Alert - Nibiru is coming

Il Pensiero di Angeli in Astronave

Angeli in Astronave è distaccato da tutti coloro che professano amore…e in realtà guadagnano con la sapienza che non gli appartiene… ribadisco …nomi altisonanti … artefatti di strani effetti speciali …visivi o non… strumentalizzare… gruppi di appartenenza…donazioni … plagio… bugie da effetto… mancanza di umiltà… falsi nel pubblico…violenti nelle mura domestiche… guru e maestri …diffidate da ogni cosa artefatta… l’Amore unisce in semplicità…non ha bisogno di una carta scritta…la Verità non si vende ne si compra…fatene tesoro… Dolbyjack!

"Con riferimento al Decreto legislativo 9 aprile 2003, n.70 che si occupa di Attuazione della direttiva 2000/31/CE. Facendo anche riferimento al libro verde sulla tutela dei minori e della dignità umana nei servizi audiovisivi e di informazione COM (96) 483, il presente sito web: (Angeli in Astronave) è fruibile a soli Maggiorenni e pertanto proibito a tutti coloro che siano sofferenti psichici o vulnerabili ad informazioni di questo tipo e quindi influenzabili dal punto di vista psicologico.”

Buona Navigazione Cari Angeli, Namasté..

Video Discosure-Nibiru e Mauro Biglino

Riflessioni

La dottrina e pratica più blasfema della Chiesa Cattolica è quella della transustanziazione e del sacrificio della messa. La transustanziazione (fatta dogma dal concilio Lateranense IV nel 1215, elaborata in seguito da Tommaso d'Aquino e sancita definitivamente dal Concilio di Trento) insegna che: il pane e il vino, al momento della consacrazione vengono dal sacerdote cambiati nel corpo e nel sangue di Gesù Cristo (ogni giorno quindi vengono all'esistenza migliaia e migliaia di nuovi Gesù). La Scrittura insegna che nella cena c'è solo la presenza spirituale di Gesù (Luca 22:19-20; Giovanni 6:63; 1 Corinzi 11:26). Inoltre, nell'adorazione dell'ostia, la Chiesa di Roma adora un dio fatto dalle mani di uomini. Questo è il colmo dell'idolatria, ed è completamente contrario allo spirito del Vangelo che richiede di adorare Dio in spirito e verità (Giovanni 4:23-24). Carlo Fumagalli ex prete ed antropologo

Rasoio di Ockam suggerisce che: "tra varie spiegazioni possibili di una data osservazione, quella più semplice ha maggiori possibilità di essere vera".

DA QUANDO E' DIVENTATO REATO AVER CARA LA VITA?

"Nessuna causa è persa finché ci sarà un solo folle a combattere per essa".

Disclose.tv - ANONYMOUS MESSAGE TO NASA ABOUT ETS
http://www.disclose.tv/action/viewvideo/104638/ANONYMOUS_MESSAGE_TO_NASA_ABOUT_ETS/ Agenzia spaziale più importante del mondo, ti abbiamo osservato e ascoltato per molto tempo, siamo contrariati dalle tue costanti smentite e insabbiamenti, sappiamo tutti i tuoi piccoli e sporchi segreti e i trucchetti che usi. Sappiamo come hai falsato tutte le immagini della superfce dei pianeti e dei satelliti che li circondano, sappiamo come hai falsato e nascosto la verità al mondo. Ora abbiamo abbastanza filmati immagini e informazioni che tu non hai. Saremo capaci di mostrare la verità e lo faremo presto, pensi che stiamo bleffando? allora ascolta, la complessità della loro abilità è incomprensibile[...]l'ormeggio dei loro veicoli sembra molto NASA(non diciamo di più) è per i tuoi trucchi?Sappiamo anche come hai rilasciato strani fotogrammi che mostrano dischi che visitano e poi lasciano la terra e hai consigliato agli astronauti di menzionare volta per volta gli ufo, questo è per far credere che sai molto poco di quello che stà accadendo (mentre altri pensano di aver trovato la verità) ma in realtà la verità è così incomprensibilmente vasta e così semplice che sfugge anche ai migliori dispositivi e menti. Ora, sai che facciamo sul serio. Ora ci rivolgiamo a tutti i cittadini del mondo, le entità extradimensionali non sono malvagie come vogliono farvi credere, al contrario, hanno creato il nostro universo quindi sono presenti da prima di noi, non c'è nienti di cui temere, questo è l'inizio della rivoluzione spirituale ed evoluzione della specie umana Traduzione per Angeli in Astronave Raffaele V.

video prova

La morte non esiste è una invenzione della Chiesa Cattolica - Guarda il video e capirai| Nuove tecnologie ci renderanno liberi

sabato 20 febbraio 2010

Il massaggio sonoro con la Campana Tibetana

Campane TibetaneLa sinergia della Pranoterapia e della Campana Tibetana o Singing Bowls (ciotole che cantano), crea un legame magico, etereo e particolarmente indovinato per l'abbassamento dello stress e per la riabilitazione emotiva della persona.

La sinergia della Pranoterapia e della Campana Tibetana o Singing Bowls (ciotole che cantano), crea un legame magico, etereo e particolarmente indovinato per l'abbassamento dello stress e per la riabilitazione emotiva della persona.

La Pranoterapia è una terapia curativa antichissima, formata dalle parole PRANA (termine sancrito antica lingua indiana) che significa “soffio vitale” o “energia vitale” e dalla parola terapia.

Ma come si applica la Pranoterapia?

La sua applicazione viene fatta con l'imposizione delle mani del pranoterapeuta sul corpo del paziente ad una distanza di pochi centimetri o apponendo le mani su organi, chacras, o seguendo i punti dei meridiani della Medicina Tradizionale Cinese, come viene fatto anche per l'Agopuntura e per lo Shatsu. La Pranoterapia serve a ricreare o a rivitalizzare l'energia curativa propria di ogni essere vivente, come fa l'omeopatia, dando al corpo umano la possibilità di reagire alla malattia, diminuendo infezioni, irritazioni, infiammazioni aiutando così il Sistema Immunitario a ristabilire l'omeostasi.

Cosa sono le Campane Tibetane?

Le campane tibetane o Singing Bowls sono delle ciotole di forma tondeggiante, di colore dorato, spesso con scritte in Sanscrito raffiguranti l'Ohm. Esse sono composte da una lega che comprende i Sette metalli planetari: Oro per il Sole, Ferro per Marte, Mercurio per il pianeta Mercurio, Rame per Venere, Stagno per Giove, Piombo per Saturno e infine Argento per la Luna.

Che sensazioni si possono avvertire?

Alcune persone durante l'esperienza del Massaggio Sonoro si addormentano, persone che si emozionano, persone che rimangono indifferenti, persone che sorridono, altre che raccontano di aver viaggiato e che desiderano trasmettere questa esperienza agli amici o ai loro familiari. Il suono avvolge completamente il nostro spirito e il nostro corpo. Attraverso il contatto con la campana, posizionata su alcuni punti del corpo, si percepiscono delle vibrazioni che attraversano ed accarezzano tutto il corpo, dai piedi alla testa, organi ed ossa comprese, per mezzo dell'udito ci si immerge in un viaggio sonoro sempre più magico e rilassante, attraversando note musicali mai ascoltate, il tutto composto da un cocktail di benessere, oblio e di un crescente senso di leggerezza.

A cosa serve il Massaggio Sonoro?

Il suono e le vibrazioni della Campana Tibetana concorrono in maniera esponenziale per il riallineamento dei chacras, la carica energetica ed il benessere spirituale e fisico della persone. Secondo la Medicina Tradizionale Cinese, il corpo umano, oltre che da organi, ossa e visceri è composto anche di vibrazioni, frequenze e onde di energia. Infatti se un organismo è sano, esso vibra ad una giusta frequenza ed è ben accordato con sé stesso e con il mondo esterno come uno strumento musicale. Spesso chi ha sensazioni di carenza energetica, disturbi di varia natura, ha una frequenza musicale distorta, sappiamo che questo malessere è dato dalla presenza di blocchi energetici. Il massaggio sonoro con la Campana Tibetana, stimola il processo di autoguarigione e di armonizzazione.

Per chi è indicato il Massaggio sonoro con la Campana Tibetana?

Serve per:

• energizzare ed armonizzare il sistema bioenergetico

• equilibrare i chakra

• calmare il nervosismo

Abbassare o eliminare sensazioni di:

ansia

angoscia

• risolvere i più comuni disturbi del sonno

Cos'è il Mix di Pranoterapia e Campana Tibetana?

Abbassare o eliminare sensazioni di:

Ho intrapreso questa tecnica in seguito ad un corso di Campana Tibetana, ho potuto verificare che dopo il normale trattamento di Pranoterapia, che agisce in maniera profonda e intensa sul corpo sottile, a seconda del disturbo o della patologia, eseguendo il massaggio sonoro con le Singing Bowls le persone avevano sensazioni di leggerezza e armonia, sensazioni di torpore e soprattutto il sorriso sulle labbra. Fin'ora ho visto la gioia, lo stupore, la serenità ed il sorriso materializzarsi sul viso di diverse persone, ma l'esperienza che conservo nel mio cuore è quella di una signora che ha scoperto di poter superare i propri momenti di disagio e la possibilità di ricominciare a sognare.

Autore: Dr. Guido Parente / Fonte: naturopataonline.org

Osho: Il Respiro Dell'Amore

L'amore è sempre nuovo. Non diventa mai vecchio perché non è cumulativo, non è possessivo.

Non sa nulla del passato; è sempre fresco, fresco come una goccia di rugiada. Vive momento per momento, atomo per atomo. Non ha continuità, non conosce tradizioni. Muore ogni momento, e ogni momento rinasce. È come il respiro: inspiri ed espiri; e poi di nuovo inspiri ed espiri. Non accumuli il respiro dentro di te.

Se lo facessi moriresti, perché diventerebbe stantio, morto. Perderebbe vitalità, perderebbe la qualità della vita. L'amore è la stessa cosa: è un respiro che si rinnova in ogni momento. Quando il tuo amore si blocca e smette di respirare, la vita perde ogni significato. Questo è proprio ciò che accade con la gente: la mente prende un tale predominio da influenzare persino il cuore e farlo diventare possessivo! Il cuore non conosce la possessività ma viene contaminato dalla mente, ne viene avvelenato.

Quindi ricorda: ama l'esistenza! Lascia che l'amore sia come il respiro: inspira, espira, ma fa' che sia l'amore che entra e esce. A poco a poco devi creare con ogni respiro la magia dell'amore. Fanne una meditazione: quando espiri, senti che stai riversando il tuo amore nell'esistenza; quando inspiri, l'esistenza riversa il suo amore dentro di te. Vedrai come molto presto la qualità del tuo respiro cambierà, come diventerà completamente diversa da tutto ciò che hai provato finora. Per questo in India chiamiamo il respiro "prana", vita: non è solo respiro, non è solo ossigeno. Qualcos'altro è presente: la vita stessa.

Le nebbie chimiche spacciate per smog da traffico automobilistico

Il 18 febbraio 2010 sul giornale "La Stampa", ma anche nel corso dei TG nazionali, viene mostrata la mappa satellitare riportata qui sotto.

E' necessario evidenziare come sia stata estrapolata una scansione satellitare qualsiasi e tantomeno una di queste ultime settimane! La mappa mostra piuttosto la presenza di una nebbia chimica, composta di inquinanti a base di biossido di zolfo (noto per essere un composto ad "effetto serra" decine di volte superiore al CO2), dispersi deliberatamente per mezzo degli aerei militari e civili. E' in atto quindi una campagna di inganno che ha il sostegno totale dei media e dei nostri politici, che useranno questa menzogna per aumentare i balzelli a carico degli automobilisti.

Ecco la mappa satellitare [ LINK ] del 18 febbraio 2010, molto simile a quelle dei giorni scorsi, per via della copertura nuvolosa. E' palese come si miri a spacciare delle conosciutissime nebbie chimiche, indotte da aerosol aerei, per smog di origine antropica. Per conseguire questo obiettivo, i media di regime hanno deliberatamente esibito un'immagine satellitare adatta alla bisogna e che, aspetto fondamentale, non si riferisce a questi ultimi giorni. E' evidente la malafede in questa criminale operazione di inganno mediatico.




Attacco all'informazione CLICCA QUI

Cresce la febbre della crisi globale del sistema

NEWS Frank!

 

 

 

Cresce la febbre della crisi globale del sistema

Cresce la febbre della crisi globale del sistema


By Cristina Bassi - Posted on 20 febbraio 2010

EurozonaEstratti tradotti dal GLOBALEUROPE ANTICIPATION BULLETTIN:

Il nostro gruppo anticipa dunque nel n° 42 di GEAB un brutale aggravarsi della crisi alla volta del 2° trimestre del 2010, aggravarsi causato dall'effetto combinato del rimbalzo dei fenomeni che erano stati provvisoriamente “congelati” nel secondo semestre del 2009 e dall'impossibilità di mantenere le misure palliative dell'anno passato.

D'altra parte, in questo mese di febbraio del 2010 (...) tutti possono verificare che un simile meccanismo è di fatto in corso : Stati vicini al non poter più fronteggiare i pagamenti, salita inesorabile della disoccupazione, caduta di milioni di persone verso il limite della assistenza sociale, caduta dei salari, soppressione di servizi pubblici, disgregazione del sistema della gestione globale (fallimento del summit di Copenhagen, tensione crescente Cina/USA, riemergere del rischio del conflitto Iran/Israele/USA, guerra monetaria globale, etc...).

Il violento aggravarsi della crisi del sistema globale sarà quindi caratterizzato da una accelerazione e/o da un rinforzo di cinque tendenze negative fondamentali:

1. esplosione della bolla dei deficit pubblici con parallela sospensione dei pagamenti da parte degli Stati;

2. scontro fatale del sistema bancario occidentale con l'aumento del fallimento nei pagamenti e la montagna dei debiti giunti a maturazione;

3. l'inevitabile risalita dei tassi di interesse;

4. la moltiplicazione delle fonti internazionali di tensione;

5. la crescente insicurezza sociale.

(...) abbiamo scelto di analizzare il 'caso greco', da una parte poiché ci sembra emblematico di quanto ci riserva l'anno 2010, dall'altra parte perché illustra perfettamente l'evoluzione dell'informazione sulla crisi mondiale, nella direzione di un 'bollettino di guerra' fra blocchi di interesse sempre più in conflitto fra di loro.

(...) i cinque punti fondamentali della nostra previsione in materia : Come indicato nelle nostre anticipazioni per l'anno 2010, apparse sul numero 41 di GEAB, il problema greco dovrebbe scomparire dai radar mediatici internazionali entro poche settimane. Esso è l'albero utilizzato per nascondere una ben più pericolosa foresta di debiti sovrani (quelli di Washington e Londra), e l'inizio della nuova caduta dell'economia mondiale, USA in primis.

Il problema greco è una questione interna alla zona Euro ed all'Unione Europea, e la situazione attuale offre ai dirigenti della zona Euro una occasione unica per obbligare alla fine la Grecia (paese che viene definito di 'espansione a rischio' fin dal 1982), ad uscire dal suo feudalesimo politico ed economico. Gli altri paesi della zona Euro, Germania in testa, sono ben decisi ad obbligare le elites greche - in cambio del loro aiuto - ad adattare il proprio paese al XXI° secolo. Nel far ciò, approfittando del fatto che la Grecia non rappresenta che il 2,5% del Prodotto Nazionale Lordo della zona Euro, mettono alla prova quei meccanismi di stabilizzazione nei tempi di crisi dei quali ha bisogno la zona Euro .

I dirigenti ed i media anglosassoni utilizzano la situazione come l'anno passato hanno fatto con il cosiddetto tsunami bancario proveniente dall'Europa dell'Est che doveva travolgere la zona Euro, per coprire l'evoluzione catastrofica delle loro economie e dei loro debiti pubblici, e per tentare di indebolire la capacità di attrazione della zona Euro in un momento nel quale USA e Regno Unito hanno una difficoltà crescente ad attirare quei capitali dei quali hanno un urgente bisogno. Parallelamente, Washington e Londra che dopo l'entrata in vigore del trattato di Lisbona si è trovata totalmente esclusa dal governo dell'Euro, saranno entusiasti di vedere il Fondo Monetario Internazionale, da loro controllato completamente, entrare nel controllo della zona Euro.

Gli speculatori (dei fondi di investimento ed altro), e le banche pesantemente coinvolte con la Grecia , hanno un interesse comune nel cercare di provocare un rapido sostegno finanziario da parte dell'Eurozona alla Grecia poiché, se mai gli Europei si rifiutassero di metter mano al libretto degli assegni (nello stesso modo scandaloso usato dell'accoppiata Paulson-Geithner verso l'AIG e l'insieme di Wall Street nel 2008/2009), le agenzie di rating giocherebbero loro un brutto scherzo. In effetti, il declassamento dei conti della Grecia getta questo piccolo mondo nella morsa di perdite finanziarie importanti sia se, per le banche, il valore dei loro prestiti alla Grecia si ritrovi analogamente diminuito sia qualora le loro scommesse contro l'Euro non avessero successo.

Riferimenti:

blogs.dailymail.com
eap2020.eu
lefigaro.fr
ft.com

Traduzioni a cura di Cristina Bassi / Fonte: cafedehumanite.blogspot.com

LA CRISI GLOBALE SI AGGRAVA...

Estratti tradotti dal GLOBALEUROPE ANTICIPATION BULLETTIN:

Il nostro gruppo anticipa dunque nel n° 42 di GEAB un brutale aggravarsi della crisi alla volta del 2° trimestre del 2010, aggravarsi causato dall'effetto combinato del rimbalzo dei fenomeni che erano stati provvisoriamente "congelati" nel secondo semestre del 2009 e dall'impossibilità di mantenere le misure palliative dell'anno passato.

D'altra parte, in questo mese di febbraio del 2010 (...) tutti possono verificare che un simile meccanismo è di fatto in corso : Stati vicini al non poter più fronteggiare i pagamenti, salita inesorabile della disoccupazione, caduta di milioni di persone verso il limite della assistenza sociale, caduta dei salari, soppressione di servizi pubblici, disgregazione del sistema della gestione globale (fallimento del summit di Copenhagen, tensione crescente Cina/USA, riemergere del rischio del conflitto Iran/Israele/USA, guerra monetaria globale, etc...).

Il violento aggravarsi della crisi del sistema globale sarà quindi caratterizzato da una accelerazione e/o da un rinforzo di cinque tendenze negative fondamentali :

1. esplosione della bolla dei deficit pubblici con parallela sospensione dei pagamenti da parte degli Stati;
2. scontro fatale del sistema bancario occidentale con l'aumento del fallimento nei pagamenti e la montagna dei debiti giunti a maturazione;
3. l'inevitabile risalita dei tassi di interesse;
4. la moltiplicazione delle fonti internazionali di tensione;
5. la crescente insicurezza sociale.

(...) abbiamo scelto di analizzare il 'caso greco', da una parte poichè ci sembra emblematico di quanto ci riserva l'anno 2010, dall'altra parte perchè illustra perfettamente l'evoluzione dell'informazione sulla crisi mondiale, nella direzione di un 'bollettino di guerra' fra blocchi di interesse sempre più in conflitto fra di loro.

(...) i cinque punti fondamentali della nostra previsione in materia :
Come indicato nelle nostre anticipazioni per l'anno 2010, apparse sul numero 41 di GEAB, il problema greco dovrebbe scomparire dai radar mediatici internazionali entro poche settimane. Esso è l'albero utilizzato per nascondere una ben più pericolosa foresta di debiti sovrani ( quelli di Washington e Londra ), e l'inizio della nuova caduta dell'economia mondiale, USA in primis.

Il problema greco è una questione interna alla zona Euro ed all'Unione Europea, e la situazione attuale offre ai dirigenti della zona Euro una occasione unica per obbligare alla fine la Grecia ( paese che viene definito di 'espansione a rischio' fin dal 1982 ), ad uscire dal suo feudalesimo politico ed economico. Gli altri paesi della zona Euro, Germania in testa, sono ben decisi ad obbligare le elites greche - in cambio del loro aiuto - ad adattare il proprio paese al XXI° secolo. Nel far ciò, approfittando del fatto che la Grecia non rappresenta che il 2,5% del Prodotto Nazionale Lordo della zona Euro, mettono alla prova quei meccanismi di stabilizzazione nei tempi di crisi dei quali ha bisogno la zona Euro .

I dirigenti ed i media anglosassoni utilizzano la situazione ( come l'anno passato hanno fatto con il cosiddetto tsunami bancario proveniente dall'Europa dell'Est che doveva travolgere la zona Euro, per coprire l'evoluzione catastrofica delle loro economie e dei loro debiti pubblici, e per tentare di indebolire la capacità di attrazione della zona Euro in un momento nel quale USA e Regno Unito hanno una difficoltà crescente ad attirare quei capitali dei quali hanno un urgente bisogno. Parallelamente, Washington e Londra ( che dopo l'entrata in vigore del trattato di Lisbona si è trovata totalmente esclusa dal governo dell'Euro, saranno entusiasti di vedere il Fondo Monetario Internazionale, da loro controllato completamente, entrare nel controllo della zona Euro.

Gli speculatori ( dei fondi di investimento ed altro ), e le banche pesantemente coinvolte con la Grecia , hanno un interesse comune nel cercare di provocare un rapido sostegno finanziario da parte dell'Eurozona alla Grecia poichè, se mai gli Europei si rifiutassero di metter mano al libretto degli assegni ( nello stesso modo scandaloso usato dell'accoppiata Paulson-Geithner verso l'AIG e l'insieme di Wall Street nel 2008/2009 ), le agenzie di rating giocherebbero loro un brutto scherzo. In effetti, il declassamento dei conti della Grecia getta questo piccolo mondo nella morsa di perdite finanziarie importanti sia se, per le banche, il valore dei loro prestiti alla Grecia si ritrovi analogamente diminuito sia qualora le loro scommesse contro l'Euro non avessero successo.

Riferimenti: http://www.lefigaro.fr/conjoncture/2010/02/12/04016-20100212ARTFIG00395-grece-ce-que-risquent-les-banques-.php
http://www.ft.com/home/europe
http://www.leap2020.eu/Tensions-transatlantiques-croissantes-a-la-veille-du-G20-Exemple-d-une-tentative-de-destabilisation-du-systeme-bancaire_a2936.html
http://blogs.dailymail.com/donsurber/archives/8465

Rettitudine

Assistiamo ad una proliferazione di norme nei campi più disparati: in questo modo lo stato (ufficialmente) tenta di arginare non solo i reati, ma anche i comportamenti colposi. In verità, questa smania di legiferare cozza di solito con la natura umana cui non possono essere comandati dei princìpi, anzi quanto più si acuisce la coercizione tanto più si palesa un impulso a trasgredire. I Soloni, però, nel frattempo, continuano a promulgare leggi, decreti, codici e codicilli, simili sovente alle gride di manzoniana memoria. La legge viene confusa con la giustizia: istanze etiche mal concepite e distorte si agglomerano alle regole. Lo stato-padrone assume condotte paternalistiche, avocando a sé il diritto di stabilire che cosa si debba e si possa mangiare, bere, vedere, dire, pensare. Uno stato psicopatico, affetto da mille idiosincrasie, diffonde atteggiamenti psicotici tra i cittadini, anzi tra i sudditi.

Preoccupante è la commistione tra giurisdizione ed etica, un connubio da cui risultano snaturati e pervertiti entrambe. Non solo dunque si dimentica che "in re publica corruptissima plurimae leges" (Tacito), ma che la virtù, comunque la si intenda, non si insegna. La morale è un ambito storicamente determinato: essa diviene un monstrum, non appena si tenta di codificare i valori su cui si fonda. Si rischia di scivolare in leziosi discorsi catechistici o in un'etica rigida ed inumana che è persino peggio della trasgressione. Se poi ricordiamo da che pulpito viene spesso la predica, ossia da istituzioni irrimediabilmente corrotte e votate al male, possiamo soltanto respingere certi moniti ed ammaestramenti.

Valgono molto più gli esempi, se qualcuno ancora vi presterà attenzione, che mille costrizioni.

Anche un'etica eterodiretta, dipendente dalla paura del castigo divino o dalla speranza della beatitudine, è misera.

La coscienza è un tempio talmente sacro che non tollera che neppure uno ierofante vi entri. E' opportuno su alcuni temi tacere, proteggere certe domande e risposte all'interno di uno spazio inviolabile. In ogni caso, diffidiamo di chi vuole imporre la rettitudine, perché nulla è più storto di una rettitudine imposta.

Fonte:Zret blog

Wiston Churchill si interessò agli UFO.

UFO :: Documenti ufficiali :: Wiston Churchill si interessò agli UFO.

20 Febbraio 2010 07.31

Interessanti dettagli emergono dai Files UFO recentemente rilasciati dal Regno Unito

Fonte: UfoPlanet di Ufoforum.it

Dalle oltre 6.000 pagine rilasciate dagli Archivi Nazionali Britannici e pubblicate secondo un progetto realizzato dal Ministero della Difesa è emerso che perfino Wiston Churchill fu incuriosito dal fenomeno UFO e della misteriose apparizioni di questi oggetti nei cieli del Regno Unito.

Che cosa è tutta questa roba sui dischi volanti? Qual è la verità?" Si chiese decenni fa Sir Wiston Churchill quando ricopriva la carica di Primo Ministro e personaggio molto noto per aver guidato la Gran Bretagna durante la Seconda Guerra Mondiale. Nel 1952 Churchill fece una richiesta ufficiale al Segretario di Stato per aeronautica. Il Primo Ministro si adoperò per far condurre una ricerca scientifica del fenomeno. Una relazione dettagliata fu stilata e la risposta fu che gli avvistamenti di oggetti volanti non identificati erano dovuti a fenomeni naturali terrestri, ad illusioni ottiche, errata valutazione di uccelli, palloni aerostatici, a burle, ma in alcuni casi non si riuscì a trovare una spiegazione soddisfacente alle testimonianze.

Dai nuovi files emerse che furono fatti alcuni straordinari avvistamenti, come quelli avvenuto proprio sopra la sede del Chealsea Fottball Club.


Il conservatore Micheal Howard


Grazie alla nuova legge sulla trasparenza messa in atto dal Governo Britannico è emerso tra l'altro che nel Marzo del 1997 proprio sopra la casa di campagna di Micheal Howard, Conservatore e al tempo Ministro dell'Interno nel Gabinetto presieduto da John Major, fu visto un misterioso UFO galleggiare in aria grande come due aerei Boeing. Dai documenti emerge esattamente che "Si trattava di un oggetto di forma triangolare, molto più grande di un aereo", rivelò un testimone agli specialisti incaricati da sua Maestà. L'UFO aveva tutt'attorno luci come se dovessero delimitare il perimetro dell'oggetto. Aveva un sorta di disco attaccato sulla parte superiore e una grande luce, tipo faro sul muso.

Il testimone raccontò di aver fermato la sua automobile dopo aver notato la cosa, ma mentre effettuava la manovra l'oggetto letteralmente schizzò via. La Royal Air Force avviò indagini per cercare di stabilire cosa accadde nel villaggio di Folkstone, luogo in cui si trova la casa di Howard, per cercare di stabilire cosa accadde, ma le indagini a quanto pare non portarono da nessuna parte.



Terremoti…..

 

2010/02/19, 22:33:13 - Magnitude(Ml) 2.9 - Costa calabra occidentale

Posted:

Lat 39.375, Lon 15.176, Depth 307.9 Location Map
[[ This is a content summary only. Visit my website for full links, other content, and more! ]]

2010/02/19, 08:39:27 - Magnitude(Ml) 3.4 - Isole Lipari

Posted:

Lat 38.647, Lon 15.138, Depth 224.4 Location Map ShakeMap
[[ This is a content summary only. Visit my website for full links, other content, and more! ]]

Aviones y ovni, enero 2010

 

NEWS Stefano!

Secondo un rapporto di Alfonso Salazar, un aereo di linea commerciale, ha incontrato un oggetto volante non identificato sul Golfo del Messico.
Il radar TCAS ha rilevato per cinque (5) minuti, allerta l'equipaggio dell' aereo di linea per la presenza di traffico non identificati nelle vicinanze.

 

 

 

 

venerdì 19 febbraio 2010

Franco Battiato - Strani Giorni

La Gioia di Dare

Spesso riteniamo che il nostro successo e la nostra felicità dipendano da quanto siamo focalizzati su noi stessi. Soddisfare il nostro ego, i nostri impulsi e i nostri desideri ci appare a volte come la via esclusiva per raggiungere la felicità.

Purtroppo, solo raramente realizziamo che ciò non è affatto corrispondente alla realtà. Al contrario, la felicità trova la propria forma di realizzazione più genuina e autentica solamente quando riusciamo a liberarci dall’urgenza e dall’impulso impellente di soddisfare i nostri desideri per donarci completamente al prossimo, abbracciando l’immensa gioia del dare noi stessi e dedicare le nostre energie a quanti sono intorno a noi.

Concentrarti in via esclusiva sui tuoi obiettivi, sui tuoi pensieri e sui tuoi desideri produce in breve tempo una desolante sensazione di depressione e tristezza, di distacco e lontananza dal prossimo, il quale viene gradualmente percepito come un ostacolo e una minaccia rispetto al perseguimento dei tuoi successi piuttosto che come una ricchezza e una benedizione.

Prova allora ad adottare una prospettiva differente. Prova a iniziare a rivolgere la tua attenzione, i tuoi pensieri e le tue azioni innanzitutto verso il prossimo, prima che verso te stesso. Prova a focalizzarti sulla gioia e sull’autenticità del dare anziché sulla pretesa di ricevere.

Assapora l’intimo piacere di donarti al prossimo, di regalare un sorriso a chi ti è vicino e di dedicarti attivamente ai bisogni e ai desideri altrui piuttosto che chiuderti nel perseguimento dei tuoi obiettivi individuali.

Potrai pensare che continuando a dare, non ne trarrai nulla in cambio. E’ vero esattamente il contrario. La gioia e il piacere di dare incondizionatamente ti riempiranno di un appagamento, di un equilibrio e di una serenità che soddisferanno i tuoi desideri più intimi e profondi. Ti regaleranno la felicità.

C’è di più. Attraverso la tua dedizione al prossimo attrarrai il desiderio di coloro che sono intorno a te di ricambiare il tuo amore e le tue cure. Hai mai notato? La via per essere amati è quella di essere persone amabili; quando aiuti il prossimo, questi sarà più incline ad aiutare te; il modo migliore per essere persone interessanti è quello di essere interessati agli altri; e così via...

Quando inizi a donare senza attendere o pretendere nulla in cambio, arrivi a comprendere l’arte della vita. Giungi a scoprire che la tua serenità e il tuo equilibrio interiore non derivano dal soddisfare i tuoi desidere e le tue ambizioni. La tua felicità più profonda risiede nel donarti al prossimo.

LE OSSA sono VIVE

 

LE OSSA sono VIVE

Il Giornale Onlinedi Dott. Bodo Köhler
da scienzaeconoscenza.it
Se l'osso diventa friabile, non succede perché manca il calcio, ma perché, in reazione alla scomposizione degenerativa della sostanza ossea del tessuto connettivo, prevale la parte di calcio. Quindi avviene proprio il contrario rispetto a quello che continuiamo a sentirci dire. Nonostante l'opinione unanime della medicina scolastica in merito alla causa dell'osteoporosi e di solito anche della relativa trasposizione molto coerente delle loro strategie terapeutiche, siamo ben lontani da un miglioramento della situazione generale. Da che cosa può dipendere? Eventualmente potrebbe essere sbagliato l'approccio? Cosa c'è di vero nella tesi osteoporosi = carenza di calcio?
Per iniziare ecco un piccolo esperimento: mettiamo un osso di animale per alcune ore in aceto. Questo procedimento ha notoriamente un effetto decalcificante. Dopo tentiamo di spezzarlo. Ora dovrebbe essere fragile e duro, come l'osso osteoporotico, demineralizzato, o no? Con stupore dobbiamo riconoscere che l'osso è diventato morbido e flessibile, di conseguenza è successo il contrario. Conclusione: la decalcificazione delle ossa rende elastico, non frangibile! Perché l'osso del paziente osteoporotico si spezza?
Lo scheletro è costituito, come tutti i tessuti connettivi, da silicio ed è elastico. Per rendere l'osso duro e caricabile, vi vengono introdotti dei cristalli di apatite di calcio. Se l'osso diventa friabile, non succede perché manca il calcio, ma perché, in reazione alla scomposizione degenerativa della sostanza ossea del tessuto connettivo, prevale la parte di calcio. Quindi avviene proprio il contrario rispetto a quello che continuiamo a sentirci dire. L'osso però non è un oggetto passivo. Le ossa sono vive! Gli Osteoblasti lo strutturano, lo modificano e gli osteoclasti lo decompongono a loro volta. Questo a seconda del tipo di carico e….della situazione metabolica. Gli osteociti sono parte del sistema di regolazione di base secondo Pischinger e dipendono di conseguenza da un funzionamento normale della matrice. Sono soprattutto le cariche da metalli pesanti che hanno effetti deleteri. Inoltre alle ossa sta appeso un intero essere umano con la sua storia, il suo modo di vivere e la sua psiche.
Ne consegue:
1. Ogni patologia cronica degenerativa viene causata da un deragliamento metabolico catabolico. (Malattie infiammatorie croniche come reuma sono deragliamenti a livello anabolico).
2. Una situazione prevalentemente anabolica stimola gli osteoblasti, una prevalentemente catabolica gli osteoclasti e di conseguenza la decomposizione della sostanza ossea.
3. Lo stress psichico permanente ha un effetto svantaggioso sull'osteoporosi allo stesso modo di un'assunzione eccessiva di carboidrati (inibisce l'emissione di dell'STH ad effetto anabolico) o la somministrazione di minerali ad effetto catabolico (calcio!).
4. La struttura della matrice, che regola l'approvvigionamento e lo smaltimento delle cellule organiche, perde la propria funzione a causa di metalli pesanti e altre tossine.
5. I lipidi delle membrane di importanza vitale (lipoproteine) vengono distrutti da iperacidità o tossine ambientali, arrivando fino ai conservanti.
6. Il flusso informativo necessario per il metabolismo cellulare (in ambito di microonde) può essere influenzato notevolmente dalla presenza di elettrosmog.
Con questo abbiamo detto tutto. La tabella 1(a fine articolo) mostra danni e vantaggi di certe terapie, la scelta dovrebbe essere effettuata sempre in base a criteri del tutto individuali. Arriviamo al punto: l'osteoporosi si forma - come tutte le malattie degenerative della civilizzazione - a causa di un deragliamento metabolico, a causa di un'attività metabolica insufficiente. Responsabile ne è lo stress a tutti i livelli dell'Essere, dalla psiche fino ad arrivare a cariche secondarie o un'offerta eccessiva di carboidrati che aumentano il livello di insulina (tra le altre cose farina bianca, zucchero), così come la carenza di determinati minerali, soprattutto silicio e magnesio. L'apporto di calcio, che ha effetto catabolico, peggiora la situazione metabolica degenerativa e risulta quindi probabilmente controproducente. A qualcuno parrà strano, ma l'esempio dell'osteoporosi mostra quanto sia grande la necessità di approfondimenti nella medicina. La medicina scolastica sottolinea in ogni occasione la propria scientificità, ma fallisce fondamentalmente con le malattie croniche. Da che cosa dipende? La medicina scolastica fa uso di una scienza naturale che segue un modello di pensiero statico meccanicistico di sistemi chiusi e non può, di conseguenza, spiegare processi vitali dinamici.
Ogni essere umano è un singolo individuo e rappresenta un sistema complesso che elabora informazioni e che si autoregola, che è capace di apprendere e che, di conseguenza, non fornisce risultati riproducibili. Abbiamo bisogno di una scienza in grado di dare affermazioni conformi alla vita, senza distruggere l'unità dell'Essere. Dev'essere in grado di descrivere, in modo corretto, i processi funzionali con tutte le relative interazioni. Solo allora saremo in grado di risolvere i problemi del nostro tempo. Si tratta quindi di un sogno futuribile? Una tale scienza esiste da molto, ma viene inibita nel suo sviluppo da strutture di potere e ignoranti. E' arrivata l'ora di ricordarci dei nostri valori basilari, cioè della vita in quanto tale e della Creazione Universale di Dio. In questo modo ogni terapeuta potrà decidere, in base alla convinzione retta da un alto senso etico, quale medicina desidera applicare ai pazienti a lui affidati. Si tratta di un segreto noto a tutti: i medici tedeschi fanno parte dei medici peggio formati del mondo, come recentemente è stato riconfermato dalla televisione e dalla stampa. I medici non solo sono stati formati male, sono anche stati istruiti in un sistema (statico) sbagliato. La selezione secondo il numero chiuso inoltre ha scelto i meno adatti, perché in questo modo le teste creative vengono escluse dal principio. In realtà la creatività dovrebbe far parte delle caratteristiche emergenti dell'arte medica.
I 25.000 morti e le 500.000 persone danneggiate in modo permanente a causa di interventi medici all'anno, solo in Germania, sono il prezzo che dobbiamo pagare per questo. "Scoperte" e strategie terapeutiche della medicina scolastica dovrebbero essere valutate per questo motivo in modo estremamente critico. A titolo puramente di calcolo l'osteoporosi divora più di miliardo di Euro all'anno solo in Germania. Questa cifra imparziale però non dice nulla in merito all'enorme sofferenza che accompagna questa malattia degenerativa. Per diversi motivi si dovrebbero di conseguenza fare tutti i conti per fermare questa situazione, senz'altro con le basi necessarie di conoscenze scientifiche. Ma visto che ciò non viene trasmesso presso le università, purtroppo è compito di ogni singolo collega istruirsi e formarsi per sanare questa carenza.
Consigli per l'osteoporosi
Consigliati:
apporto di silicio-
apporto di magnesio (come citrato) -
attività fisica regolare-
limitata assunzione di carboidrati-
acidi grassi insaturi (come lipoproteine) -
olio di fegato di merluzzo-
prodotti biologici di soia-
pesce e carne biologica (misurati) -
eliminazione dello stress permanente psichico-
sostegno renale (TCM) -
acqua-
irradiazione solare, ev. Solarium
assunzione di vitamina D in inverno-
vitamina C, E, K, B6, zinco, rame, manganese-
fitoestrogeni anabolici naturali (pre-menopausa) -
evitare Raloxifen per donne di una certa età-
evitare bifosfonati-
evitare anabolici-
disintossicazione da metalli pesanti-
sconsigliati:
somministrazione di calcio-
troppo o troppo poco movimento-
carboidrati a catena corta-
grassi saturi, riscaldati-
soia geneticamente modificata-
cibo esclusivamente vegetariano-
conflitti, preoccupazioni, difficoltà_-
carenza di liquidi-
rumore, techno music-
fluoridi-
acque minerali ricche di calcio-
cola, limonate-
insufficiente esposizione solare-
vitamina D3 (non sufficiente) -
corticosteroidi, ipertiroidosi_-
calcitonina-
cibi ricchi di fosfati-
amalgame_-
elettrosmog_-
carenza di ossigeno, fumo-
tossine ambientali_-
Il dott. Bodo Kohler e i sui studi reperibili in lingua italiana
Bodo Kohler - "Nuovi esiti di ricerche di fondamentale importanza sulle malattie croniche il cui trattamento avviene secondo l'impiego conseguente della legge della popolarità " - NAMED
B. Kohler - "Terapia di informazione biofisica " - NAMED
B. Kohler - " Il manuale pratico della Terapia Biofisica dell'informazione (BIT) " - CO MED
B. Kohler - "Schema diagnostico dei 5 elementi "
Per approfondire:
Fonte:

http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.5853

Veniamo tutti da un’altra dimensione: e non per caso, talvolta, le nostre vite si sfiorano

di Francesco Lamendola - 19/02/2010

Fonte: Arianna Editrice

La frequenza con cui si parla della visita di astronavi extraterrestri sul nostro pianeta e di incontri, più o meno ravvicinati, con creature aliene, nasce da un interesse assolutamente legittimo e non ha, in sé, proprio nulla di fatuo o di ozioso, come piace pensare ai corrucciati e seriosi parrucconi della cultura accademica.
Ciò detto, bisogna però subito aggiungere che si tratta di una forma di pura evasione intellettuale, se non si possiede la piena ed intera consapevolezza che ciascuno di noi è un alieno, nel senso che ciascuno di noi è originario, letteralmente, di un’altra dimensione. Benché abitanti della Terra, noi non siamo figli di questa dimensione spazio-temporale, ma siamo figli dell’infinito.
Siamo giunti qui da altre dimensioni e da altri mondi, chiamati da una forza misteriosa, e a quella chiamata abbiamo risposto: «Sì», in un tempo e in un luogo dei quali non abbiamo conservato il ricordo, se non in forma estremamente confusa e indistinta, almeno stando a quanto ci dice il nostro Logos razionale (ma non così la pensano, ad esempio, i sogni che vengono a visitarci, la notte, in una sfera felice, sottratta alla tirannia di quest’ultimo).
Il fatto che, crescendo, la stragrande maggioranza degli esseri umani si dimentichino della propria origine ultradimensionale, ha come curiosa conseguenza che quei pochi che ne serbano memoria, finiscono per essere considerati un po’ “strani”, e, magari, anche per considerarsi “strani” essi medesimi.
Non stiamo parlando di teorie relativamente grossolane, come quella di Erich Von Däniken, secondo le quali noi siamo il frutto di un incrocio, o piuttosto di una serie di ibridazioni, fra gli ominidi cari all’evoluzionismo darwiniano e qualche evoluta razza proveniente da lontani corpi celesti.
No; non vogliamo alludere a una nostra provenienza aliena nel senso materiale del termine; non vogliamo dire che i nostri progenitori siano giunti sulla Terra a bordo di astronavi e cose del genere (per quanto, la cosa potrebbe anche essere vera, né l’idea dovrebbe destare particolare scandalo; non più di quella di Darwin, comunque, che ci vorrebbe discesi dagli alberi).
Vogliamo dire, più semplicemente, che, in senso tecnico, nessuno di noi è veramente un terrestre, se per terrestre si intende una creatura materiale interamente legata ai propri processi fisiologici e al proprio ambiente fisico: insomma una creatura che esaurisce tutto il proprio campo esistenziale in un orizzonte puramente circoscritto e immanente.
La nostra parte spirituale, di cui il corpo è solo un supporto temporaneo (e, a nostro parere, illusorio, così come ogni altro ente materiale), viene da molto, molto lontano; non dalle stelle in senso astronomico, ma certamente dal Cielo in senso figurato. L’Essere luminoso, supremamente cosciente, infinitamente beato, ci ha tratti dal non-essere e ci ha chiamati a collaborare per tessere il meraviglioso arazzo dell’universo.
Un importante corollario della nostra non casualità è che, se non siamo giunti qui in seguito a un capriccio del destino, non sarebbe logico né sensato immaginare che per caso le nostre vite, talvolta, si sfiorino con quelle di altre creature; ma è molto più realistico pensare che ogni incontro che facciamo nella vita sia il risultato di un disegno vastissimo e armonioso, incommensurabilmente saggio e paziente, il cui scopo è aiutarci a fare ritorno, nel modo migliore e più felice possibile, alla luminosa sorgente dell’Essere.
Nulla incontriamo per caso: né i luoghi, né le situazioni, né le piante e gli animali o, tanto meno, gli altri esseri umani.
Questo, però, non significa affatto che tutto sia stato già predisposto e che a noi non resti altro che recitare la parte che altri ci hanno costruita. Infatti, c’è un momento, ed uno solo, nel quale noi siamo veramente pronti per gli incontri che facciamo, ed esso dipende proprio da noi e dal nostro livello di maturazione spirituale. Se quel momento non è ancora giunto, noi non siamo neppure in grado di riconoscere gli incontri della nostra vita; tanto meno saremmo in grado di trarne il benché minimo vantaggio.
Se un uomo delle caverne si trovasse fra le mani un calcolatore elettronico, non solo non saprebbe che farsene, ma nemmeno capirebbe che genere di oggetto sia: ne sarebbe così lontano che, probabilmente, rinuncerebbe a qualsiasi congettura. Infatti, quando il divario tra la realtà e la nostra capacità di percepirla è troppo grande, quello che inevitabilmente si verifica è un vero e proprio “black out”. E così facciamo noi quando incontriamo persone o situazioni importantissimi per la nostra crescita spirituale, ma che si trovano troppo al di sopra del nostro livello attuale: non li notiamo nemmeno.
Se una persona comune incontrasse un Maestro, ad esempio, è cosa assolutamente certa che non lo riconoscerebbe, a meno che egli stesso non decidesse di rivelarsi; cosa piuttosto improbabile. Potrebbe darsi che un barbiere, ad esempio, serva per anni un certo cliente e gli tagli i capelli e la barba come a qualunque altro cliente; e tuttavia ignori di aver avuto il privilegio di trovarsi in presenza di un Maestro, ossia di una creatura umana che ha raggiunto un altissimo livello di consapevolezza spirituale.
Certo, potrebbe forse notare (ma non è detto) una certa qual luce misteriosa nel suo sguardo e, soprattutto, potrebbe percepire delle onde di energia positiva irradiare dalla sua persona; ma di qui a sospettare la verità, ce ne corre.
Di sicuro egli non immaginerebbe che il suo cliente è una creatura capace di lasciare il proprio corpo fisico e quello eterico, di viaggiare con il corpo astrale fin nei più lontani pianeti, di vedere nel segreto delle anime e di collegarsi, entrando in meditazione o in preghiera, con la ineffabile sorgente dell’Essere, per riceverne ogni sorta di beneficio.
I pittori del Rinascimento solevano raffigurare i santi con l’aureola sul capo; ma, naturalmente, si tratta di una rappresentazione convenzionale. Di fatto, la santità non possiede dei segni di riconoscimento fisici che chiunque possa percepire di primo acchito; solo le persone che già sono dotate di una cospicua elevatezza spirituale possono, forse, intuirla a prima vista.
Dunque: ci si incontra, ci si sfiora, si passa oltre.
Raramente ci si riconosce, cioè si riconosce che la persona che stiamo incrociando in quel momento non è un viandante indifferente, che per puro caso sta incrociando i propri passi con i nostri, ma proprio quella persona che stavamo aspettando e che stavamo cercando. Ma quando il riconoscimento ha luogo, allora si accende un momento prezioso, emozionante, che riscatta mesi e anni di grigiore e di apatia. È come se un colpo di frusta ci rimettesse in piedi, scuotendoci dal nostro sonnecchiare, dal nostro vegetare: il sangue scorre più rapido nelle vene, pensieri entusiasmanti si affollano alla mente…
Lo ripetiamo: nessun incontro avviene a caso; ma capirlo e agire di conseguenza, ciò dipende dal nostro livello di consapevolezza.
Potremmo passare accanto a un tesoro, senza neanche vederlo; ma, quando siamo pronti, il significato di quell’incontro non ci sfuggirà. E i legami che possono nascere da tali incontri consapevoli, caratterizzati dalla reciproca attesa e dal reciproco riconoscimento, hanno veramente il profumo dell’infinito e la fragranza ineffabile dell’altrove e dell’eterno… se di eterno è lecito parlare nel contesto di questa dimensione spazio-temporale.
Crediamo che un elemento essenziale, decisivo, perché possano verificarsi degli incontri di questo genere - e non solo con le persone, ma anche con le situazioni o con qualsiasi altro ente - sia l’aver conservato in sé un po’ di quella freschezza, di quella spontaneità, di quella fiduciosa apertura verso il mondo che sono (o forse, ahimè, dovremmo dire: che erano) tipiche dei bambini.
Senza l’incanto del mondo, senza una certa quale ingenuità di fronte alla vita (e usiamo la parola nel suo significato più bello e positivo) passeremmo loro accanto senza degnarli di uno sguardo, con la più totale inconsapevolezza.
Le condizioni della società contemporanea, in particolare, sono tali da rendere ancor più difficili sia la consapevolezza, sia il riconoscimento degli incontri positivi (quelli negativi, infatti, non richiedono alcuna particolare capacità di percezione; sebbene anch’essi, come gli altri, discendono da una fondamentale ignoranza della propria verità interiore). La fretta convulsa, l’utilitarismo smaccato, l’alienazione causata da uno stile di vita consumista e delirante, la deresponsabilizzazione dell’individuo rispetto ai grandi apparati sociali e la continua derisione dell’ingenuità, in nome di una furbizia maligna e sommamente egoistica: tutto questo si oppone al riconoscimento delle realtà spirituali, in se stessi e negli altri.
Dovremmo ritrovare un po’ di quella freschezza, di quella spontaneità, di quella apertura esistenziale che avevamo da bambini e che l’intera società ancora possedeva, in qualche misura, fino alla svolta degli anni Settanta del secolo scorso (riferendoci, ovviamente, al contesto sociale e culturale dell’Occidente).
Parliamo di quando il consumismo, la tecnica, il pragmatismo e l’efficientismo esasperati, il produttivismo eretto a valore supremo, non avevano ancora distrutto interamente l’incanto del mondo negli adulti e, con esso, quella benevola ingenuità, quella accogliente capacità di stupirsi e di gioire anche per le piccole cose.
Parliamo di quando una scatola di soldatini o una bambola erano, per i bambini, la fonte di una gioia immensa e durevole.
Parliamo di quando una corsa in bicicletta o quattro chiacchiere tra coetanei erano tutto quanto un adolescente o un giovane desiderassero, al di fuori degli impegni dello studio e della collaborazione familiare per i lavoretti domestici.
Parliamo di quando una famigliola era felice di fare qualche giorno di vacanza al mare, nella spiaggia più vicina, in un albergo senza pretese, senza ascensore, senza condizionatore d’aria e senza la televisione o il frigo-bar in camera: per poi tornarsene a casa contenta e riposata, pur senza aver fatto le ore piccole in qualche rinomata discoteca e senza aver visto le scogliere coralline e i tramonti tropicali delle Seychelles.
E parliamo, soprattutto, della capacità di essere se stessi, di sentirsi bene nella propria pelle, di non inseguire il miraggio schizofrenico dell’apparire ad ogni costo.
I nostri figli non sarebbero più disposti ad andare a scuola con un maglione qualsiasi o con i libri legati da una cinghia, come facevamo noi; ma quello che è stato guadagnato in termini di benessere, peraltro solo apparente, e di discutibile prestigio sociale, è stato irrimediabilmente perduto in termini di essenzialità e, quindi, di spiritualità.
E solo una ricca e fresca vita spirituale può consentirci di riconoscere gli appuntamenti che la vita predispone per noi, nella sua infinita saggezza, nonché di trarne il massimo bene possibile, vale a dire la spinta perché possiamo procedere nel cammino della consapevolezza.
Incontrare una persona che ci aiuti in tale cammino è una cosa divina: una cosa che dovrebbe farci fremere di emozione e di gratitudine, se solo non fossimo così intorpiditi e abbrutiti da un modo di porci di fronte alla vita contraddistinto da una totale inconsapevolezza.
Qualcuno potrebbe domandare, a questo punto, come si possano coniugare l’ingenuità e la consapevolezza: domanda che già di per se stessa tradisce l’ottenebramento spirituale, tipico di una visione della realtà profondamente inconsapevole.
Infatti, sarebbe come domandare come si possano coniugare l’innocenza e la grazia (intesa, quest’ultima, nel senso di dono soprannaturale). La grazia è figlia dell’innocenza, così come la consapevolezza è figlia dell’ingenuità: dove per ingenuità - lo ripetiamo - si intende qualche cosa di bello, di fresco, di pulito, uno stupore e una gratitudine di fronte al mondo, una disponibilità all’apertura e alla rivelazione.
Ritrovare quel tipo di ingenuità, vuol dire sintonizzarsi sulla giusta lunghezza d’onda per riconoscere gli incontri preziosi che ci sfiorano nella vita, forse ogni giorno e ogni ora.

Earthlings (Terrestri)



EARTHLINGS (Terrestri) è un documentario sull'assoluta dipendenza dell'umanità dagli animali (usati come compagnia, come cibo, come vestiario, per divertimento e per la ricerca scientifica) ma illustra anche la nostra completa mancanza di rispetto per questi cosiddetti "fornitori non umani". Il film è narrato dall'attore Joaquin Phoenix, nomitato dall'Academy Award (GLADIATOR) e la colonna sonora è di Moby, artista acclamato dalla critica. Attraverso uno studio approfondito svolto all'interno di negozi di animali, allevamenti di animali domestici, rifugi, ma anche negli allevamenti intensivi, nell'industria della pelle e della pelliccia, in quella dello sport e dell'intrattenimento, e infine nella professione medica e scientifica, EARTHLINGS usa telecamere nascoste e filmati inediti per tracciare la cronaca quotidiana di alcune delle più grandi industrie del mondo, che basano i loro profitti interamente sugli animali. Potente e informativo, EARTHLINGS è un film che fa riflettere ed è finora il più completo documentario mai prodotto sulla correlazione tra la natura, gli animali e gli interessi economici degli umani. Ci sono molti film ben fatti sui diritti animali, ma questo li supera tutti. EARTHLINGS deve essere visto!

di Giuditta su: Tuttouno

LO DICE LA BBC: avvistamenti UFO, migliaia di nuovi documenti

 

 

avvistamenti ufo?

Oggi la BBC, la più grande emittente radiotelevisiva britannica, ha finalmente dato la notizia che tutti aspettavamo da tempo: negli archivi nazionali sono riposti migliaia di nuovi documenti che descrivono avvistamenti di Ufo (Unidentified flying object, oggetto volante sconosciuto).

Pare che gli Ufo negli ultimi 20 anni abbiamo gradito particolarmente i cieli della Gran Bretagna, no, dicono, non solo negli ultimi 20 anni: già Winston Churchill se ne dimostrava grandemente interessato, e ci aggiriamo intorno al 1952. Cito le parole dello stesso:  “Che cosa è tutta questa roba sui dischi volanti? Qual è la verità?”.

I documenti pare che occupino oltre 6.000 pagine in cui sono raccolte le esperienze di varie persone che descrivono gli avvistamenti degli Ufo tra il 1994 e il 2000: la pubblicazione di questi documenti è stata decisa nell’ambito di un progetto voluto dal ministero della Difesa e dagli Archivi nazionali.

Pare che nella raccolta vi siano inclusi episodi che fecero tanto clamore nel mondo: nel 1999 ci fu un avvistamento presso lo Stamford Bridge del Chelsea, un altro Ufo si fece vedere dalla casa del ministro Michael Howard. Ma non solo: le descrizioni sono corredate anche disegni realizzati a mano dai testimoni oculari degli oggetti avvistati e anche di fotografie e persino filmati.

La notizia è anche qui: avvistamenti ufo

http://www.blognotizie.info/6850/lo-dice-la-bbc-avvistamenti-ufo-migliaia-di-nuovi-documenti.html

TERREMOTO DI MAGNITUDO 6.7 FRA RUSSIA E COREA DEL NORD

 

18/02/2010 - 10.31

TERREMOTO DI MAGNITUDO 6.7 FRA RUSSIA E COREA DEL NORD

(IRIS) - ROMA, 18 FEB - Una scossa di magnitudo 6.7 ha colpito, la notte scorsa, una zona compresa fra Corea del Nord e Russia.

Il terremoto si sarebbe "abbattutto", infatti, nello specifico la città russa di Vladivostok e quella coreana di Chongjin.

Non si tratterebbe, comunque, di un inizio "tsunami". E non ci sarebbero neppure vittime o danni segnalati.
Questo quanto rende noto l'istituto americano di geofisica (USGS).

L'epicentro è stato individuato a 560 chilometri di profondità.

Autore: bar.co.

http://www.irispress.it/Iris/page.asp?VisImg=S&Art=75138&Cat=1&I=null&IdTipo=0&TitoloBlocco=Esteri

Terremoti…

2010/02/18, 17:49:22 - Magnitude(Ml) 2.5 - Zona Ascoli Piceno

Posted:

Lat 43.137, Lon 13.422, Depth 22.1 Location Map
[[ This is a content summary only. Visit my website for full links, other content, and more! ]]

2010/02/18, 10:27:41 - Magnitude(Ml) 2.6 - Golfi di Patti e di Milazzo

Posted:

Lat 38.347, Lon 15.165, Depth 114.8 Location Map
[[ This is a content summary only. Visit my website for full links, other content, and more! ]]

2010/02/18, 08:40:29 - Magnitude(Ml) 2.8 - Valle dell'Aterno

Posted:

Lat 42.353, Lon 13.512, Depth 9.3 Location Map
[[ This is a content summary only. Visit my website for full links, other content, and more! ]]

My Angel (Malaika) -H. Belafonte M. Makeba

Riflessioni Notturne



Stanotte è l'ultima notte in albergo, da domani sarò nel campo, nella casa di Ramtha, alloggerò dentro la mia tenda che per 20 giorni sarà la mia casa. Il clima qui nello Stato di Washington è primaverile, gli scorsi anni di questi tempi il freddo era intenso, così pure la pioggia.
Oggi ho montato la mia tenda, eravamo tantissimi per questo raduno mondiale, un esercito di "guerrieri" che si sta preparando ad affrontare i tempi duri con leggerezza, con il sorriso e con il cuore.
La piccola cittadina che ci ospita ad ogni ritiro si risveglia, e guarda questo "strano esercito", non lo sa collocare, è gioioso, paga i conti, rispetta le leggi, è gentile.....
Qui in America il clima è in sospensione, come credo lo sia nel resto del mondo, al momento non ci sono grandi novità, è come se i due schieramenti fossero silenziosamente in attesa.
L'unica novità che ho trovato al mio arrivo è stata quella delle frequenze per i cellulari. Il mondo è stato diviso in 4 quadranti, ogni quadrante ha la sua frequenza. Quindi, per poter comunicare se non sei del quadrante americano, devi comperare un cellulare con numero americano....(consumo, consumo e consumo) se sei americano e vai in un altro quadrante dovrai comperare un cellulare di quel quadrante.......
Farò una pausa tra 10 giorni, passerò una notte in albergo e vi darò informazioni, avremo due relatori molto interessanti.
Ovviamente ci saranno tutti gli insegnamenti di Ramtha che mi auguro siano moltissimi.
Auguro a tutti voi un risveglio totale della coscienza e che la piccola mente lasci finalmente il posto alla Mente di Dio.
Buona vita a tutti

Pensieri Elevati




Abbraccia la tua vita.
Sappi che sei divino e che la forza del tuo essere
è dovuta a tutto ciò che hai fatto.
Smetti di sentirti in colpa.
Smettila con la farsa della tristezza in te.
Smetti di attribuire la colpa agli altri.
Assumiti la tua responsabilità!
Ti appartiene.

^^^

Quanto più contemplate, applicate e sperimentate
questi insegnamenti, tanto più liberi e gioiosi diventate.


Ramtha

giovedì 18 febbraio 2010

Pacificarsi Dentro… vogliamo parlare… Tui!

 

 

Luna 081 iris

Come stanno  in realtà le cose in questo Tempo … tutti noi lo sappiamo bene ,

Ora è Tempo di trovare la Pace… dove la troviamo? Dentro di noi … siamo infiniti… lo sentiamo ogni volta … per un attimo Sentiamo dentro che siamo Eterni… Comprendiamo anche che per andare oltre… bisogna entrare dentro… in  Noi … NEL SE’ UNIFICATO.

Ascoltiamoci dentro… si dove in questo momento tu leggi queste parole… fermati ………… Ascoltati… esamini ogni cosa… e ci si perde ancora nell’Ego …

In questo tempo non dobbiamo più perderci nelle cose del mondo… devono uscire fuori ,Noi siamo addormentati e utilizziamo solo i Nostri 5 sensi pure utilissimi, questi sensi sono adatti soltanto orientarci nello spazio e nel tempo…

Parliamo  un po tutti su internet… esempio… la Nuova vibrazione … o chiamata 5D … vi siete mai fatti un idea ? Come funziona la nuova dimensione?

Esistono un sesto, un settimo,ottavo nono senso… possiamo attivare facoltà che non avranno limiti … nella 5Dimensione pian piano sapremo usare cose che

Esempio: I super eroi che vengono fatti vedere dal cinema…fumetti … ecc. Saremo più avanzati di tutti i super eroi messi insieme … Incominciamo ora  a trovare l’essenziale … e la 5D entrerà su Tutti …

        Pacificarsi Dentro, incominciamo a sentire dentro di Noi cosa succede… La limitazione,la quantità,il numero…dove ci portano a pensare?

Questo limitarsi…la quantità…il numero… non servono nella Nuova dimensione…un infinito nell’infinito di tutti i multiversi …non pensa più quanto cose dovrà fare… la cosa è illimitata… non vige più il confine …il numerare un fatto :Esempio  alla cassa, lavoro,… non vige nella Nuova dimensione…

La parte creativa della mente umana … deve evolvere adesso… siamo arrivati a credere che i dischi volanti sono reali… non dobbiamo fermarci ad aspettare qualcuno per farci evolvere… Ci stiamo per addentrare nella Nuova Dimensione , accade a molti  che in questo tempo… sentono , Vedono… prendiamo sempre più coscienza  ogni giorno… non soffermiamoci al granello di senape… adesso… Su via ! Possiamo portarci con serenità tutti insieme ad approdare nel porto dell’amore… senza recare panico… Il punto Critico è importante… Dobbiamo restare collegati alla fonte Dell’Uno… Non si accende una candela fuori noi stessi … creerebbe  altra ombra… Siamo Noi che riusciremo a superare i limiti … tutto accadrà con l’amore … Siamo infiniti …

Pacificarsi … e lasciarsi andare nell’amore … volersi bene senza limiti…la quantità di donare amore al prossimo … non serve… l’amore non usa la quantità…L’amore non ha un numero … perchè l’infinito supera il numero di una galassia… di una dimensione parallela …in un infinito di dimensioni parallele…

L’amore supera ogni varco… l’amore per la terra aumenta molte volte… ogni attimo di una cosa chiamato Tempo… l’amore Varca anche il Tempo…il granello di senape è solo un Universo nel Multiverso   non perdiamoci più nel numero… ma nell’infinito…

 

Quando      pacificazione       diventa sinonimo per tutta la Terra … La Madre Terra farà un salto nella Nuova Dimensione con tutti Gli Esseri viventi in grembo… Vedremo davanti a Noi infinite possibilità … nel Grande viaggio dell’Eternità … Alla via così… primo universo a sinistra… dritti fino a l’infinito…

 

 

 

Facciamo in modo di non arrivare allo scrollone…

Uno Sarà Preso …e l’altro sarà lasciato… errato … Uno sarà preso, l’altro sarà preso nel tempo da lui Prefissato… Accade sempre questo … Tutto è Perfetto… Siamo al termine di un evoluzione…

Una Nuova Evoluzione… Non dimentichiamo Mai …che Nostro Padre è Infinito… Noi Siamo il Sacro Creato…Il Padre ha Cura dei Suoi Figli… e non c’è numero  che possa definire le tante specie di Forme di vita… Create dall’Uno PadreMadre nell’infinito del Multiverso di infiniti Multiversi…

Gesù Nostro Fratello … disse; amatevi come io vi ho amati… Scese da Noi… per poter Dare la vista a chi guardava  e non vedeva…e a togliere la vista a chi ostentava di averla…… scese perchè ci Amava un Universo di bene… Perchè questo nostro viaggio fu Fatto da infinite Anime… Evolute… Nostri Fratelli Ascesi in dimensioni così elevate che non  possono avere una parola adatta a questo tempo                            ne con quantità ne con numeri…

 

Andiamo via …da una dimensione che ci ha ospitati fino a questo momento…

Gesù Nostro Fratello nel parlare con un suo contemporaneo.. Maestro! Perchè la mia anima prova disagio a comprendere il Regno dei Cieli..Non comprendo …Gesù rispose…Dovrai ritornare a Nascere per comprendere il Regno dei Cieli… Maestro! Come posso tornare nel ventre di mia madre? Ma come! Tu Vai dicendo questo , e non credi?

Accade che l’ego … nel grande viaggio di molti secoli… ha tolto nei testi Sacri … l’essenza del Messaggio di Nostro Fratello Gesù… ma il necessario è arrivato

…senza stare troppo a perdere tempo perchè L’ego si è comportato così… conosciamo bene cosa significa in questo momento  chiamato anno … una virgola del nostro Infinito Romanzo …

Andiamo tutti insieme Fratelli… Conoscete questo mondo ormai… le sue vibrazioni per tutti noi … sono ustioni sulla nostra astronave , La nostra anima ha compiuto un viaggio… è tempo di crescere … un nuovo multipasso…

Siamo Eterni… Tui

Primo contatto con gli alieni: quali effetti avrebbe sulla Religione?

 

Un ottimo articolo… non scartare …Dolbyjack

 

Ipotizziamo che l’umanità finalmente entri per la prima volta (ufficialmente) in contatto con una forma di vita extra-terrestre intelligente: i telegiornali impazziti, maree di telefonate ed sms, annunci e proclami di tutti i capi di stato, sette ed ufologi che brindano allo sfinimento, ma le Religione? Che posizione prenderebbero la Chiesa Cattolica e le altri principali religioni di tutto il mondo?

Forse la prima domanda che verrebbe in mente è: Sarà la fine della Religione, l’esistenza degli alieni smonterà, una volta per tutte, tutto ciò che la Religione ha costruito nell’arco dei millenni? La risposta chiaramente non è alla nostra portata, è impossibile prevedere una situazione del genere, soprattutto quando sono in ballo delle tematiche così complesse e delicate. Comunque proviamo insieme a fare alcune considerazioni, senza la pretesa di ostentare alcuna verità, in maniera più obbiettiva possibile.

Consideriamo l’ipotesi in cui gli alieni appena conosciuti ci confidano che visitano abitualmente il nostro pianeta dagli anni ‘40, i famosi anni di Roswell dove il mondo comincio ad avere coscienza degli Ufo e dell’esistenza della vita al d fuori del nostro pianeta. Molti direbbero: “Ve l’avevo detto! L’ho sempre saputo! I Governi ci hanno tenuto all’oscuro di tutto!” Sicuramente una rivelazione del genere metterebbe più in discussione i ruolo dei Governi, anche se il Vaticano non dimentichiamoci che, oltre ad essere la più importante potenza religiosa del mondo, è uno Stato con tanto di governo e intelligence. In questa prima ipotesi il ruolo delle Religione avrebbe un importanza relativa, ultimamente sta dimostrando una grande capacità di adattamento e credo proprio che di fronte ad un contatto alieno sappia trovare il  giusto equilibrio per non entrate in contraddizione con se stessa.

Se invece gli extra-terrestri ci rivelassero di essere assidui frequentatori della Terra da molti millenni, e di aver influito notevolmente sulle culture del passato e magari anche su quella moderna? In questo caso si scatenerebbe il caos più totale, tutto verrebbe messo in discussione, non solo la Religione ma anche la Storia come noi la conosciamo! Forse nascerà la convinzione che i miracoli di Gesù Cristo (o altre figure profetiche come Maometto etc..) siano in strettamente legati con forze di natura aliena, talmente profonda da creare una spaccatura trasversale in tutte le Religioni del Mondo dando vita a 3 nuove tipologie principali di “confessioni religiose”:

  • La prima rimarrà fedele alla loro convinzione e continuerà a credere nella versione metafisica di Dio;
  • La seconda giurerà fedeltà ad una nuova religione, una sorta di fusione tra quella tradizionale e quella aliena;
  • La terza confessione religiosa probabilmente sarà restia nei confronti degli extra-terrestri, un pò per paura un pò per razzismo, alcune diramazioni potrebbero anche reagire violentemente contro i misteriosi visitatori, una sorta di “fondamentalismo inter-galattico”.

Magari gli alieni appena conosciuti si limitano nel dare le informazioni, non dichiarano apertamente (anche se è vero) di aver pesantemente influenzato la Storia e la Cultura dell’uomo, magari nascondono le informazioni sulla maggior parte delle interferenze religiose,  tranne quelle più clamorose e impossibili da omettere. Praticamente ci  informano poco a poco, in modo da non creare panico e sconvolgere la società. All’inizio rivelano di aver aiutato le popolazioni  antiche nella costruzione ed orientamento delle Piramidi, poi nel corso delle generazioni gli alieni sveleranno sobriamente altre informazioni sulla loro influenza nella Storia dell’uomo.

La Religione è sopravvissuta ai grandi cambiamenti e prove del passato, non credo che il contatto con una civiltà aliena possa spazzare via millenni di Storia. Una cosa è certa: il cambiamento fa parte della Storia ed è inevitabile, come ha dimostrato nel corso del Tempo.

http://complottiemisteri.noiblogger.com/primo-contatto-con-gli-alieni-quali-effetti-avrebbe-sulla-religione/

Il sud si sgretola: frane in Sicilia e Calabria

Evacuazioni di massa, viabilità interrotta, edifici distrutti: le frane provocate dal maltempo degli ultimi giorni stanno mettendo in ginocchio il sud Italia. La Sicilia e la Calabria continuano, inesorabilmente, a sgretolarsi.

di Alessandra Profilio
san fratello
Il territorio su cui sorge San Fratello è soggetto a dissesto idrogeologico: già nel 1922 il comune fu devastato da una frana
In passato il comune di San Fratello era chiamato Apollonia.

Oggi San Fratello è “una città fantasma”.

Domani San Fratello, forse, non esisterà più.

L’antichissimo paesino in provincia di Messina – sinora celebre per i tradizionali riti della Settimana Santa, per il suoi cavalli e per il particolare dialetto di origine gallo-italica dei suoi abitanti – è adesso tristemente noto come la zona più colpita dal maltempo che negli ultimi giorni ha messo in ginocchio il sud Italia, devastando soprattutto la Sicilia e la Calabria.

Situato sui Monti Nebrodi, a poco più di 600 metri sul livello del mare, San Fratello conta circa 4500 abitanti. Almeno così era sino a qualche giorno fa.

In seguito alla frana del 14 febbraio, infatti, 2000 cittadini hanno lasciato le loro case: 1.300 hanno dovuto trasferirsi dopo l'ordinanza di sgombero emessa dal sindaco e altri 700 hanno preferito spontaneamente allontanarsi, terrorizzati al pensiero di morire nel fango come soltanto qualche mese fa è accaduto ad altri messinesi.

Nessuna vittima, stavolta, nelle zone interessate dallo smottamento, ma San Fratello è una cittadina lacerata che si teme possa scomparire: “La situazione peggiora, la frana nella zona dello Stazzone si è allargata e a noi non che resta che pregare e sperare che il paese non scompaia”, afferma il sindaco Salvatore Sidoti Pinto.

frana
La regione Sicilia ha deliberato lo stato di calamità
Nella mente dei cittadini non c’è solo il ricordo, ancora vivo, della disastrosa frana che ad ottobre si è abbattuta su altre zone della provincia di Messina provocando la morte di 37 persone, ma anche il fantasma di una vecchia tragedia. Infatti, 88 anni fa, precisamente l’8 gennaio del 1922, una frana provocò lo “scivolamento a mare” di un’ampia parte nord di San Fratello.

Il territorio su cui sorge il comune è soggetto a dissesto idrogeologico. Il problema, tuttavia, non riguarda soltanto questa cittadina: in ben 48 comuni in provincia di Messina e 43 comuni in provincia di Palermo, le frane hanno compromesso la viabilità, mentre dissesti e fango hanno colpito o minacciano di colpire casolari e abitazioni.

La regione Sicilia ha, dunque, deliberato lo stato di calamità e chiesto al governo la dichiarazione dello stato di emergenza.

Dopo giorni di pioggia incessante, la situazione è grave anche in Calabria.

Dopo che ieri un intero costone della montagna è franato mettendo in pericolo numerose abitazioni, la Prefettura ha deciso lo sgombero totale di Maierato, paese di 2.300 persone in provincia di Vibo Valentia. Tuttavia, come ha tristemente commentato il presidente della Regione Calabria Agazio Loiero, “con Maierato sta franando l’intera Calabria”.

sicilia e calabria
Il 100% dei comuni della Calabria e l’84% di quelli di Messina sono a rischio frane
È emergenza anche nelle province di Cosenza e Catanzaro. Il maltempo dei giorni scorsi ha, infatti, provocato la rottura di alcune condotte idriche privando di acqua potabile numerosi quartieri di Cosenza e dei centri limitrofi. Quasi tutti i comuni della provincia sono stati interessati da frane e smottamenti con gravi problemi alla viabilità. Rubinetti a secco anche per migliaia di persone nella provincia di Catanzaro. In questa città continua il movimento della frana verificatasi nel quartiere Ianò che ha portato nei giorni scorsi all’evacuazione di 150 persone.

Il 100% dei comuni della Calabria e l’84% di quelli di Messina sono a rischio frane: questi i dati diffusi dalla Coldiretti, secondo cui i cambiamenti climatici (che si manifestano con una modificazione della distribuzione delle piogge), l'aumento dell'intensità delle precipitazioni e la progressiva cementificazione del territorio che ha sottratto terreni fertili all'agricoltura rappresentano un mix micidiale che fa aumentare la fragilità dei territori ed impone una più attenta politica della prevenzione.

Due regioni, la Sicilia e la Calabria, fragili a tal punto che si stanno letteralmente sbriciolando.

Due regioni, sbriciolate, che si vuole unire con un grande, colossale, faraonico ponte.

Guida alla sopravvivenza, la vita dopo il collasso energetico

Il mondo si trova, a detta di molti, in prossimità del punto di non ritorno, alle soglie di un vero e proprio collasso energetico che modificherà profondamente lo stile di vita dell'uomo. Questo d'un tratto si ritroverà a dover vivere senza elettricità, senza benzina, soldi, casa. Il libro di Dalla Casa spiega in modo pratico e chiaro i metodi di sopravvivenza, a partire dai più piccoli dettagli

di Francesco Bevilacqua
Collasso energetico
Il futuro oggi è più che mai incerto e sono molti coloro che si cimentano in presagi, indicazioni, studi e pianificazioni di ciò che avverrà nei prossimi anni.
Il futuro oggi è più che mai incerto e sono molti coloro che si cimentano in presagi, indicazioni, studi e pianificazioni di ciò che avverrà nei prossimi anni. C’è chi prevede un veloce rientro della crisi economica e la possibilità di continuare a vivere secondo l’opulento stile di vita occidentale e chi invece auspica disastri naturali di portata biblica che porranno fine alla nostra civiltà.

Nel mezzo sta tutta una serie di ipotesi e prospettive, fortunatamente per lo più pessimistiche. Perché fortunatamente? Perché sembra che finalmente ci sia stia rendendo conto che un’inversione di rotta che guardi verso la sostenibilità, la riduzione dei consumi e la riscoperta della dimensione locale e comunitaria sia necessaria.

Il limite di molte di queste teorie è il lato pratico: chi individua un punto di rottura infatti, spesso non sa cosa far seguire a questo momento né quale modello adottare per un nuovo inizio.

Non ha questo problema Guido Dalla Casa, ecologista profondo e autore di "Guida alla sopravvivenza". Le sue intenzioni si possono intuire sin dal sottotitolo del suo volume: "Imparare a essere autosufficienti". Già, perché oggi non possiamo immaginare quanto devastante sarà il famoso punto di non ritorno, quanto profondamente modificherà il nostro stile di vita, quali e quanti strumenti che oggi diamo per scontati ci porterà via.

Quanto pensate che potrebbe sopravvivere un uomo occidentale moderno, senza benzina, senza elettricità, senza soldi e senza casa? Molto poco. Ecco allora che Dalla Casa ci viene in aiuto, insegnandoci i primi rudimenti della vita all’aria aperta: come costruire un rifugio, come procurarci del cibo, come coltivare frutta e verdura e come allevare degli animali, come pescare, come costruirci degli attrezzi e come sfruttare le fonti energetiche.

L’autore parte da uno scenario in cui la società post-moderna è implosa, schiacciata dal suo stesso peso. La gente si è resa conto che è finita un’era, molte convenzioni proprie della nostra civiltà come lo scambio mediato dal denaro o la suddivisione fra produttori e consumatori vengono meno.

Città deserta
Le città, teatro di un modello che ha appena dichiarato fallimento, si svuotano e restano abitate solo da chi si illude che non sia tutto finito.
Le città, teatro di un modello che ha appena dichiarato fallimento, si svuotano e restano abitate solo da chi si illude che non sia tutto finito. Nel suo sviluppo, il testo ci accompagna passo dopo passo nella ricostruzione di una nuova comunità, partendo dalle cose più pragmatiche e banali come la costruzione delle case o la semina delle colture.

Dalla Casa, in possesso di nozioni tecniche e non solo generiche, ci spiega i particolari di tutte le fasi di questo importante processo di ricostruzione senza trascurare alcun dettaglio, dalle consociazioni ideali fra i vari ortaggi alle modalità per calcolare la portata di un fiume allo scopo di ricavarne energia, dall’esposizione migliore di un’abitazione per sfruttare il calore naturale alle modalità per costruire un’arnia per le api.

Da buon ecologista profondo, l’autore non dimentica una parte fondamentale, cioè quella relativa all’approccio spirituale e culturale che deve caratterizzare questa rinascita. La civiltà post-moderna era partita col piede sbagliato, considerando la natura come un sacco da cui attingere risorse e trascurando tutto ciò che attiene alla crescita e alla valorizzazione della cultura, dell’identità e delle tradizioni dell’uomo.

In due parole, cinico materialismo. In Guida alla sopravvivenza possiamo quindi trovare anche profonde e significative riflessioni su come rendere il nostro impatto sulla natura il più leggero possibile.

Tali riflessioni accompagnano costantemente il lettore, indicandogli di volta in volta come comportarsi nelle situazioni più disparate, ricordandogli che non bisogna pescare troppi pesci per non alterare l’equilibrio dell’ecosistema o che gli animali da fattoria vanno trattati come amici e non come oggetti inanimati senza valore, che le colture troppo aggressive devono essere limitate per non mortificare il suolo o che è inutile e dannoso per la pianta cogliere frutti non commestibili, che poi non si consumerà.

Portata di un fiume
Dalla casa ci spiega nel dettaglio ogni tecnica, tra cui come calcolare la portata di un fiume per ricavarne energia
Quella di Dalla Casa è quindi un’opera semplice ma completa. Ammettiamolo, per quanto siamo stanchi di questo stile di vita frenetico, energivoro, materialista e superficiale, non sono molti quelli di noi che si augurano un collasso talmente grave e radicale da farci tornare tutti alla vita selvaggia.

Guida alla sopravvivenza è però una lettura utile e illuminante anche nel contesto urbano e moderno in cui viviamo, poiché fornisce tanti preziosi consigli che potremmo mettere in pratica oggi stesso: chi installerà un orto nel proprio giardino vi troverà tante indicazioni interessanti, chi desidererà fare una scampagnata autunnale nei boschi saprà quali funghi cogliere e quali no, chi vorrà diminuire i consumi della propria abitazione conoscerà le tecniche più efficaci per isolarla, migliorandone il raffrescamento estivo e il riscaldamento invernale.

Senza dimenticare l’importante insegnamento che Dalla Casa ci dà sul tema del rapporto fra uomo e natura e del valore della comunità. Se poi giungeremo veramente al temuto punto di non ritorno di cui si parlava in apertura, state certi che le nozioni contenute in questo libro faranno la differenza fra la morte – fisica e spirituale – e la vita.

Terra piena di amianto. Da nord a sud arresti e indagini

Terra piena di amianto. Da nord a sud arresti e indagini

di Roberta Lemma

Seicentomila chili di rifiuti tossici seppelliti fra il Friuli e il Veneto, ad avvelenare campagne e fiumi e laghi ed aria. Un’interminabile tratta di rifiuti tossici, ospedalieri ed industriali scoperto dai carabinieri del Nucleo ecologico di Udine.

L’intreccio individuato svela una fitta rete di interessi illegali fra funzionari della pubblica amministrazione corrotti ed aziende pronte a smaltire i rifiuti in modo illecito, al fine di realizzare profitti maggiori. Tra gli indagati, infatti, compaiono i nomi di due funzionari dell’Arpa, l’agenzia di protezione ambientale, di Udine. E l’Arpa della Campania? I rifiuti mai smaltiti ma gettati sotto le fertili terre del Vesuvio? Lady Mastella, l’Udeur e i suoi strani traffici, le mega discariche alle falde del vulcano investono gli abitanti con nauseanti puzze, ma - il nord d’Italia non è la Campania - ci dicono, eppure c’è la stessa regia a gestire l’affare rifiuti. I carabinieri hanno messo i sigilli a varie società e ai mezzi di trasporto rifiuti utilizzati, con buona probabilità, per intombare i veleni illecitamente. Gli addebiti riguardano il traffico illecito di rifiuti, la falsità documentale e la truffa ai danni della pubblica amministrazione. Una pubblica amministrazione collusa e responsabile assieme ai titolari delle ditte interessate al traffico dei rifiuti.

L’indagine, denominata “Parking Waste”, è iniziata col ritrovamento di una discarica abusiva di rifiuti speciali in un’area dove si sarebbe dovuto costruire il parcheggio dell’ospedale di Latisana, in provincia di Udine. Perchè è così che funziona. Si individua un’area, la si destina a qualche mega infrastruttura, si dà un prezzo esagerato al progetto, alla gara d’appalto partecipano e vincono le stesse ditte, si prendono i soldi, si spendono la metà grazie a norme mai rispettate e materiali scadenti, si decide anche di bonificarla l’area, altri soldi, altre gare vinte dai soliti commilitoni.

Nell’ambito delle indagini, i carabinieri hanno anche accertato un ulteriore traffico illecito relativo ai rifiuti prodotti dalla bonifica di un deposito di carburante di Gorizia. In questo caso, il “mix” era formato da detriti di amianto e terreno che venivano conferiti presso un centro di stoccaggio nella provincia di Trento, da dove poi partivano alla volta della Germania per subire un ulteriore, inutile, trattamento presso impianti tedeschi. Ecco a cosa serve l’Unione Europea, ad unire i personaggi loschi di questa brutta epoca criminale.

Per chi avesse ancora dubbi che i rifiuti rappresentassero un problema ed un giro d’affari capace di interessare esclusivamente solo il sud italia, l’indagine dei carabinieri del Nucleo operativo ecologico (Noe) di Grosseto, rappresenta in maniera inequivocabile il valore della tesi opposta e, cioè che, intorno all’immondizia, girano avvoltoi provenienti da ogni regione; comprese quelle apparentemente più "pulite" del settentrione.

Nell’inchiesta, che ha già portato all’arresto di 15 persone, risulta coinvolto anche un personaggio illustre come Steno Marcegaglia, padre della presidente di Confindustria Emma e presidente dell’omonimo gruppo. E mentre la famiglia Marcegaglia precisa subito che "Steno Marcegaglia risulta indagato in quanto presidente del gruppo", le autorità confermano il coinvolgimento di diverse altre società. In tutto, come spiega un comunicato dei carabinieri, nell’inchiesta sono coinvolte 61 persone e ben 20 aziende; con 3 sequestri preventivi già effettuati e 17provvedimenti cautelari. Dal NOE fanno inoltre sapere che l’inchiesta riguarda "un’organizzazione dedita al traffico illecito di rifiuti speciali, anche pericolosi, costituita in Toscana ed avente diramazioni in Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Trentino-Alto Adige, Emilia Romagna, Marche, Campania, Lazio, Abruzzo e Sardegna" e che dunque, come è opportuno ribadire ancora una volta, coinvolge in pratica l’intera penisola. L’indagine è dunque partita dalla procura di Napoli a causa del traffico di rifiuti tossici ottenuti dalla bonifica del sito contaminato di Bagnoli e, successivamente, ha portato gli inquirenti fino in Toscana. Dal lavoro di investigazione dei carabinieri è emerso infatti che, l’intera organizzazione,"era imperniata sul ruolo di una società di intermediazione maremmana, proprietaria anche di un impianto di trattamento, la quale, avvalendosi di produttori, trasportatori, laboratori di analisi, impianti di trattamento, siti di ripristino ambientale e discariche, regolava e gestiva i flussi dei rifiuti... attraverso una sistematica falsificazione di certificati di analisi, formulari di identificazione e registri di carico e scarico al fine dell’attribuzione di codici di rifiuto non corretti, così da poter essere dirottati soprattutto in siti di destinazione finale compiacenti".

A ferir di più è la consapevolezza che nessun organo preposto è pronto a far chiarezza sull’affare rifiuti in Europa. Il cittadino esplode nelle piazze locali, presidia le discariche, ignaro delle leggi scritte e firmate dai vari capi di Stato che vietano controlli e fermi. I medici che sudiano il fenimeno, in aumento, del cancro vengono allontanati in malo modo, dichiarati eretici. Invece la nostra salute viene messa continuamente a rischio proprio da questi criminali vestiti di tutto punto e in giro con le auto blu.