella sintonia dello stato armonico del pianeta, per poi iniziare a creare un corpo adatto alle sue condizioni di vita.
Infatti i nostri corpi non sono altro che involucri che ospitano l'entità dell'essere, ossia l'essenza dell'Anima e dello Spirito che appartiene alla sfera di energia, che a sua volta è parte della Fonte (Dio). La Fonte è come un organismo di cui tutti facciamo parte. Essa è Energia Onnicreante-Onnipresente. Noi quindi la rappresentiamo , in quanto anche noi siamo energia, un corpo elettrico. Tutto ciò che ci circonda è elettrico, persino le piante, le patate, i limoni etc..
Lo Spirito è la nostra forza vitale, ma è anche la nostra linea di trasmissione che ci unisce alla centrale elettrica di Dio (la Fonte). Migliore è la connessione e più noi "abitiamo all'ombra del Creatore". Le capacità psichiche sono acuite, la nostra guida diventa palese e la protezione assicurata. Questo ci porta a credere di avere al nostro fianco un Angelo Custode.

L'Energia Vitale

Ogni persona dovrebbe purificare la propria anima con pensieri, parole e azioni positive. La forza della connessione creata dalla meditazione (preghiera), scaturisce dalla motivazione, dalla sincerità personale nel rivolgersi alla Fonte (Dio) per ottenerne l'aiuto e la guida. La natura dell'Anima può essere trovata nella parola "etereo" che significa stato di leggerezza, raffinato, delicato o appartenente alle sfere celesti. Nella fisica il termine etere, viene definito come: veicolo senza massa, infinitamente elastico, in origine postulato come il mezzo di propagazione delle onde elettromagnetiche. Oggi anche la scienza ufficiale riconosce l'antico concetto di energia vitale, non più vista come forza mistica, ma come forza di energia elettromagnetica, energia quantica (di luce), che agisce all'interno dell'organismo umano come sistema di controllo intelligente.
Il nostro fisico è tutt'uno con il corpo etereo che fornisce energia o la forza vitale necessaria per sostenere la vita terrena. Le onde elettromagnetiche che si irradiano da tutta la materia del corpo umano sono di differenti colori e possono essere rilevate da apparecchi scientifici, oppure percepite da persone dotate di poteri paranormali. È possibile vedere tale emissione di energia corporea (campo bioenergetico), chiamata "aura", mediante apparecchiature come la macchina Kirlian. Essa appare sotto forma di un alone o di aureola, come rappresentato nell'iconografia sacra. Del resto, anche i pensieri e le azioni di una persona possono influenzare il campo energetico e irradiarsi all'esterno sotto forma di svariati colori. Gli esseri umani vibrano con una frequenza sincronizzata e compatibile con quelle dellaTerra. Se le vibrazioni elettromagnetiche terrestri cominciassero a risonare a frequenze superiori (vale a dire in fase di accelerazione), anche il nostro campo "bioenergetico" aumenterebbe per restare compatibile. Tutto questo si renderà necessario con l'avvento della Nuova Era e potrà farci capire quanto importante e determinante sia il ruolo svolto dall'essere umano su questo pianeta.

L'umanità, pacifica per necessità

Le profezie parlano di un "Giudizio Universale" che porterà ad una purificazione della Terra. Molte di queste predizioni sono antiche, a volte non si riescono ad interpretare nel verso giusto e se ne possono sottovalutare gli avvertimenti.
L'uomo di oggi, con la sua preponderante attenzione agli aspetti materiali, è diventato sempre meno ricettivo verso quei poteri che trascendono la sua area di conoscenza. Parlare di un giudizio finale, per molti è un qualcosa che odora di superstizione, perché la fine di tutti i tempi non sarebbe vicina, dicono. Forse non è così. Fino a che punto gli esseri umani riusciranno nel loro tentativo di distruggere la Terra e i loro simili, prima di essere fermati dalle forze celesti? Nessuno può, per ora, dare una risposta. L'umanità, prendendo in considerazione i previsti cambiamenti, che già in parte stanno avvenendo sul pianeta, darà modo ad ogni singolo individuo di prendere una decisione sulla plausibilità delle predizioni.
Ma, nel frattempo, se i segni e i presagi cominciassero a manifestarsi, a che punto si potrebbe concludere che gli eventi stanno realmente per avverarsi? Mentre tutti gli abitanti di questo martoriato pianeta portano avanti le loro attività quotidiane, quando l'urgenza della situazione attirerà la loro attenzione? Secondo le nostre supposizioni, all'inizio la gente vi si opporrà con rifiuto e scetticismo, ma in un secondo tempo si adatterà ai cambiamenti razionalizzando la nuova situazione. Questa reazione farà prendere, probabilmente, il sopravvento all'inquietudine che diverrà più intensa con l'accelerare dei cambiamenti. Di conseguenza, tutti guarderanno sempre più al loro governo e alle proprie autorità religiose per essere guidati.
Come i Nativi Americani insegnano, l'uomo sarà in grado di affrontare i futuri cambiamenti della Terra solo acquisendo e aumentando le vibrazioni del corpo etereo, che a sua volta "spiritualizzerà" il corpo fisico, l'anima e la mente. Le informazioni dello Spirito di Dio influenzeranno le decisioni, le reazioni emotive e il comportamento dei singoli, mentre nello stesso tempo, l'incremento della frequenza delle vibrazioni contribuirà a rafforzare il sistema immunitario dell'organismo.
L'uomo è stato sempre affascinato dalla guerra, perché diviso interiormente, a causa del funzionamento errato del nostro cervello. L'unità cerebrale, data dalla complementarità dei due emisferi, si è trasformata, perdendo la capacità di espandere o evolvere la coscienza, comportandosi da filtro, acquisendo la realtà di ciò che sta accadendo intorno a noi e riducendola ad un livello di tolleranza gestibile.
L'uomo confonde la logica razionale con la parte intuitiva, generando così un conflitto interiore. Il cervello quindi ha consentito la dissociazione dei neuroni, le particelle elettriche del pensiero, essendo la fonte di comunicazione tra i due lobi.
Alcuni hanno imparato a unire questi emisferi integrandoli, in modo tale da creare una corona di luce neuronica simile a quella delle aureole raffigurate nei dipinti a soggetto religioso. La luce, l'elettricità, le vibrazioni sono tutte parte della stessa energia, energia che alcuni identificano con Dio.

In alto la formazione comparsa a Est Kennett- Avebury, Wiltshire il 21 Luglio 2011. Al suo interno si può vedere un pipistrello con le ali che rappresenta il pipistrello "Zotz". un simbolo di rinascita e di profondità, perché è una creatura che vive nel ventre della Madre Terra. Secondo i guardiani della tradizione mexicana, la transizione che ci troviamo ad affrontare ha avuto inizio nel 1991: il Sesto Sole è entrato in scena mentre ancora dominavano le caratteristiche del Quinto, simboleggiate da Itzcuintli, il Cane; il potere del Sesto Sole, simboleggiato da Ozomahtli, la Scimmia, ha cominciato a rafforzarsi dal 2003. Il 21 dicembre del 2012 esso sarà pari a quello del Quinto Sole, e dal 2021 in poi avrà inizio un periodo di migliaia di anni in cui l’umanità sarà sotto il dominio del Sesto Sole.

L'Alba della Nuova Era

Grandi cambiamenti sono in corso. Eventi planetari stanno profilandosi all'orizzonte. Circolano opinioni circa i cataclismi avvenuti e previsti, che possano essere un modo in cui il Creatore si assicura il Piano di Evoluzione terrestre. Altrettanto naturali gli altri cambiamenti osservati sulla superficie di questo pianeta: nascita e morte dell'Uomo e nascita e morte della Natura.
Il profeta giapponese Meishu Sama dice: "...le azioni umane e i discorsi di natura negativa, violenta o distruttiva creano delle nuvole nel regno spirituale che si raccolgono vicino alla loro fonte finché (come la pioggia) non sono finalmente dissipate dalla legge naturale sotto forma di tempo turbolento o di disastri… la terra dovrà affrontare un potente sommovimento, il più grande cataclisma della storia".
Tutto ciò che è materia è in un continuo cambiamento. Sta alla coscienza dell'Uomo interpretare e riconoscere lo scopo di quel cambiamento, poi l'evoluzione farà il suo corso.
L'Uomo deve capire che il cambiamento è necessario affinché la nuova Era, chiamata Era dell'Acquario, sia un'Era di grande evoluzione. Ci saranno progressi ora inimmaginabili, la Terra diverrà quello che avrebbe dovuto essere: una cellula vivente pervasa da un'intensa vibrazione d'Amore, realizzando il suo scopo nel Corpo Solare e le sue emanazioni si irradieranno in tutto il Creato.
I Maya e gli Aztechi definivano questa Era come il grande avvento del Sesto Sole, tempo in cui tutto ciò che è stato nascosto e sepolto sarà scoperto, la verità sarà la luce della vita e i figli (i nostri figli), saranno coloro che viaggeranno tra le stelle.

Massimo Fratini

Copyright © Segnidalcielo.it

http://www.segnidalcielo.it/index.php/segnidalcielo-news/585-il-grande-avvento-del-sesto-sole

Il fisico nucleare Stanton Friedman svela i segreti di stato sugli alieni

Il fisico nucleare Stanton Friedman svela i segreti di stato sugli alieni

Il Giornale Online“Sono convinto che gli Ufo esistono perché ne ho visto uno”
(Presidente Jimmy Carter).
“Gli alieni sono là fuori e la Terra è meglio che faccia attenzione a loro”
(Stephen Hawking).
“Voltatevi, uscite da questo mondo a tre dimensioni ed entrate nell’altro mondo, nella quarta dimensione, dove il basso diventa l’alto e l’alto diventa il basso”
(Tommaso Moro).

Il nuovo libro “Ufos & Aliens – Exposed, Uncovered, and Declassified – Is there anybody out there?” di Michael Pye a Kirsten Dalley (New Page Books – The Career Press, Usa 2011, pp. 253), prossimo alla catalogazione ufficiale nella Libreria del Congresso degli Stati Uniti d’America, getta nuova luce sul presunto fenomeno fisico alieno sulla Terra, cristallizzando le regole dell’investigazione esobiologica nel XXI Secolo. Per svelare il più grande mistero scientifico dell’umanità e per denunciare i debunkers in servizio permanente effettivo. Le prove esistono? Che cosa sono gli Ufo? Quale dovrebbe essere la risposta umana a un evento così straordinario? Se incontraste una creatura aliena nel giardino di casa o in un bosco, cosa fareste? Perché gli alieni dovrebbero già essere qui sulla Terra e infastidire il sonno di pochi “eletti”? Dove si nascondono? Chi li protegge? I governi sono in grado di fronteggiare un’invasione? Sono finzione o realtà? I video realizzati con le nuovissime videocamere HD e trasmessi da Internet, sono autentici o falsi clamorosi? Grazie al contributo di tredici esperti mondiali di esobiologia (con i relativi curricula), tra cui il fisico nucleare Stanton Friedman, il volume sviluppa ed analizza in maniera critica nuove prove ed evidenze fisiche che sembrano dimostrare, al netto degli scherzi della controinformazione dei “debunkers”, la presenza sulla Terra di ordigni, veicoli ed esseri non necessariamente umani in libera circolazione come i reporter di Discovery Channel.
“Abbiamo una conferma angelo. Tango, delta tango, wisky, tango, la procedura zebra è cominciata”(Intrusi, CBS). Chiamateli come volete: extraterrestri, meta-terrestri, ultraterrestri, antichi nativi terrestri, alieni. Gli autori suggeriscono che questi esseri si aggirano tra di noi apparentemente indisturbati per fare ciò che vogliono da chissà quanto tempo. L’opera focalizza l’attenzione del lettore, scienziati compresi, non tanto sugli eventi già noti quanto sugli episodi più importanti ed ignoti al grande pubblico che i documenti declassificati dai governi stanno lentamente svelando. Al centro dell’indagine condotta privatamente dagli esperti della nuova ufologia scientifica (che trova tra i suoi padri fondatori l’astronomo J. Allen Hynek, il celebre psichiatra di Harvard e vincitore del premio Pulitzer, John E. Mack, e il fisico Stanton Friedman) si scoprono avvistamenti e contatti che sembrano incredibili e fin troppo reali.

Come la testimonianza offerta a John Mack da 62 bambini (tra i 5 e i 12 anni) di una scuola africana di Ruwa (Zimbabwe), testimoni diretti il 16 settembre 1994, in pieno giorno, di una visita aliena! Come le storie di “cover up” messe in piedi per raccontare altre vicende, altri esperimenti militari, altri test effettuati con cannoni nucleari, per i libri ufficiali di storia. Stanton Friedman mostra quanto siamo vicini al primo viaggio interstellare dell’umanità grazie alla fusione nucleare, ai segreti scientifici e tecnologici finora custoditi gelosamente ma acquisiti da tempo. Il controverso padre della teoria sugli antichi astronauti, Erich von Daniken, studia in Manetho ed Eusebio le tracce lasciate da antiche creature ibride (sfingi) nella cultura mondiale e illustra i risultati tecnologici (clonazione) atti alla loro creazione da parte dell’uomo, magari per l’esplorazione dello spazio.
Nich Pope, già membro del Ministero della Difesa britannico, presenta gli ultimi documenti declassificati sugli Ufo, custoditi negli archivi nazionali del Regno Unito, inclusi quelli più interessanti e scottanti relativi al Primo Ministro W. Churchill che pare ne fosse informato. Donald R. Schmitt, co-direttore del centro studi ufologici intitolato all’astronomo J. Allen Hynek, ripercorre l’intricata vicenda storica dell’incidente di Roswell sotto un’altra prospettiva, descrivendo il tentativo governativo di copertura. Thomas J. Carey, veterano della Us Air Force, espone le azioni dei militari messe in atto per intimidire attivamente e passivamente la popolazione americana, testimone diretta degli avvistamenti e dei contatti con la tecnologia aliena, per distrarla dalla verità. Che, cioè, là fuori (non necessariamente solo nello spazio esterno) c’è qualcosa di notevole e di più o meno visibile, che ci osserva, studia ed analizza con il beneplacito dei potenti della Terra.
Assolutamente contrari a riconoscere ufficialmente, almeno per ora, il fenomeno fisico in atto. La fantascienza cinematografica e le varie trasmissioni televisive finora andate in onda sul fenomeno (presunte “abductions” comprese), per quanto incredibili possano sembrare, pare siano di aiuto per allontanare i cittadini dalla verità. Michael Pye (BA alla Southern Connecticut State University) è un editore di successo per la New Page Books dal 2003. Affascinato dalla visione della serie “In search of…” interpretata da Leonard Nimoy, ha sviluppato un prolifico interesse per il mistero. Kirstern Dalley, laureata alla Columbia University (BA in letteratura comparata) ha collaborato in varie iniziative editoriali della New Page Books fin dal 2004.
I tredici contributi offerti dal volume sono: “A Cosmic Watergate: Ufo Secrecy”, di Stanton Friedman; “The Real X-Files”, di Nick Pope; “Doubt Beyong Reason”, di Gordon Chism; “An Alien Intervention”, di Jim Moroney; “Alien Abduction: Fact or Fiction?”, di Kathleen Marden; “Cosmic Peeping Toms: Ufos and Invisibility”, di Micah Hanks; “The Kingman Affair”, di Nick Redfern; “Roswell in Perspective: The Human Response To An Extraordinary Event”, di Donald R. Schmitt; “Star Travel: How Realistic Is It?”, di Stanton Friedman; “The Ufo Problem: Toward a Theory of Everything”, di John White; “Killing The Roswell Story”, di Thomas J. Carey; “Identity Crisis: When Is a Ufo Not a Ufo?”, di Marie D. Jones e Larry Flaxman; “Hybrids: Memories of the Future”, di Erich von Daniken. Non tutto è accettabile sul piano logico e razionale, come il voler deliberatamente associare le apparizioni mariane di Fatima e Lourdes a fenomeni di tipo extraterrestre.
Dunque, consigliamo il massimo spirito critico come del resto per tutte le altre pubblicazioni a carattere ufologico. Ma la maggior parte delle argomentazioni presentate nel libro Ufos & Aliens sembrano valide perché lasciano aperta la porta del dubbio, della critica e della scoperta. “Siate affamati, siate folli” – affermò Steve Jobs nel suo indirizzo di saluto ai neolaureati della Stanford University al termine di una Lectio magistralis davvero suggestiva. Fu il suo saluto all’umanità intera. Vale anche in queste tematiche. “Technological progress comes from doing things differently in an unpredictable way. Such progress has proven itself to be both speedy and inceasing”, afferma il fisico nucleare Stanton T. Friedman nel libro Ufo & Aliens. Eliminato l’irrilevante dalle tesi più ardite finora prodotte da pseudo-ufologi ed agenti del discredito per spiegare e/o negare il fenomeno ET sulla Terra, ciò che rimane, per quanto possa apparire impossibile, è altamente probabile.
È la parola di uno scienziato, Stanton Friedman, che ha smascherato finti fisici nucleari addetti alla retro-ingegneria aliena, finti ufologi, finti testimoni e veri disinformatori in servizio permanente effettivo. In forza di documenti segreti, storici e processuali alla mano, Friendman conosce molto bene i buontemponi dell’ufologia mondiale. I segreti di stato sugli ET, secondo gli autori del libro Ufo & Aliens, non possono reggere dinnanzi al desiderio delle persone di conoscere la verità, fatti salvi gli inderogabili diritti alla sicurezza nazionale di ogni singolo governo. Ma, forse, per aprire gli occhi di tutti su queste realtà celesti così evidenti, occorre un cambiamento radicale nella politica scientifica, informatica, giornalistica e filosofica, per distinguere l’intrattenimento letterario e cinematografico dalla verità.
Altrimenti lo shock culturale potrebbe rivelarsi così devastante da neutralizzare la nostra civiltà in poche ore. L’astrofisico britannico Stephen Hawking, autore di bestseller internazionali come “Dal Big Bang ai buchi neri. Breve storia del tempo” e “Il Grande Disegno”, si dice convinto che non solo gli extraterrestri esistano, ma che “l’umanità dovrebbe fare tutto ciò che è in suo potere per evitare qualsiasi contatto con loro”. In tal caso, sarebbe già troppo tardi. Chissà quanto tempo! La vita aliena, secondo Hawking, esiste non solo in alcuni pianeti, ma forse al centro delle stelle o addirittura fluttua nello spazio interplanetario in forme e sostanze che non possiamo lontanamente immaginare. Il nostro Universo, infatti, contiene 100 miliardi di galassie, ciascuna con centinaia di milioni di stelle. In un luogo così affollato di massa e di energia, “è improbabile che la Terra sia l’unico pianeta dove si è evoluta la vita”, sostiene Hawking. Il problema, però, secondo lo scienziato, “è che il contatto con una tale specie potrebbe essere devastante e troppo rischioso per l’umanità.
Se mai gli alieni ci dovessero visitare, potrebbero sfruttare la Terra e le sue risorse, con un risultato che sarebbe simile a quando Cristoforo Colombo sbarcò in America” o peggiore. Se, dunque, gli alieni esistono per Hawking, allora siamo già in un Universo autocosciente. Cioè siamo in presenza non di semplici affermazioni anticonformiste, ma di fatti incontrovertibili. Dunque gli extraterrestri esistono già teoricamente. E non sono tutti virus e batteri. Tuttavia Hawking, intervenendo nel 2008 alla George Washington University per le celebrazioni del cinquantenario della Nasa, cercò di spiegare anche l’altro scenario: il perché il genere umano non sia mai riuscito a entrare in contatto con forme di vita extraterrestri. Tre le possibili spiegazioni: qualunque forma di vita è raramente presente in tutto l’Universo; organismi rudimentali sono abbastanza comuni nello spazio ma le forme di vita intelligenti sono al contrario molto rare; gli esseri viventi, quando dotati di intelligenza, tendono ad autodistruggersi molto velocemente.
“Per quanto mi riguarda – disse Hawking – io propendo per la seconda ipotesi: la vita intelligente è un fenomeno molto raro. Tanto che secondo alcuni è un evento che ancora deve manifestarsi persino qui sulla Terra. Se mai vi dovesse capitare di incontrare un alieno, state comunque attenti: potreste essere contagiati da un virus contro il quale non possedete alcun anticorpo”. Quel che accadde ai Nativi Americani quando vennero a contatto con i conquistatori venuti dal Vecchio Mondo. Un paragone che lo stesso Hawking evocò per incoraggiare il genere umano a far presto, a gettarsi alla conquista dello spazio per colonizzare altri pianeti. “La decisione di emigrare nello spazio cambierebbe completamente il futuro della razza umana e da questa scelta potrebbe dipendere anche la sopravvivenza stessa della nostra specie. Chi si oppone alla colonizzazione dei corpi celesti come la Luna e Marte, si comporta come coloro che intralciarono Cristoforo Colombo”.
Il fatto è che non siamo una nazione terrestre unita. Ogni stato e ogni governo della Terra, ragiona per la propria sopravvivenza. E questo complica la sfida spaziale e la ricerca della verità sugli alieni. Storie, leggende, tradizioni orali e scritte, tuttavia, non mentono sulla natura del fenomeno e descrivono strani oggetti ed esseri nel cielo, raccontando di visitatori di altri mondi e di profezie che interessano il presente e il futuro del nostro pianeta. Molte culture di tutto il mondo lo attestano. Oggi siamo sette miliardi di persone. Per la prima volta nella storia della Terra. È un caso? È tutta opera dell’uomo? L’arte, l’architettura, le scienze confermano – scrivono gli autori del libro Ufos & Aliens – che siamo di fronte a un complesso intreccio di conoscenze universali tramandate nei secoli, che non possono essere definite fantascienza. Il numero esponenziale di avvistamenti e contatti, anche in società non tecnologiche (come confermano le indagini dello psichiatra John Mack in Africa), dimostra che, al netto dei falsi, degli scherzi e dei depistaggi facilmente smascherabili, c’è molta carne al fuoco per poter indagare il fenomeno scientificamente.
Poiché il numero dei casi veri, seppur esiguo, presenta evidenze sconvolgenti e impossibili da ignorare, è giunta l’ora di applicare il “Think different” anche in queste delicate inchieste, per affidarsi alla regola aurea del grande Steve Jobs, padre fondatore della Apple. Gli autori del libro, da parte loro, intendono accendere il fuoco della curiosità per alimentare la fiamma della verità grazie a un’indagine interdisciplinare aperta a tutti i contributi più rilevanti offerti dai maggiori esperti del pianeta, compresa la comunità scientifica internazionale. Un libro per gli scettici che vi possono cercare e trovare molte argomentazioni stimolanti. Insomma, la risposta a lunga cercata alla domanda sulla vera identità degli scienziati che si occupano di ufologia mettendo a repentaglio le loro carriere: chi sono e perché pensano a quello che dicono, scrivono e testimoniano pubblicamente. I ricercatori della scienza ufficiale e i giornalisti investigativi, sono i benvenuti. I debunkers sono avvisati.
Al giorno d’oggi, infatti, conta la credibilità professionale acquisita dai testimoni anche grazie a test come il Minnesota Multiphasic Personality Inventory (MMPI). Gli esobiologi del libro ne sono pienamente convinti. La maggior parte degli autori dei tredici contributi di questo volume, sono scienziati dotati di un ottimo curriculum e di grande coraggio. Persone che sfidano, nel nome dell’investigazione scientifica sulla presunta presenza aliena sulla Terra, la censura e il rifiuto dei loro colleghi per arrivare là dove nessun altro è mai giunto prima, almeno nel loro campo d’indagine. Dove la testimonianza diretta delle persone coinvolte nel fenomeno alieno, assume una rilevanza assoluta, giocando un ruolo essenziale accanto alla prova materiale diretta e indiretta dell’evento fisico alieno, acquisita o in via di definizione grazie alla collaborazione delle agenzie e dei governi più volenterosi. L’ufologia non è ancora una scienza ufficiale da premio Nobel, perché finora non ha mai garantito sufficienti criteri scientifici nei suoi protocolli. E così non è mai stata riconosciuta dall’Accademia e dalla comunità scientifica internazionale.
A ciò hanno contribuito non pochi debunkers. Ma, grazie a molti ricercatori qualificati, l’investigazione esobiologica si sta affermando in tutte le scienze, facendo passi da gigante e segnando successi fino a poco tempo fa assolutamente impensabili, anche al di là dell’altra regola aurea del “publish or perish”. E, in effetti, molte scoperte scientifiche oggi vengono tranquillamente annunciate su Internet direttamente, bypassando molti canali ufficiali dopo scrupolose analisi. Lo sviluppo delle moderne tecnologie ha contribuito non poco all’introduzione dei canoni galileiani fondati sull’osservazione del fenomeno naturale e non sulla creazione di storie fantastiche. Oggi questo è possibile anche nell’esobiologia. Nelle loro inchieste gli autori del libro fondano le loro argomentazioni e deduzioni su alcuni controversi fatti per provare ciò che la cultura oggi rifiuta di ammettere a cuor leggero al di fuori dei cinema e delle pubblicazioni: la visita in atto degli extraterrestri a tutte le popolazioni della Terra, ieri, oggi e sempre.
Per questi ricercatori, privi di tentazioni pubblicitarie, millenariste e settarie, la verità sui “marziani” è una necessità vitale che vince il desiderio di credere. L’ufologia scientifica, infatti, cerca di rispondere ai canoni galileiani. Non è una fede, non è una religione. Anche se, ahinoi, esistono sette ufologiche che esulano dal tema del volume e dall’inchiesta scientifica. Il fatto è che molti governi del mondo hanno ammessodi aver occultato documenti e prove. Le informazioni che stanno trapelando sono considerevoli: il governo britannico ha già divulgato più di ottomila autentici X-Files prima classificati. È il caso di J. Edgar Hoover, la cui memoria del 1950 declassificata di recente dall’FBI, sembra provare l’autenticità dell’Ufo crash presso Roswell. La questione scientifica, tecnologica, economica e di sicurezza nazionale, rimane intatta. E consente di farsi un’idea sulle reali motivazioni che muovono i governi, le agenzie segrete e le grandi industrie, a tenere ben nascosta la verità su tutto il resto. Pare, infatti, che la maggior parte dei documenti più sensibili, non saranno mai declassificati e divulgati.
A costo della loro distruzione. Il libro Ufos & Aliens illumina a giorno anche il caso Kingman, meno famoso alle cronache, ma non per questo meno interessante per capire le dinamiche della disinformazione operata dai canali (semi)ufficiali. Quanto basta per farsi un’idea sulla pericolosità dell’argomento Ufo che oggi sembra spaziare più in là, inglobando temi seri come la teoria degli universi paralleli e dei tachioni (compresi i neutrini iperluminari del Gran Sasso) che pare rendano possibile l’apparente impensabile: la costruzione e/o il rilevamento di autentiche vie di comunicazione interstellare grazie ai ponti-pozzi gravitazionali Einstein-Rosen. Se si accettano le premesse del volume, cioè una sana apertura mentale basilare per tutti (non solo per ogni scienziato che si rispetti) in nome della ricerca della verità su questi fenomeni, peraltro già verificabili, si può da scettici e con la massima cautela affrontare la lettura del libro. Che è una sfida lanciata dagli stessi autori alla nostra sete di conoscenza ed, allo stesso tempo, uno stimolo formidabile alla ricerca di prove autentiche dirette che, a quanto pare, ci circondano.
È una sfida per pensare al fenomeno naturale in quanto tale, che sia o meno in corso sulla Terra. Senza lasciarsi condizionare dai falsi che sommergono Internet e i media ufficiali, e dalle storie più inverosimili dell’universo, frutto del lavoro dei debunkers per screditare fatti e persone. L’Accademia ha bisogno di prove. È questa la sfida, consapevoli del fatto che la realtà quantistica in cui tutti viviamo è più fantasiosa della fantasia e che occorre lasciarsi aperte tutte le porte per investigare il fenomeno e per conseguire i più grandi successi. Un po’ come accade per la scoperta di nuove comete. L’astronomo non ha bisogno di credere in una cometa per puntare il telescopio o il binocolo nella giusta fetta di cielo e darle la caccia. L’astronomo sa che esistono nello spazio centinaia di migliaia di potenziali oggetti cometari in grado di avvinarsi al Sole. Ha solo bisogno della strumentazione migliore sotto le condizioni migliori di osservazione, sperando di fare centro. Se gli autori del libro hanno ragione, la probabilità di filmare un alieno sulla Terra è incredibilmente maggiore di quella di scoprire un nuovo astro chiomato. Che ci crediate o meno. Perché la luce e la materia, anche quelle invisibili, non possono essere nascoste sotto il moggio.
Il primo passo per svelare il mistero ET, è porsi la domanda giusta. Cosa ci si aspetta di osservare? Così come accade per l’invenzione degli esperimenti scientifici sotto il Gran Sasso, bisogna sviluppare il pensiero matematico su ciò che osservo e su cosa mi aspetto di trovare con la strumentazione disponibile. Altrimenti, ne devo inventare un’altra all’uopo. Così ragiona lo scienziato anche in presenza di eventi ignoti, rari e difficilmente riproducibili. Ora, non sappiamo cosa e chi osservare. Questo è il punto. La materia ordinaria terrestre, la possiamo osservare facilmente. Ma nulla ancora sappiamo sulle altre forme complesse (non particellari) di materia del tipo “oscura” perché ignota. Se gli ET fossero composti di materia oscura, saremmo oggi in grado di osservarli? Occorre, quindi, porsi il giusto quesito per inventare la strumentazione più idonea. Parallelamente nessuno ha il diritto di screditare il lavoro degli scienziati per nascondere la verità sulle realtà celesti e per negare la ricerca.
Secondo Stanton Friedman, tuttavia, si continua a negare la verità sul fenomeno alieno nonostante il 21,5% di eventi ignoti registrati e così classificati nei rapporti ufficiali Usa, quasi sicuramente attendibili. In nome del solito mantra invocato dalle agenzie per la sicurezza nazionale. Se così fosse, la Questione Aliena assumerebbe le sembianze di un fatto prettamente di natura politica più che scientifica. Nessun governo o complesso militare-industriale potrebbe mai accettare scelte imposte da un solo leader planetario, in aperta violazione della sicurezza e della libertà di ogni nazione. Secondo Friedman, a differenza dei segreti militari ordinari (satelliti nucleari sovietici in rientro nell’atmosfera, lancio di missili per abbatterne alcuni, crisi dei missili di Cuba, rientro di capsule fotografiche da satelliti spia, etc.) più o meno Top Secret e quindi declassificabili, la Questione Ufo-ET merita lo sviluppo di un’inchiesta radicalmente differente. Chissà se le intercettazioni ambientali e telefoniche made in Italy, potrebbero risultare decisive! Negli eventi alieni sconosciuti e ignoti finora classificati si nasconde – secondo Friedman – il più grande segreto dell’umanità.
In pratica, anche il modo per viaggiare nell’Universo e per risolvere tutti i problemi dell’umanità. Se i cittadini non hanno ancora capito l’utilità di un Ufficio delle Nazioni Unite per gli Affari dello Spazio Esterno, visto che nel settembre 2010 è stata negata ogni responsabilità su eventuali funzioni di rappresentanza planetaria nel caso di “primo contatto” diplomatico con altre razze aliene; e se le persone di buonsenso non hanno ancora compreso il ruolo dei governi e delle agenzie (para)governative sulla Questione ET, allora i veri giornalisti liberi che ancora oggi sembrano brancolare nel buio quando non operano come veicoli ufficiali di disinformazione, hanno il dovere di dimostrare la volontà di fare davvero luce sull’intera faccenda. Siamo o no in uno scenario di caccia aliena tra il gatto e il topo? Siamo prede o predatori? I segreti tecnologici e militari, certamente non possono essere divulgati a tutti, in un mondo non ancora democratico e civile, diviso da guerre fratricide e da nuove rivoluzioni urbane giovanili potenzialmente devastanti ( i fatti di Roma lo dimostrano).
La tecnologia ET nelle mani sbagliate – sempre secondo Friedman – potrebbe condurci all’estinzione improvvisa e immediata. Non è questo che si chiede. Ma la semplice verità sulla presenza o meno degli extraterrestri sulla Terra. Cioè, una dichiarazione ufficiale che avrebbe considerevoli implicazioni economiche, umanitarie, politiche e sociali. Woodward e Bernstein riuscirono laddove altri avevano miseramente fallito. Per smascherare lo scandalo del Watergate Cosmico, occorre la stessa motivazione, lo stesso spirito d’iniziativa, lo stesso entusiasmo e le stesse capacità. “La fiducia è davvero una cosa seria” – afferma il giornalista Ezio Greggio nel telegiornale satirico italiano “Striscia La Notizia”. L’approccio investigativo ed autenticamente indipendente (cioè realmente giornalistico) alla Questione ET, muove da un lavoro serio e meticoloso delle fonti più autorevoli in collaborazione con la comunità scientifica internazionale e gli scienziati di buona volontà disposti a tutto pur di conoscere la verità sul presunto fenomeno fisico alieno in corso sulla Terra. Meglio non fidarsi, quindi, degli “Ufo files” di dubbia provenienza e facilmente accessibili grazie a Internet, alla Tv ed al cinema.
Meglio non fidarsi dei nuovi “contattisti” chiunque essi siano. Perché la natura del fenomeno, se effettivamente reale, è molto più complessa di quanto si creda. Mai fidarsi della “corrente a getto” mediatica alimentata ad arte dai debunkers, a volte semplici buontemponi in perfetta buona fede carnascialesca. Il dubbio e la ragione possono aiutare ad aprire la mente a queste presunte nuove realtà, senza lasciarsi travolgere dagli eventi, anche se fossero terribili. In gioco è la nostra stessa sopravvivenza, affermano gli autori del libro. Accogliere la verità nuda e cruda, ci consentirà di adattare le difese per ogni evenienza. Abbiamo sconfitto fascisti, nazisti e comunisti. Compresi tutti i dittatori della storia. Non possiamo, dobbiamo e vogliamo temere nulla dalla verità. Altrimenti il nostro futuro è segnato. Come lo fu quello dei Nativi Americani che non riuscirono ad evitare l’invasione (anche batterica e virale) dell’uomo bianco europeo.
La mente aperta ci consentirà di sopravvivere. Ma è difficile coltivare al giorno d’oggi un ottimismo di maniera su questi temi. Non sappiamo ancora con chi abbiamo o avremo a che fare! Pensate, come fecero i nativi delle isole Hawaii alla visione della nave del capitano Cook quasi tre secoli fa, oggi c’è chi esulta alla visione (anche da “rapiti”) degli extraterrestri e dei loro sorprendenti mezzi. Vi lascio immaginare il perché. Il più colossale crimine infatti, sarebbe quello di negare l’evidenza della realtà ai vari livelli di conoscenza e di esistenza, per l’interesse di pochi. Magari per la pubblicazione di un libro. Solo la memoria dei nostri fatti storici potrà salvarci da un’eventuale invasione ET. Occhi aperti, dunque, e coraggio. La morale della favola è sempre la stessa. Come fece Galileo Galilei con gli uomini del suo tempo, la nuova visione del Cosmo non può che essere accettata. Mai imposta e negata.
Se le affermazioni contenute nel libro Ufos & Aliens sono vere, la nuova visione dell’Universo che ne esce fuori, è talmente diversa da tutto quello che ufficialmente abbiamo appreso, studiato e compreso, che la nostra stessa percezione della realtà fisica ne potrebbe risultare profondamente sconvolta se non rivoluzionata. Dunque, prudenza. La natura fisica dell’Universo è davvero complessa. Lo sappiamo. La scienza lo ha già capito. Un po’ meno i duri di comprendonio. Dunque, c’è spazio anche per la Questione Aliena sulla Terra, senza troppi complimenti. Certamente non siamo soli nell’Universo. Perché siamo cittadini del cielo, non più di nazioni in guerra permanente sulla Terra. Un pianeta azzurro d’acqua che nell’immensità buia dello spazio non può passare inosservato tanto facilmente. Questo suggerisce la sola logica. Se la nostra Galassia, ma anche le stelle più vicine al nostro Sole (oltre duemila nel raggio di 50 anni luce), ospita una comunità di esseri viventi, magari tutti diversi tra loro nei vari livelli di civiltà, chi siamo noi per negarlo? Il significato autentico della vita è proprio questo: la multiforme sapienza di DIO nel Creato che ama conoscere se stesso.
Questa è la nostra responsabilità per le generazioni future: salvaguardare la vita che si rinnova qui sulla Terra. Non le favole fantascientifiche. C’è poi il messaggio cristiano che la Chiesa Cattolica è chiamata ad annunciare nel nostro mondo, non altrove, come dice Gesù nei Vangeli. A pagina 235 di un altro libro, “Così parlò Padre Pio” (edizione curata da Don Nello Castello, IMPRIMATUR Vicenza, 14/6/74 † C. Fanton, Vescovo Ausiliare) alla domanda: “Padre, dicono che negli altri pianeti ci sono altre creature di Dio!”, padre Pio rispose: “E che vorresti che non ci fossero, che l’Onnipotenza di Dio si limitasse al piccolo pianeta Terra? E che, vorresti che non ci fossero altre creature che amano il Signore?”. Alla seconda affermazione dell’autore: “Ho pensato che la Terra è un niente, di fronte agli astri e tutti gli altri pianeti”, padre Pio disse: “Eh! sì, e noi usciti dalla Terra siamo nulla. Il Signore non avrà certo ristretto la sua gloria a questo piccolo pianeta. In altri ci saranno degli esseri che non avranno peccato come noi”. Ma se scienziati come Stanton Friedman e Kathleen Marden hanno ragione, siamo di fronte a uno scenario di invasione aliena mitigata.
Nicola Facciolini (improntalaquila.org)
Fonte:

http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.7295

Ciò che non ti aspetti dalla Bibbia - prof. Mauro Biglino-Parte 1