Alert - Nibiru is coming

Il Pensiero di Angeli in Astronave

Angeli in Astronave è distaccato da tutti coloro che professano amore…e in realtà guadagnano con la sapienza che non gli appartiene… ribadisco …nomi altisonanti … artefatti di strani effetti speciali …visivi o non… strumentalizzare… gruppi di appartenenza…donazioni … plagio… bugie da effetto… mancanza di umiltà… falsi nel pubblico…violenti nelle mura domestiche… guru e maestri …diffidate da ogni cosa artefatta… l’Amore unisce in semplicità…non ha bisogno di una carta scritta…la Verità non si vende ne si compra…fatene tesoro… Dolbyjack!

"Con riferimento al Decreto legislativo 9 aprile 2003, n.70 che si occupa di Attuazione della direttiva 2000/31/CE. Facendo anche riferimento al libro verde sulla tutela dei minori e della dignità umana nei servizi audiovisivi e di informazione COM (96) 483, il presente sito web: (Angeli in Astronave) è fruibile a soli Maggiorenni e pertanto proibito a tutti coloro che siano sofferenti psichici o vulnerabili ad informazioni di questo tipo e quindi influenzabili dal punto di vista psicologico.”

Buona Navigazione Cari Angeli, Namasté..

Video Discosure-Nibiru e Mauro Biglino

Riflessioni

La dottrina e pratica più blasfema della Chiesa Cattolica è quella della transustanziazione e del sacrificio della messa. La transustanziazione (fatta dogma dal concilio Lateranense IV nel 1215, elaborata in seguito da Tommaso d'Aquino e sancita definitivamente dal Concilio di Trento) insegna che: il pane e il vino, al momento della consacrazione vengono dal sacerdote cambiati nel corpo e nel sangue di Gesù Cristo (ogni giorno quindi vengono all'esistenza migliaia e migliaia di nuovi Gesù). La Scrittura insegna che nella cena c'è solo la presenza spirituale di Gesù (Luca 22:19-20; Giovanni 6:63; 1 Corinzi 11:26). Inoltre, nell'adorazione dell'ostia, la Chiesa di Roma adora un dio fatto dalle mani di uomini. Questo è il colmo dell'idolatria, ed è completamente contrario allo spirito del Vangelo che richiede di adorare Dio in spirito e verità (Giovanni 4:23-24). Carlo Fumagalli ex prete ed antropologo

Rasoio di Ockam suggerisce che: "tra varie spiegazioni possibili di una data osservazione, quella più semplice ha maggiori possibilità di essere vera".

DA QUANDO E' DIVENTATO REATO AVER CARA LA VITA?

"Nessuna causa è persa finché ci sarà un solo folle a combattere per essa".

Disclose.tv - ANONYMOUS MESSAGE TO NASA ABOUT ETS
http://www.disclose.tv/action/viewvideo/104638/ANONYMOUS_MESSAGE_TO_NASA_ABOUT_ETS/ Agenzia spaziale più importante del mondo, ti abbiamo osservato e ascoltato per molto tempo, siamo contrariati dalle tue costanti smentite e insabbiamenti, sappiamo tutti i tuoi piccoli e sporchi segreti e i trucchetti che usi. Sappiamo come hai falsato tutte le immagini della superfce dei pianeti e dei satelliti che li circondano, sappiamo come hai falsato e nascosto la verità al mondo. Ora abbiamo abbastanza filmati immagini e informazioni che tu non hai. Saremo capaci di mostrare la verità e lo faremo presto, pensi che stiamo bleffando? allora ascolta, la complessità della loro abilità è incomprensibile[...]l'ormeggio dei loro veicoli sembra molto NASA(non diciamo di più) è per i tuoi trucchi?Sappiamo anche come hai rilasciato strani fotogrammi che mostrano dischi che visitano e poi lasciano la terra e hai consigliato agli astronauti di menzionare volta per volta gli ufo, questo è per far credere che sai molto poco di quello che stà accadendo (mentre altri pensano di aver trovato la verità) ma in realtà la verità è così incomprensibilmente vasta e così semplice che sfugge anche ai migliori dispositivi e menti. Ora, sai che facciamo sul serio. Ora ci rivolgiamo a tutti i cittadini del mondo, le entità extradimensionali non sono malvagie come vogliono farvi credere, al contrario, hanno creato il nostro universo quindi sono presenti da prima di noi, non c'è nienti di cui temere, questo è l'inizio della rivoluzione spirituale ed evoluzione della specie umana Traduzione per Angeli in Astronave Raffaele V.

video prova

La morte non esiste è una invenzione della Chiesa Cattolica - Guarda il video e capirai| Nuove tecnologie ci renderanno liberi

venerdì 14 dicembre 2012

LA RUSSIA ANCORA SOTTO I RIFLETTORI, ORA SPUNTA LA ROSWELL DI EPOCA SOVIETICA

La Russia non smette di essere al centro del dibattito sugli ufo e l'esistenza della vita extraterrestre. Il primo ad alzare il sipario sulla questione è stato l'ex cosmonauta sovietico Georgij Grečko che, in una intervista rilasciata al tabloid russo My Secret Stars, si è detto disponibile ad incontrare gli alieni il prossimo 21 dicembre 2012.

Poi è toccato all'emittente televisiva Russia Today che ha mandato in onda un'intera trasmissione dedicata agli alieni e alla necessità di preparare la popolazione mondiale al primo contatto con una civiltà aliena. Ancora, qualche giorno fa il premier russo Dimitri Medvedev, in un “fuori onda” choc, si è fatto scappare alcune dichiarazioni sconcertanti sugli ufo e l'attività aliena sul nostro pianeta. Ora, in una mostra organizzata da un'ente affiliato allo Smithsonian Institution, un “Autentico Artefatto Alieno” proveniente dall'Incidente di Dalnegorsk, l'equivalente russo del caso Roswell.

Tra il 6 e l'8 dicembre 2012, Travel Channel ha messo in onda diverse repliche della puntata di Mysteries at the Museum (Misteri al Museo) dedicata ad una particolarissima mostra promossa dal National Atomic Testing Museum, ente associato allo Smithsonian Institution, nella quale è possibile osservare “una raccolta di misteriosi detriti che potrebbero essere la prova dell'esistenza di intelligenze aliene”.

Secondo quanto dichiarato in un comunicato stampa da Allan Palmer, direttore del museo, la mostra prende in esame alcuni frammenti ritrovati nel 1986 dopo una misteriosa esplosione avvenuta a Dalnegorsk, una città mineraria dell'estremo oriente della Russia. I metalli sarebbero stati raccolti in seguito allo schianto di un velivolo non identificato avvenuto il 29 gennaio 1986 sui Monti Izvestkovaya.

Da quanto riportato dalla Pravda (http://english.pravda.ru/society/anomal/05-02-2010/112049-dalnegorsk_ufo_crash-0/), i testimoni descrissero l'ufo come una sfera silenziosa rossastra che saliva e scendeva lentamente, amplificando la sua luminosità ogni volta che riprendeva quota. Secondo i racconti, poi l'ufo si avvicinò ai monti, “si udì una forte esplosione”, per poi “cadere a terra come una roccia”. L'incidente è ampiamente indicato come il caso Roswell russo, in analogia al famoso presunto “ufo crash” del 1947 nei pressi di Roswell, New Mexico, negli Stati Uniti.

Secondo quanto riporta il giornalista americano George Knapp sull' Huffington Post(http://www.huffingtonpost.com/2012/03/22/area-51-russian-roswell-ufo_n_1373352.html?ref=weird-news ), Valen Dvuzhilini, dell'Accademia Russa delle Scienze, fu il primo ad arrivare sul posto, due giorni dopo l'accaduto. Lo scienziato raccolse alcuni campioni sparsi sul terreno di una strana lega metallica e campioni di rocce e vegetali bruciati a seguito dello scoppio. I campioni furono poi analizzati da diversi istituti scientifici russi. Nei giorni successivi all'incidente, centinaia di testimoni raccontarono di aver visto altri ufo aggirarsi sul luogo dello schianto, come se stessero cercando qualcosa.

Grazie al suo impegno e ai suoi contatti negli Stati Uniti e in Russia, George Knapp (vincitore di una dozzina di Emmy Awards) è stato il primo giornalista americano a recarsi sul luogo dell'incidente nel 1990. Gli furono mostrate alcune sfere di materiale vetroso molto piccole e perfettamente tonde, le stesse attualmente in mostra al National Atomic Testing Museum.

area-51-mito-o-realt%25C3%25A0-01.jpg

Secondo quanto descrivono le didascalie della mostra, gli esami scientifici sui materiali hanno fatto registrare comportamenti bizzarri: “Tre centri accademici sovietici e altri 11 istituti di ricerca hanno analizzato i detriti prodotti dall'indicente ufo. Le analisi hanno mostrato che la configurazione atomica del materiale ferroso è molto differente dal ferro normale e non può essere rivelato dagli strumenti radar. Inoltre, il materiale, quando riscaldato, è in grado di scomparire per poi ricomparire una volta raffreddato. Un pezzo è completamente sparito davanti a quattro testimoni. Infine, il nucleo del materiale è composto di una sostanza con proprietà antigravitazionali”.

“Gli scienziati russi sono sempre stati prudenti e non hanno mai dichiarato che questi oggetti provengano da un altro mondo, ma nemmeno si può negare che siano in possesso di proprietà insolite”, spiega Knapp.

area-51-mito-o-realt%25C3%25A0-03.jpg

La teca dedicata all'Incidente di Dalnergorsk si inserisce in una mostra più ampia intitolata “Area 51: mito o realtà”, nella quale vengono mostrate alcune testimonianze storiche su quello che è considerato uno dei luoghi più segreti d'America. Aerei spia come l'U2 e l'A-12, sono stati testati regolarmente in questa zona collocata a circa 80 miglia a nord di Las Vegas. Alcuni modelli di aerei staelth, e altri velivoli, sono stati esposti all'interno del museo.

Alcune delle aree della mostra sono state dedicate alle speculazioni in corso sulla possibilità che l'esercito degli Stati Uniti sia venuto in possesso di alcuni rottami di origine extraterrestre ritrovati nel 1947 nei pressi di Roswell.

La mostra non si limita ad esaminare i casi ufo americani. Ed è qui che viene mostrato il materiale del caso Dalnergorsk, dietro un cartello che recita “Autentico Artefatto Alieno”. L'uso della parola “autentico” è un affermazione piuttosto audace, considerando il fatto che la mostra - la prima di questo genere in un museo nazionale - è stata organizzata in una struttura affiliata allo Smithsonian Institution. Ci si chiede, allora, se l'apertura della mostra sull'Area 51 non possa essere il segno che il governo americano (e quello russo) siano pronti a rivelare l'esistenza di civiltà extraterrestri che operano ordinariamente sul nostro pianeta.

La missione globale della Smithsonian Institution è quella di “dare forma al futuro, conservare il nostro patrimonio, scoprire nuove conoscenze e condividere le nostre risorse con il mondo”. A quanto pare, la missione globale comprende anche l'esposizione di possibili detriti di uno schianto ufo. Forse la descrizione di “Autentico Artefatto Alieno” è un altro passo avanti sulla strada della divulgazione di E.T.


fonte

http://noiegliextraterrestri.blogspot.it/2012/12/la-russia-ancora-sotto-i-riflettori-ora.html#more

Nessun commento:

Posta un commento