Alert - Nibiru is coming

Il Pensiero di Angeli in Astronave

Angeli in Astronave è distaccato da tutti coloro che professano amore…e in realtà guadagnano con la sapienza che non gli appartiene… ribadisco …nomi altisonanti … artefatti di strani effetti speciali …visivi o non… strumentalizzare… gruppi di appartenenza…donazioni … plagio… bugie da effetto… mancanza di umiltà… falsi nel pubblico…violenti nelle mura domestiche… guru e maestri …diffidate da ogni cosa artefatta… l’Amore unisce in semplicità…non ha bisogno di una carta scritta…la Verità non si vende ne si compra…fatene tesoro… Dolbyjack!

"Con riferimento al Decreto legislativo 9 aprile 2003, n.70 che si occupa di Attuazione della direttiva 2000/31/CE. Facendo anche riferimento al libro verde sulla tutela dei minori e della dignità umana nei servizi audiovisivi e di informazione COM (96) 483, il presente sito web: (Angeli in Astronave) è fruibile a soli Maggiorenni e pertanto proibito a tutti coloro che siano sofferenti psichici o vulnerabili ad informazioni di questo tipo e quindi influenzabili dal punto di vista psicologico.”

Buona Navigazione Cari Angeli, Namasté..

Video Discosure-Nibiru e Mauro Biglino

Riflessioni

La dottrina e pratica più blasfema della Chiesa Cattolica è quella della transustanziazione e del sacrificio della messa. La transustanziazione (fatta dogma dal concilio Lateranense IV nel 1215, elaborata in seguito da Tommaso d'Aquino e sancita definitivamente dal Concilio di Trento) insegna che: il pane e il vino, al momento della consacrazione vengono dal sacerdote cambiati nel corpo e nel sangue di Gesù Cristo (ogni giorno quindi vengono all'esistenza migliaia e migliaia di nuovi Gesù). La Scrittura insegna che nella cena c'è solo la presenza spirituale di Gesù (Luca 22:19-20; Giovanni 6:63; 1 Corinzi 11:26). Inoltre, nell'adorazione dell'ostia, la Chiesa di Roma adora un dio fatto dalle mani di uomini. Questo è il colmo dell'idolatria, ed è completamente contrario allo spirito del Vangelo che richiede di adorare Dio in spirito e verità (Giovanni 4:23-24). Carlo Fumagalli ex prete ed antropologo

Rasoio di Ockam suggerisce che: "tra varie spiegazioni possibili di una data osservazione, quella più semplice ha maggiori possibilità di essere vera".

DA QUANDO E' DIVENTATO REATO AVER CARA LA VITA?

"Nessuna causa è persa finché ci sarà un solo folle a combattere per essa".

Disclose.tv - ANONYMOUS MESSAGE TO NASA ABOUT ETS
http://www.disclose.tv/action/viewvideo/104638/ANONYMOUS_MESSAGE_TO_NASA_ABOUT_ETS/ Agenzia spaziale più importante del mondo, ti abbiamo osservato e ascoltato per molto tempo, siamo contrariati dalle tue costanti smentite e insabbiamenti, sappiamo tutti i tuoi piccoli e sporchi segreti e i trucchetti che usi. Sappiamo come hai falsato tutte le immagini della superfce dei pianeti e dei satelliti che li circondano, sappiamo come hai falsato e nascosto la verità al mondo. Ora abbiamo abbastanza filmati immagini e informazioni che tu non hai. Saremo capaci di mostrare la verità e lo faremo presto, pensi che stiamo bleffando? allora ascolta, la complessità della loro abilità è incomprensibile[...]l'ormeggio dei loro veicoli sembra molto NASA(non diciamo di più) è per i tuoi trucchi?Sappiamo anche come hai rilasciato strani fotogrammi che mostrano dischi che visitano e poi lasciano la terra e hai consigliato agli astronauti di menzionare volta per volta gli ufo, questo è per far credere che sai molto poco di quello che stà accadendo (mentre altri pensano di aver trovato la verità) ma in realtà la verità è così incomprensibilmente vasta e così semplice che sfugge anche ai migliori dispositivi e menti. Ora, sai che facciamo sul serio. Ora ci rivolgiamo a tutti i cittadini del mondo, le entità extradimensionali non sono malvagie come vogliono farvi credere, al contrario, hanno creato il nostro universo quindi sono presenti da prima di noi, non c'è nienti di cui temere, questo è l'inizio della rivoluzione spirituale ed evoluzione della specie umana Traduzione per Angeli in Astronave Raffaele V.

video prova

La morte non esiste è una invenzione della Chiesa Cattolica - Guarda il video e capirai| Nuove tecnologie ci renderanno liberi

domenica 16 marzo 2014

Un sismologo lancia l'allarme: "presto un terremoto in Italia" Marco Mucciarelli: “Terremoto al Sud entro 2015"…

Leggilo … male non fa … Dolbyjack
Segnalato da Rosa… Grazie!

L’Italia è sotto la minaccia di un terremoto che potrebbe essere distruttivo! È questo l’allarme lanciato da Marco Mucciarelli, laureato in Fisica e professore universitario di Sismologia Applicata presso la Scuola di Ingegneria dell’Università della Basilicata. Mucciarelli è anche il direttore del Centro Ricerche Sismologiche dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale.

Nel suo blog ha sottolineato la veridicità di quanto dichiarato dal Capo Dipartimento della Protezione Civile che ha riconosciuto di aspettare un imminente terremoto che interesserebbe lo stivale. L’analisi parte con una semplice conta delle scosse definite catastrofiche, cioè con una magnitudo superiore ai 6.3 gradi.

Dal 1100 a oggi se ne sono contati 59, anche se alcuni potrebbero non essere arrivati fino a noi. Prendendo per buono questo dato, significa però che la loro media si aggira su uno ogni 15 anni, ed a oggi ne sono passati addirittura 33 dall’ultima violenta scossa registrata: era il 1980 e a tremare fu l’Irpinia.

Questo significa che è già passato più del doppio del tempo dell’attuale media e che siamo ormai prossimi al periodoSismologo: presto un terremoto distruttivo sull'Italia massimo mai intercorso tra scosse di questo tipo, 38 anni tra il sisma dell’Irpinia del 1930 e quello del 1968 del Belice. Non è possibile fare delle stime molto precise o individuare data e luogo, ma bisogna tener conto che un episodio significativo di terremoto è prossimo e Mucciarelli invita a non farsi trovare impreparati.

Probabilmente più a rischio è il Sud dello Stivale, secondo il professore in questo momento si parla di un 30% di possibilità; il calcolo è semplice: il 60% dei terremoti di quell’intensità avvengono nella sud dell’Italia, la media di attesa di questi eventi è di quattro anni e visto che la conta è cominciata l’anno scorso, il 50% delle probabilità parla di una scossa entro un anno, ecco quindi arrivare la stima di una possibilità attestata intorno al 30%.

http://www.segretiemisteri.com/?p=10395

Fonte: ilsapereepotere.blogspot.it
- - - - -
Marco Mucciarelli: “Terremoto al Sud entro 2015"

Marco Mucciarelli, laureato in Fisica e professore universitario di Sismologia Applicata presso l’Università della Basilicata, ha lanciato un allarme tramite il suo blog: “L’Italia è sotto la minaccia di un terremoto che potrebbe essere distruttivo.”

Mucciarelli, direttore del Centro Ricerche Sismologiche dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale, nel suo blog ha anche sottolineato la veridicità di quanto dichiarato dal Capo Dipartimento della Protezione Civile che ha riconosciuto di aspettare un imminente terremotoche interesserebbe l’Italia.

L’analisi parte con una semplice conta delle scossedefinite catastrofiche, cioè con una magnitudo superiore ai 6.3 gradi. Dal 1100 a oggi se ne sono contati 59, anche se alcuni potrebbero non essere arrivati fino a noi. Prendendo per buono questo dato, significa però che la loro media si aggira su uno ogni 15 anni. E a oggi ne sono passati addirittura 33 dall’ultima violenta scossa registrata: era il 1980 e a tremare fu l’Irpinia. Questo significa che è già passato più del doppio del tempo dell’attuale media e che siamo ormai prossimi al periodo massimo mai intercorso tra scosse di questo tipo, 38 anni tra il sisma dell’Irpinia del 1930 e quello del 1968 del Belice.

Non è possibile fare delle stime molto precise oindividuare data e luogo, ma bisogna tenere conto che un episodio significativo di terremoto è prossimo e Mucciarelli invita a non farsi trovare impreparati.

Probabilmente più a rischio è il Sud. Secondo Mucciarelli in questo momento si parla di un 30% di possibilità. Il calcolo è semplice: il 60% dei terremoti di quell’intensità avvengono nel sud dell’Italia, la media di attesa di questi eventi è di quattro anni e visto che la conta è cominciata l’anno scorso, il 50% delle probabilità parla di una scossa entro un anno. Ecco quindi arrivare la stima di una possibilità attestata intorno al 30%.

Fonte: http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-italia/marco-mucciarelli-terremoto-sud-entro-2015-piu-probabile-rispetto-a-1596382/
- - - - -
Il terremoto che verrà. Intervista al prof. Mucciarelli: «La questione è innanzitutto culturale»

di Massimiliano Maccaus

Un terremoto catastrofico colpirà presto l’Italia nei prossimi cinque anni; probabilmente sarà localizzato a Sud. Questo il sunto di come il tam tam mediatico, nelle scorse settimane, ha interpretato un post pubblicato sul blog di Marco Mucciarelli, professore di sismologia applicata all’Università della Basilicata. Non è allarmismo, non si tratta di catastrofismo, nè c’entrano qualcosa le sfere di cristallo o la letteratura escatologica. Il professore, infatti, ci tiene a chiarire. Concedendo una chiacchierata a Caffè News.

Professore, ci spieghi: i terremoti si possono prevedere? Qualcuno ha letto nel suo post un tentativo in questa direzione.

Sorride. “Certo che no, i terremoti non si possono prevedere, se per prevedere s’intende dire con esattezza il quando, il dove e il quanto forte. Ma la statistica non è un’opinione, ma a modo suo una scienza esatta. Viviamo nel secondo periodo più lungo, in epoca storica, vale a dire da quando abbiamo notizie certe, senza forti terremoti. Dobbiamo prepararci, perché le probabilità che un sisma disastroso ritardi ancora sono ogni giorno più basse”.

Che ne pensa della sentenza dell’Aquila e dei sismologi condannati?

“La sentenza ha espresso giudizi fuorvianti, ma peggio ancora ha fatto la stampa. In Giappone non vivono marziani, eppure la gente convive decentemente coi terremoti. In California e Nuova Zelanda è vietato edificare prima di trecento metri dalle coste. Se solo si volesse, si potrebbero introdurre anche in Italia alcune best practises, ma servono prevenzione e comportamenti corretti da parte di tutti”.

Una rivoluzione culturale? Ci spieghi meglio.

“I cittadini, per esempio. Invece di andare dai propri sindaci a chiedere l’ennesima deroga al piano regolatore generale, li incontrino per chieder conto del fatto che in pochi hanno adottato un piano di prevenzione sismico come prevede la legge. I primi cittadini sono i primi ufficiali di protezione civile. Nei fatti, invece, il rischio sismico aumenta giorno dopo giorno. Per fare un esempio, lo stesso terremoto di Avezzano del 1915, oggi farebbe ancora più morti, e più danni, perché da allora non è che non sia cambiato nulla, ma anzi la situazione è peggiorata”.

Peggiorata, in che senso?

“Nel senso che dagli anni quaranta agli anni sessanta i comuni facevano carte false pur di uscire dalla classificazione di rischio sismico, per poter edificare liberamente, e indiscriminatamente, producendo la devastazione del territorio che tutti conosciamo”.

Quindi, il suo non è allarmismo.

“Quanto ho scritto non è allarmismo. La parte peggiore la fanno i siti di sismologia commerciale, che per un click in più sui loro banner a pagamento sono disposti ad uscire con titoli fuorvianti e sensazionalistici. Quanto ho scritto è un dato di fatto. Bisogna capire che il terremoto non è un evento magico, anche se evoca da sempre le peggiori paure e i più grandi fantasmi. Ma il tempo degli indovini che, scrutando il cielo, vaticinano il volere degli Dei s’è concluso da un pezzo”.

Quali ritiene che siano le misure più urgenti da adottare?

“Di certo mettere in opera il piano nazionale per la riduzione del rischio sismico. Concentrarsi sul risanamento di scuole ed ospedali. Chiedere ai sindaci di predisporre piani comunali di protezione civile, e di intervento in caso di terremoto, e soprattutto di accertarsi che tutti i cittadini ne siano a conoscenza, e che si realizzino delle esercitazioni serie. Ma la questione è anzitutto culturale: i cittadini devono capire che il problema li riguarda direttamente, deve formarsi dal basso una consapevolezza che oggi non c’è, partendo dalle scuole. Bisogna che si capisca che con la prevenzione si risparmia. E che lo scopo ultimo, è più importante, è salvare vite umane”.

Questo è un concetto difficile da far passare.

“Ma perché? Sapete che, per esempio, tra una casa costruita a regola d’arte dal punto di vista della prevenzione sismica e una casa costruita che so, con materiali diversi, più economici, la differenza nel costo è di solo il cinque per cento? Ma anche le regole non assistono un cambio di prospettiva culturale, basti dire che quando s’affitta un immobile bisogna produrre una certificazione energetica, ma niente è richiesto intorno al rischio sismico”.

Ma perché in Italia siamo così indietro?

“Perché siamo un popolo allergico alle regole. Riesce ad immaginare un politico italiano che faccia campagna elettorale dicendo ‘nessuna deroga al piano regolatore’, ‘lotta senza quartiere all’abusivismo’, ‘riedificare prima di costruire’? La posta in gioco è il deprezzamento degli immobili nelle zone sismiche: per questo i sindaci, anche se sono previsti finanziamenti per la messa in sicurezza delle aree, spesso nemmeno li richiedono. Agendo diversamente, perderebbero le elezioni prima di cominciare, perché ognuno pensa che tanto il terremoto non è affar suo, che arriva sempre altrove, che è meglio privilegiare l’interesse economico immediato. Non capendo che, anche se arriva altrove, nei fatti come popolo lo paghiamo tutti insieme. Ne sia prova l’ultima campagna elettorale: nessuno, ma proprio nessuno, ha mai parlato della messa in sicurezza del territorio. All’estero, invece, quei proclami sono proprio quello che la gente s’attende, e senza metterli in programma nessuna forza politica può sperare di vincere le competizioni elettorali”.

C’è molta disinformazione, a quanto asserisce.

“La fa da padrone. Per esempio, nella zona flegrea è grande il clamore mediatico intorno alle trivellazioni realizzate nell’ambito del Deep drilling project, coordinato dal collega Giuseppe de Natale. Non è possibile per l’uomo scatenare le forze della natura, neanche volendolo. E l’esperimento fa parte di progetto teso a conoscere meglio la camera magmatica sottostante, e a ridurre il pericolo sismico. Lo stesso si può dire della moda di parlare tanto del vulcano Marsili: non ci sono testimonianze né dirette né indirette, in epoca storica, di tsunami riconducibili a sue eruzioni. Mentre sappiamo tutti cosa è stato capace di fare il Vesuvio: francamente, me ne preoccuperei molto di più, anche perché un vulcano a terra è molto più pericoloso di un vulcano sottomarino”.

Il terremoto di qualche giorno fa, in Lunigiana, per alcuni avrebbe disatteso le sue previsioni di un evento al Sud.

“Ma mi faccia il piacere. Quello della Lunigiana è uno dei quattro terremoti su dieci che interessa il nord Italia. Che è un’area, del resto, estremamente attiva e pericolosa. La forza e la frequenza di un evento sismico sono cose ben diverse, lo capisce pure un bambino, e il Pedemontano Veneto, le Prealpi piemontesi e il Ponente ligure sono zone grandemente attive dal punto di vista geologico, con potenziali distruttivi anche superiori al sesto grado”.

Ma anche il Sud non scherza.

“Certamente no, ma il comportamento della crosta terrestre non è prevedibile se non su base statistica. E certe volte è del tutto imprevedibile. Nel basso Appennino, per esempio, tra il 1894 e il 1908 c’è stato un cluster di quattro eventi molto forti a distanza ravvicinata tra loro: Bagnara Calabra, Pizzo Calabro, la costa est della Calabria, e il disastroso terremoto di Messina. Nessuno avrebbe potuto prevederlo”.

Allora, si rischia di più lì?

“L’unica cosa che è possibile dire è che, sulla base della sismicità del passato, è già trascorso parecchio tempo dal 1908 senza eventi di rilievo”.

Quindi?

“Quindi è possibile prepararci: rispetto a un secolo fa abbiamo conoscenze e capacità per porre rimedio per tempo”.

Qual è dunque il nocciolo del problema?

“Che gli scongiuri purtroppo aiutano poco. La questione è culturale, una gravissima questione culturale. E’ su quello che bisogna insistere, è su questo che bisogna lavorare”.

Grazie professore, e buon lavoro da Caffè News.

E per voi, la mappa interattiva dei terremoti italiani dall’anno 1000 ai giorni nostri, direttamente dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia.

- See more at: http://www.caffenews.it/macchiato/52252/il-terremoto-che-verra-intervista-al-prof-mucciarelli-la-questione-e-innanzitutto-culturale/#sthash.WZi2CIuX.dpuf

http://informatitalia.blogspot.it/2014/03/un-sismologo-lancia-lallarme-presto-un.html

Nessun commento:

Posta un commento